TRA I VERSI DELLE ANIME DI GIORGIO PULVIRENTI

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: TRA I VERSI delle nostre ANIME.
Autore: Giorgio Pulvirenti.
Genere:Romanzo storico.
Pagine: 374.
Editore: Self Publishing, 27 agosto 2021.
Formato disponibile: Kindle 3,99€.
Trama:

https://www.amazon.it/Tra-versi-delle-nostre-anime-ebook/dp/B0993RM783/ref=mp_s_a_1_1?crid=EDXS0OZH1W5Q&dchild=1&keywords=tra+i+versi+delle+nostre+anime&qid=1630360409&sprefix=tra+i+ver&sr=8-1

1914. A Mayrhofen, un tranquillo villaggio abbarbicato sulle Alpi austriache, la diciassettenne Isabel Berger si dedica assieme ai genitori e ai fratelli più piccoli, a badare al maso di famiglia e ai suoi adorati cavalli. Grazie a eventi fortuiti, scopre in sé la propensione verso l’arte medica, e la letteratura. Inaspettatamente, la quotidianità del villaggio viene stravolta dall’arrivo della Grande Guerra. E così, la maggior parte degli uomini decide di arruolarsi, compreso suo padre. I sogni di Isabel sembrano infranti. Qualcosa, di nuovo, però, si profila all’orizzonte. A Mayrhofen si presenta Daniel von Leiss, il nuovo insegnante della piccola scuola…

Giudizio:

Mayrhofen è un piccolo villaggio arroccato lungo i pendii delle Alpi austriache, conta una cinquantina di abitazioni col caratteristico tetto spiovente, tutte poste l’una vicino all’altra, intorno all’unica piazza ed al centro una chiesetta. Fuori dal centro abitato, diversi e tortuosi sentieri portano alle baite , sparse in solitario qua e là. In una di esse vive assieme alla sua famiglia la diciassettenne Isabel Berger, una fanciulla dai classici lineamenti delle donne austriache, ovvero con gli occhi azzurri, una carnagione chiara puntellata da delicate lentiggini e lunghi capelli biondo miele. Isabel trascorre le sue giornate dividendosi tra i faticosi impegni alla fattoria e i servizi domestici, mentre il resto del tempo lo rintaglia per sé e le sue passioni: lo studio e la lettura, la cura dei due suoi cavalli e le intime confidenze con la sua migliore amica Alina. Isabel non ha mai messo piede fuori da Mayrhofen ed infatti sogna un domani di frequentare l’università di Innsbruck così da concretizzare il suo sogno di diventare medico. La propensione per l’arte medica l’è stata trasmessa dal dottor Schmid, il medico del paese, difatti,grazie ai suoi input, Isabel non solo ha imparato in poco tempo a leggere e scrivere così da essere poi stata ammessa alla quarta classe con il massimo dei voti, ma affiancandolo come assistente ha potuto fare pratica sul campo. È dunque una ragazza diligente e caparbia, sognatrice ma anche pragmatica. La sua tranquilla quotidianità viene improvvisamente stravolta da due eventi che segneranno in modo differente il resto della sua esistenza. In primis la Grande Guerra che si sta combattendo poco distante da Mayrhofen bussa con prepotenza alle porte del villaggio, costringendo la maggior parte degli uomini ad arruolarsi come volontari, compreso suo padre Florian. Un dolore e un vuoto difficile da accettare con cui, però, Isabel cerca di convivere per far forza a sua madre Johanna e ai suoi fratelli minori. L’altro evento che determina un ulteriore cambiamento nella vita di Isabel è l’arrivo di un nuovo insegnante, il giovane Daniel von Leiss. ” La prima cosa che catturò la sua attenzione fu lo sguardo penetrante dei suoi occhi color nocciola racchiusi in un viso delicato ma con un mento un po’ sporgente”. L’arrivo di questo sconosciuto misterioso nonché affascinante provoca in lei un senso crescente di curiosità. Una piacevole distrazione dal costante pensiero della sorte di suo padre al fronte, vista la scarsità di fonti veritiere su quanto stava accadendo davvero nei campi di battaglia. Quei giornali con cui di solito la sua famiglia alimentava il fuoco, se prima erano considerati da Isabel una sorta di finestra per osservare il mondo fuori da Mayrhofen, ora in tempo di guerra sono l’unico modo per sapere notizie, purtroppo, però, nulla di quanto scritto su di essi corrisponde al vero. Essi forniscono una visione edulcorata della realtà per tentare di placare la tensione e preoccupazione di chi era rimasto a casa. Isabel ne è perfettamente consapevole ma a distoglierla da pensieri nefasti ci pensa il suo nuovo insegnante che riesce non solo ad alimentare in lei il suo amore per i libri, ma anche a farla sentire “strana ma beatamente leggera” ogni volta che si perde nel suo sguardo o si fa trasportare dalla sua voce. Tra Isabel e Daniel nasce pian piano un sentimento forte a cui tentano invano di opporsi e a cui poi si abbandonano senza riserve vivendolo al riparo da occhi indiscreti nel loro rifugio segreto. Ma quella guerra rilegata ai margini del sud del Tirolo torna nuovamente a sconvolgere l’esistenza di Mayrhofen e soprattutto di Isabel allontanandola ancora una volta da qualcuno a lei caro, quell’uomo che è entrata in ogni fibra del suo essere trasformandola in una donna. Dopo l’ennesimo tiro mancino sferrato dal destino Isabel, però, va avanti pronta a tenere fede ai suoi sogni e alle promesse fatte. La vedremo, pagina dopo pagina, crescere, soffrire, emozionarsi, cadere ma anche rialzarsi. Sarà un percorso difficile ma non privo di nuove emozioni che la nostra protagonista riuscirà a vivere a pieno solo quando sarà capace di lasciarsi alle spalle il passato “bloccato tra le righe del tempo”. Quale sarà il destino di Isabel, la ragazza che sognava di diventare un medico? Una storia che io dividerei in due parti: una prima più descrittiva e dal ritmo più lento dove lo scrittore ha indugiato sull’analisi accurata dei luoghi, dei personaggi e delle dinamiche storiche e personali; invece la seconda parte è più introspettiva ma anche quella in cui si concretizza il “percorso evolutivo” a cui sottopone la sua protagonista e che mi ha trasmesso più emozioni. Isabel fa tesoro del prezioso consiglio datole da sua nonna, imparando a lasciarsi andare alle emozioni e amando con tutta se stessa perché ” una vita senza amore sarà sempre una vita sprecata”.

Stelle: 4 ⭐️⭐️⭐️⭐️

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...