UN RE SENZA REGOLE DI KENNEDY RYAN

Eccoci con una nuova recensione.

Titolo: Un re senza regole

Autrice: Kennedy Ryan

Edito: Newton Compton Editori

Pagine: 416

Data d’uscita: 18 ottobre 2021

Prezzo kindle: 5,99 €

Prezzo cartaceo: 14,90 €

Trama:

https://www.amazon.it/senza-regole-All-Kings-Vol-ebook/dp/B09HSZP4ZL/ref=mp_s_a_1_1?crid=TC95PQMNXS7B&keywords=un+re+senza+regole&qid=1642441915&sprefix=un+re+sen%2Caps%2C82&sr=8-1

Non ho avuto un’infanzia come le altre. Sono stato cresciuto per diventare un leader, mi hanno nutrito di ambizione e privilegi fin da quando ho memoria. In un mondo diviso tra chi ha tutto e chi non ha niente, la mia famiglia rappresenta tutto quello che odio. Per questo mi sono allontanato. Sono la pecora nera di casa, perennemente in contrasto con mio padre. Voglio essere l’artefice del mio destino, non importa quanto siano rigide le regole che mi sono imposto. Lennix Hunter è l’unica eccezione. Dal primo momento in cui l’ho vista, ho capito che era speciale. Che avrei fatto qualunque cosa per tenerla vicina. Il problema è che odia mio padre. E se sapesse che sono suo figlio, anche se siamo così diversi, non mi rivolgerebbe mai più la parola. Ho mentito per l’unica volta nella mia vita. Ho nascosto la verità alla donna che amo. E prima o poi dovrò pagarne le conseguenze.

Parliamo del libro…

Maxim ha un progetto di vita, quello di rendere il mondo più pulito, e questo va contro ogni prognosticò di suo padre.

Il loro non è un rapporto amorevole proprio per gli scontri dovuti alle loro idee completamente diverse, ma Maxim non si fa scoraggiare da nulla.

Fino a quando non incrocia per la prima volta una ragazza che lotta e fa sentire la sua voce per le sue idee, Lennix.

Lei che proviene da due mondi diversi, cresciuta con idee contrastanti dei genitori, ha imparato ad amare le sue origini, ma anche la modernità dell’altra metà delle sue origini. È una ragazza che ama combattere per la sua terra e non si fa mettere i piedi in testa da nessuno, tanto meno da Wallen Cade che vuole inquinare la sua terra, le sue origini.

Maxim figlio di Wallen, sa che questa ragazza che lo ha stregato odia suo padre, e per non perdere preferisce omettere la verità, solo che non aveva fatto i conti sulla possibilità di perderla non confessandole le sue ragioni.

Ma lui l’unica cosa che ha preso da suo padre è che se vuole qualcosa la ottiene con la sua testardaggine, ma Lennix riuscirà mai a perdonarlo? E soprattutto riuscirà ad accettarlo, proprio lui, il figlio dell’uomo che lei odia con tutta de stessa?

Cosa ne penso?

Un libro che mi ha tolto il fiato fino all’ultima riga e ringrazio molto che ho preso in mano questo libro quando è già uscito il seguito altrimenti non sarei riuscita a stare tranquilla senza sapere come andava a finire.

Mi è piaciuto molto perché mi ha dato la possibilità di scoprire un mondo diverso dal mio, dove credenze e altri modi di vivere rispetto al mio siano comunque così bello e significativi.

Una storia davvero fantastica e originale, con valori molto profondi e pieni di significato.

Ma ora non vi annoio più del dovuto, perché non vedo l’ora di andare avanti e scoprire cosa succederà nel seguito.

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

OTELLO E LA MALEDIZIONE DEGLI HOTEL DI PABLO AYO

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: Otello e la maledizione degli hotel.
Autore: Pablo Ayo.
Genere: Noir Comic.
Pagine: 384.
Editore:Self Publishing, 15 luglio 2021.
Formati disponibili: Kindle 2,99€/ Kindlunlimited 0,00€/ Cartaceo 13,52€.
Trama:

https://www.amazon.it/Otello-maledizione-degli-Hotel-Pablo-ebook/dp/B099NZMS3G/ref=mp_s_a_1_1_nodl?crid=1FICG40XQ61ME&keywords=otello+e+la+maledizione+degli+hotel&qid=1642440704&sprefix=otello+e+la+maledizione+degli+hotel%2Caps%2C70&sr=8-1

A Otello Bonacasa gli hotel portano sfortuna: braccia rotte, fidanzamenti saltati, lavori persi. Tutto da quando a sedici anni Evaristo, il bulletto del liceo, gli diede il soprannome di “Hotello” con l’ “H”. Evitando di avvicinarsi a alberghi, pensioni , B&B e soprattutto hotel, pian piano le cose gli vanno meglio: diventa un informatico di successo e fonda assieme all’amico Marco Trifoldi l’azienda “Cloud 9” . Finalmente ha un sacco di soldi, un lussuoso appartamento e una fidanzata bellissima: Alisa. Tutto va bene fino a quando non si reca negli Emirati Arabi per presentare il suo nuovo progetto agli azionisti. Convinto che ormai la sfortuna sia passata, alloggia nell’hotel più bello di Dubai, l’ Atlantis. Da quel momento la vita di Otello va a pezzi: quando la polizia trova nella sua stanza d’albergo una valigia piena di cocaina si ritrova costretto a fuggire, prima dagli Emirati Arabi e poi dal carcere di Rebibbia, inseguito da sicari della Camorra, spacciatori colombiani e malavita romana. Otello dovrà riuscire a scoprire chi lo vuole incastrare e perché, con l’aiuto di alcuni incredibili personaggi incontrati in carcere: il gigante polacco Baby Wachowsky, il vucumprà Sahid, il falsario veneto Bepi, il contrabbandiere ligure Ceschìn e soprattutto Evaristo, il suo odiato ex compagno di liceo che lo aveva soprannominato “Hotello”.

Giudizio:

Mai farsi ingannare dalle apparenze, perché nulla è come sembra! Confesso di essermi approcciata a questo romanzo con un certo scetticismo, in quanto la cover, che mi è parsa simile alla locandina di un film, non mi ha entusiasmata. Sin dalle prime battute ho iniziato a ricredermi e mi sono ritrovata immersa dentro una storia che si è rivelata: esilarante per via di alcune situazioni davvero surreali e addirittura comiche; incalzante per via degli innumerevoli colpi di scena ed infine sorprendente grazie ad un finale che lascia il lettore con un sorriso compiaciuto in volto. Tutto ruota intorno alle strampalate vicissitudini in cui viene a trovarsi, suo malgrado, il nostro protagonista: Otello Bonacasa, un placido informatico, convinto che su di lui aleggi, come la fantomatica nuvoletta fantozziana, una terribile maledizione, quella degli hotel. Tutta colpa di Evaristo Tornabuoi , il bulletto del liceo, che per cinque anni lo ha preso di mira con scherzi e sfottò di cattivo gusto e gli ha affibbiato il soprannome di “Hotello” con l’ “H”. Da quel giorno , ogni volta che si è avvicinato ad un hotel, albergo, pensione o b&b gli sono capitate le peggiori sventure e di conseguenza ha deciso di tenersene a debita distanza. È andato avanti con la sua vita, è diventato un abile informatico, ha creato assieme al suo socio, nonché migliore amico, Marco Trifoldi una società , la Cloud 9, da 11 milioni di euro. A completare questo quadro idilliaco vi è la presenza al suo fianco della bellissima ex modella di Vogue, la sua fidanzata: Alisa Aldovrandi!Tutto pare ruotare dalla sua parte, ma il nostro protagonista commette un madornale errore in quanto, convinto di essersi lasciato alle spalle la sua maledizione e recatosi per lavoro negli Emirati Arabi, decide di alloggiare presso l’Atlantis , uno degli hotel più lussuosi di Dubai. “Non guardare giù, non guardare giù”. Ecco queste sono le parole che continua a ripetersi Otello per non pensare ai 35 metri di altezza che lo separano dal suolo! Ma cosa ci fa vestito dei suoi soli slip bianchi di Calvin Klein e appeso al cornicione dell’hotel, mentre fuori impazza una vera e propria tempesta di sabbia? Ebbene la maledizione di Evaristo ha colpito ancora! Il povero Otello è accusato di aver introdotto nel paese una valigia piena di cocaina purissima, ritrovata inspiegabilmente nella sua stanza. Ha un’unica alternativa, ovvero quella di fuggire dagli Emirati Arabi, dove è prevista la pena di morte, di solito commutata in carcere a vita, in caso di una eventuale condanna per detenzione e spaccio di stupefacenti e tornare in Italia per dimostrare la sua totale estraneità ai fatti! Mai avrebbe immaginato in primis di uscire indenne ( non si capirà mai come!) dopo un volo di 35 metri e poi di doversi travestirsi da ballerina di danza del ventre, così da passare inosservato sul jet privato di uno sceicco arabo che si sta recando a Roma. Per fortuna può contare sull’aiuto tempestivo e prezioso di Camillo De Paolis , un suo impiegato, e sulla complicità di Julia,una giovane brasiliana, che lo colpisce sin da subito, facendogli persino non sentire la mancanza di colei che invece ha scelto come sua compagna di vita. Una volta atterrato a Ciampino, i guai per il nostro informatico sono solo agli inizi, in quanto finisce nel carcere di Rebibbia, con l’accusa non solo di essere un trafficante di droga , ma anche di essere indebitato fino al collo e proprio per salvare la sua società dal crack finanziario ha organizzato un traffico internazionale di cocaina. Si trova a fare amicizia con una serie di strambi ma affidabili soggetti, come il gigante Baby, il falsario Bepi, il vucumprà Sahid, il contrabbandiere Ceschìn e soprattutto Evaristo, quello che ha da sempre considerato come il suo incubo.

Sarà proprio questa strana combriccola a diventare per Otello la sua ancora di salvezza, quando si rende conto che qualcuno è pronto a tutto pur di saperlo fuori dai giochi e che non è l’unico, ma sulle sue tracce, gli corrono dietro, con intenzioni non pacifiche, camorristi e colombiani, bramosi di riappropriarsi di quella preziosa cocaina. Ma chi è la mente diabolica che tesse le fila di questa storia? E perché? Gelosia? Soldi? Oppure brama di potere? Tra inseguimenti e fughe roccambolesche, tra sparatorie ed esplosioni, riuscirà il nostro Otello a smascherare chi ha dato inizio alla sua assurda avventura? Otello avrà anche modo , tra mille sventure, di capire il vero significato delle parole “amore” e “amicizia”! E che ne sarà della sua maledizione? Una trama originale in cui l’ autore ha saputo dosare umorismo, suspense ed emozioni grazie dei personaggi resi veritieri grazie alle loro espressioni dialettali. Una lettura che mi ha fatto sorridere, emozionare e soprattutto mi ha sorpresa!!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

FEMME FATALE DI LADY D. & K. JACKSON

Ed eccoci con una nuova recensione.

Titolo: Femme Fatale

Autrici: Lady D. & K. Jackson

Data d’uscita: 13 gennaio 2022

Pagine: 225

Prezzo kindle: 2,99 €

0,00 € con abbonamento kindle Unlimited

Trama:

È tutto ciò da cui dovrei tenermi alla larga, da quando l’ho tradita.
L’ultima volta che l’ho vista impugnava il suo coltello preferito, ed era pronta a conficcarmelo nel petto se non fossi sparito dalla sua vista all’istante.
Le nostre strade sembravano essersi divise per non incrociarsi mai più, ma ora che mio padre è stato assassinato non ho altra scelta: devo andare da lei. Anche a costo di farmi ammazzare.
È solo con Arya al mio fianco che potrò avere la mia vendetta.
Non posso farcela da solo.
Non questa volta.
Non contro Arturo Casablanca.
HO BISOGNO DI LEI.
Con il suo cuore tinto di nero, capovolto come una picca, che adesso impugna come un’arma di distruzione.
Tanto in guerra, quanto in pace.
Ho bisogno di lei anche se sono BYRON DIMITRY.
L’erede dell’ultimo grande Boss di Chicago.
IL TRADITORE CHE NON HA MAI SMESSO DI AMARLA.

Parliamo del libro…

La chiamano regina di picche, è l’unica donna che potrebbe ucciderti senza neanche accorgertene. Da sempre fidanzata di Byron, ma lui l’ha tradita e ci è mancato davvero poco che l’amato coltello di Arya gli venisse ficcato dritto al cuore.

Ma lui adesso ha bisogno di lei per rivendicare la morte di suo padre, e solo di lei si può fidare, ed è sicuro che insieme riusciranno nell’intento, e magari riuscirà anche a farsi perdonare.

L’unico uomo di cui Arya si sia fidata, l’ha spezzata, devastata, e ora vuole che lei lo aiuti? Ma come farà ancora a fidarsi di lui e a lavorare con lui? L’unica cosa che non gli impedisce di accettare e l’amore verso quello che le ha fatto da padre.

E vendetta sia…

Cosa ne penso?

L’ho aspettato per mesi, e adesso che l’ho terminato lo rileggerei immediatamente talmente ne sono rimasta entusiasta!

Finalmente un libro dove la donna è pari se non più potente di un uomo, una donna spietata da avere quasi paura a incontrarla nella sua strada. Ma è anche una donna che quando ama lotta e difende ciò che per lei conta.

Ho divorato questo libro, ne sono rimasta affascinata dalla prima all’ultima riga, e non vedo l’ora che esca il cartaceo per averlo nella mia libreria.

Io conoscevo già Lady D. e l’ho amata in ogni suo libro, e quando ho letto che stava scrivendo un libro a quattro mani avevo quasi paura, ma ragazzi queste due autrici sono una bimba assieme.

Non credo di avere parole per definire quanto mi sia piaciuto, ma posso dirvi che se ve lo perderete ve ne pentirete!

Ci avete fatto attendere, ci avete fatto soffrire ma ragazzi se ne è valsa la pena se poi è uscito questo capolavoro!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

AYLA UNA DONNA CORAGGIOSA DI GIUSTINA PNISHI.

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: Ayla : una donna coraggiosa.
Autrice: Giustina Pnishi.
Genere :Romance.
Pagine: 427.
Editore: Self Publishing, 5 dicembre 2021.
Formati disponibili:Kindle 2,69€/ Kindlunlimited 0,00€/ Cartaceo copertina flessibile 15,00€ – copertina rigida 20,00€.
Trama:

https://www.amazon.it/Ayla-ragazza-coraggiosa-Giustina-Pnishi-ebook/dp/B09N2SMTY4/ref=mp_s_a_1_1?crid=1I714JZ0HIHDW&keywords=giustina+pnishi&qid=1642438892&sprefix=giustina+pnishi%2Caps%2C73&sr=8-1

Ayla è una bambina kosovara che è costretta ad affrontare le difficoltà che la vita le riserva. Ancora adolescente s’innamora del suo professore e con lui inizieranno una nuova vita in una nuova nazione. Ma le disgrazie sono dietro l’angolo e la donna dovrà trovare il coraggio di andare avanti.

Giudizio:

Quando ho terminato la lettura di questo romanzo, ho cercato una immagine che meglio potesse descrivere o rappresentare la storia della protagonista. Mi è venuto in mente un complicato puzzle, composto da tanti piccoli tasselli, che ha richiesto per la sua realizzazione pazienza, sacrificio, dolore, ma soprattutto coraggio. Alcuni di questi tasselli , alla prima maligna folata di vento, sono volati via per sempre; ma presto se ne sono aggiunti altri a cercare di compensare la loro assenza. Forte e coraggiosa sono questi i due aggettivi che caratterizzano la personalità di Ayla il cui nome, fortemente voluto dalla sua mamma, in ebraico significa “quercia”e spesso la ragazza ha pensato che , forse, proprio in virtù del significato del suo nome, lei ha poi dovuto nella vita mostrarsi robusta e solida , proprio come quell’albero. Ayla ha infatti sempre mostrato una volontà di ferro. Dinanzi a tutte le difficoltà e ai dolori che la vita le ha imposto sin da ragazzina, lei è riuscita a trovare il tempo per fermarsi, riflettere e prendere le decisioni più giuste. La vita l’ha segnata sin da subito, quando l’ha privata all’improvviso dei suoi genitori! Da quel momento qualcosa in lei si è spezzato per sempre e anche, una volta divenuta adulta, nel ricordare quel giorno e quel dolore , ha la sensazione di sentire ancora il rumore del suo cuore che si spacca letteralmente in due. Non ha però versato una lacrima, si è concentrata a essere forte , consapevole che le sarebbe servito per affrontare le eventuali insidie future. Dopo la morte dei suoi genitori, rimasta sola, di lei hanno cercato di prendersi cura i suoi zii, ma la presenza e soprattutto la gelosia di sua cugina Tea hanno reso non facile il suo adattarsi ad una nuova realtà. Ayla si è però impegnata nello studio, cercando di non pesare sulle spalle dei suoi zii, è stata una adolescente che preferiva, a differenza della cugina, non mettersi in mostra, ma nascondeva le sue forme dentro alcuni maglioni del padre, che la facevano sentire al sicuro. Per via del dolore subito, non è mai stata il tipo da credere nel classico principe azzurro, fino a quando non ha incontrato Markus Martini, il suo professore, un uomo più grande di lei, che è riuscito con pazienza e caparbietà ad abbattere quel muro di diffidenza e timidezza dietro cui si nascondeva Ayla. È lui, l’uomo che nel bene e nel male diventerà per la nostra protagonista un tassello importante della sua vita! Mark si dimostrerà prima un uomo capace di infonderle sicurezza e amore, trasformandosi in un marito attento e premuroso; ma si rivelerà poi, in altri momenti difficili, non all’altezza di ricoprire il ruolo,ad esempio, di padre delle loro due figlie. Ad un certo punto della sua vita, Ayla ha dovuto per l’ennesima volta prendere coscienza che lei e suo marito viaggiavano su binari differenti: lei era rimasta fedele al loro amore, ai loro sogni e progetti di famiglia, lei aveva deciso persino di trasferirsi all’estero per inseguire il sogno da cui lui non si era mai staccato, non era mai riuscito ad andare oltre quello che era il suo obiettivo: i soldi! È come se dopo la morte dei suoi genitori l’anima della nostra protagonista non riuscisse a trovare pace, anche l’amore, dopo aver conosciuto Mark, non è stato in grado di portarle pace e tranquillità, ma tormento e dolore.

È come se dopo aver superato un ostacolo, la vita si divertisse a mettergliene un altro più grande, quasi a sfidarla. Ma Ayla si dimostra forte, come una quercia, e, anche se il destino prova più volte a farla cadere rovinosamente a terra, lei trova sempre la forza per rialzarsi e per ricominciare ad andare avanti, nonostante tutto. La scrittrice ha accompagnato passo dopo passo la sua protagonista in ogni step della sua vita: Ayla ragazzina, adolescente, moglie, madre e soprattutto donna! La sua esperienza insegna come , anche se la vita a volte infligge dolori indicibili o pone ostacoli irti, è pronta anche a regalare emozioni nuove e forti, che bisogna, però, cogliere al volo, senza il timore del domani. Cosa dire su questo romanzo? Il suo punto di forza è sicuramente la personalità di Ayla e il lavoro introspettivo compiuto su di essa. Le uniche due cose che magari io, personalmente, non ho gradito: è stata una trama un po’ prolissa e dal ritmo narrativo troppo lento e poi l’andare avanti e indietro con gli anni mi ha ,a volte, un po’ confusa. Nonostante ciò, è stata una lettura che mi ha emozionato!

Stelle: 4⭐️⭐️⭐️⭐️

NON DUBITARE MAI DEL MIO AMORE DI EMMA SCOTT

Eccoci con una nuova recensione.

Titolo: Non dubitare mai del mio amore

Autrice: Emma Scott

Edito: Always Publishing

Data d’uscita: 9 dicembre 2021

Pagine: 490

Prezzo kindle: 4,99 €

Prezzo cartaceo: 13,20 €

Trama:

https://www.amazon.it/gp/aw/d/B09N1NSLND/ref=tmm_kin_swatch_0?ie=UTF8&qid=1642438683&sr=8-1

A diciassette anni nella vita di Willow si apre una frattura profonda. Della ragazza estroversa che era non vi è più traccia,al suo posto rimane una giovane smarrita, devastata dallo stress post traumatico di un evento terribile. Quando suo padre sradica la famiglia dal lusso di New York per trascinare tutti nella piccola città di Harmony, nell’Indiana, Willow vede il trasferimento come un’occasione per sfuggire dalla prigione dei suoi segreti. 

Nel tentativo di sconfiggere l’apatia finisce per partecipare a un’audizione per l’Amleto, nel piccolo teatro cittadino e ottiene il ruolo di Ofelia – una fanciulla consumata dalla follia e dal suo amore per Amleto. 

Isaac Pierce è il cattivo ragazzo per definizione, quello che proviene dal lato sbagliato di Harmony:le ragazze vogliono attirare la sua attenzione e i ragazzi lo temono. Il suo talento per la recitazione non fa che acuire il suo fascino. Il palco è l’unico luogo dove Isaac si sente al sicuro dalla realtà difficile che vive a casa sua. Non c’è nulla che desideri più che fuggire a Broadway, o magari a Hollywood.

Nessuno può interpretare il ruolo di Amleto se non lui e, quando il regista lo affianca a Willow per leprove, i due si scontrano, volta dopo volta. 

Né Isaac né WIllow sono disposti ad aprire i loro cuori a nessuno. Ma i continui scontri conducono inevitabilmente al crollo, e il crollo porterà alla luce i segreti più dolorosi e nascosti di entrambi, finendo per sancire tra Isaac e Willow un legame d’amore puro. 

Pian piano scopriranno che le parole della tragedia di Shakespeare rispecchiano perfettamente gli avvenimenti delle loro vite, ma cosa riserverà ai due innamorati il finale? Dolore e follia, o la guarigione, l’amore, e la strada verso una vita diversa?

Parliamo del libro…

Willow appartiene a una famiglia di un certo calibro, non le è mai mancato nulla, aveva soldi, fama, e tutto quello che voleva, fino al giorno in cui tutto cambiò.

È bastato un solo giorno per distruggerla completamente, un passo sbagliato e ora nulla è più aggiustabile, e ora è solo un guscio vuoto della persona che era prima.

Così quando i suoi genitori comunicano che si dovranno trasferire nell’Indiana a lei nulla importa perché ormai a New York non ha più nulla.

Arrivata a metà anno scolastico gli studenti dell’Indiana possono risultare fastidiosi, invece alcuni di loro saranno proprio ciò che le serviva, ma sono anche due occhi che la osservano da lontano ma con la voce non parlano che le danno la fiducia che le mancava da un po’ di tempo.

Quegli occhi appartengono a Isaac, un ragazzo solitario, considerato poco e nulla dalla sua comunità con i problemi della sua famiglia, tutti consigliano a Willow di stargli lontano che lui porta solo guai.

Ma lei è pronta a correre un rischio, un rischio che l’aiuterà a togliersi un grande peso, ma allo stesso tempo mettersene un’altro sulle spalle.

E il loro amore proprio come nelle commedie che amano tanto recitare di Shakespeare potrà essere comunicato solo con i loro dialoghi, e vissuto in lontananza. Ma loro forse saranno più forti dei protagonisti delle loro commedie?

Cosa ne penso?

Se amate Shakespeare direi che questo libro è adatto a voi, perché proprio come tutti i suoi racconti questi protagonisti non saranno liberi di amarsi, e troveranno molte difficoltà.

Una storia davvero molto bella, che nonostante la lunghezza del libro ha catturato la mia attenzione e portata ad amare ogni singolo particolare.

Una storia di odio e amore, di rinascita e di perdono, dove solo l’amore può guarire ogni singola ferita.

Con la bravura di Emma e la sua tenacia, è riuscita a farne di questo libro un vero e proprio capolavoro.

Quindi direi che consiglio vivamente di leggerlo.

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

COME UN FARO NELLA NOTTE DI MARIA KATJA RAGANATO

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: Come un faro nella notte.
Autrice: Maria Katja Raganato.
Genere:Romance Contemporary.
Pagine: 192.
Editore: Pav Edizioni, 25 luglio 2020.
Formati disponibili: Kindle 2,99€/ Cartaceo 12,35€.
Trama:

https://www.amazon.it/gp/aw/d/B08SG49KYY/ref=tmm_kin_swatch_0?ie=UTF8&qid=1641999644&sr=8-1

Un’antica dimora nel centro storico di Gallipoli, nelle cui viuzze si respira l’odore frizzante della salsedine, che si mescola agli intensi aromi della cucina tipica salentina, fa da palcoscenico a diversi personaggi. Una giovane, che giunta alla soglia dei trentacinquesimo anno di età, decide di dare una svolta ad un’esistenza piatta, lasciando un lavoro che non la gratifica e trasferendosi in un’altra città. Un artista di strada claudicante e bellissimo, tanto da sembrare un angelo caduto dal cielo, con un passato ingombrante da dimenticare, che dopo un lungo girovagare per l’Italia, ha fatto di un faro abbandonato il proprio rifugio. Il rampollo di un’importante famiglia di produttori di vini , dotato di grande fascino e idolatrato dalle donne. Un misterioso vecchio, venuto dal Nord, alla ricerca delle proprie radici e di una ragione per vivere. E poi un pasticcere imbranato, una ragazza impacciata in conflitto con la propria immagine, due anziani coniugi, custodi di una dimora storica e del suo lussureggiante giardino pensile e un vetusto rigattiere, depositario di un’arte ormai perduta: la capacità di riparare vecchi oggetti.

Giudizio:

“La strada che conduce alla felicità e all’amore passa attraverso scelte coraggiose e spesso avventate”. Ho deciso di iniziare la mia recensione proprio con una frase utilizzata dall’autrice per dare inizio alla sua storia. In queste parole, credo, sia perfettamente riassunto il senso del suo romanzo! Coraggiosa e avventata appare inizialmente la scelta che compie la sua protagonista: Anna Lena Venneri, quando, al compimento del suo trentacinquesimo compleanno, facendo un bilancio della sua vita, si rende conto di sentirsi “irrisolta” , con un pressante bisogno di dare una svolta alla sua routine piatta e triste. La giovane non è soddisfatta né del suo lavoro presso uno studio che offre consulenze commerciali e tributarie, né tantomeno della sua vita sentimentale, costellata da numerose delusioni. Unica consolazione è l’affetto e il supporto della sua famiglia! Pertanto, decide di seguire il suo istinto che le consiglia di lasciare il lavoro, la famiglia e gli amici per trasferirsi nella “città bella”, ovvero l’appellativo da cui Gallipoli prende il nome nella lingua greca e più precisamente a casa Marchesa, l’antica dimora posseduta da zia Elvira ed ereditata, alla sua morte, da suo padre. Anna Lena, o più semplicemente Lena, ha in mente di ristrutturare quella splendida, ma disabitata dimora per trasformarla in un bed and breakfast. Mai avrebbe immaginato che la sua coraggiosa ed impulsiva decisione l’avrebbe portata ad affezionarsi sempre di più verso quella zia , considerata in famiglia come una donna “sui generis”, indipendente, cosmopolita, libera nel vivere e nell’amare , ma a cui la vita non aveva risparmiato dolori , come la perdita da adolescente del suo ufficiale tedesco morto durante la seconda guerra mondiale ed anche l’aver dovuto rinunciare persino al frutto di tale amore “proibito”. Mai avrebbe persino immaginato di sentirsi fin da subito accolta in quella città dalle viuzze pittoresche, dagli scorci mozzafiato e dai profumi invitanti dei suoi piatti tipici. Come mai avrebbe pensato di poter contare per la realizzazione del suo progetto sull’aiuto e sull’affetto sia dei coniugi Verri, i factotum di Villa Marchesa, che attendevano con ansia l’arrivo di qualcuno che ridonasse nuova vita ad una dimora, custode di ricordi e di tesori preziosi; sia del misterioso Igor Cosser, il suo primo ospite, un uomo che, come lei, ha intrapreso un viaggio alla ricerca di sé stesso e delle sue origini, fuggendo da una vita divenuta ormai piatta e priva di stimoli. Lena trova immediatamente delle affinità con quell’anziano uomo perché, come lei, ha deciso di compiere un viaggio dentro e fuori se stesso! Ma la sua decisione di dare un taglio netto alla vita precedente e di tuffarsi in un progetto non irto di ostacoli le riserva sorprese anche in campo sentimentale, dove fanno la sua comparsa due uomini, differenti per carattere e modo di fare, ma che non la lasciano affatto indifferente, anzi sembrano risvegliare in lei emozioni che credeva sopite. Il primo è Gianmarco, il rampollo di una famiglia molto in vista che da generazioni produce vini eccellenti. Questi riesce ad ammaliarla con i suoi modi galanti da perfetto gentiluomo: affascinante e sicuro di sé. Il secondo è un “marinaio”, un’artista di strada senza casa e senza meta che a Lena pare una sorta di “angelo caduto dal Paradiso” per via dei suoi lineamenti gentili, dei suoi occhi verdi che gli ricordano due acquamarine e la cascata di riccioli biondi. Gianmarco e Pier Lorenzo sono le due facce di una stessa medaglia: il primo preferisce ostentare la sua aria strafottente per nascondere le sue fragilità, come quella di non essere apprezzato per ciò che è, ma solo per ciò che possiede; mentre il secondo ha deciso di chiudersi nel suo bozzolo di solitudine per fuggire da un passato che vuole a tutti i costi dimenticare. Ma chi tra i due sarà capace di fare davvero breccia nel cuore di Lena? Prima di lasciarsi nuovamente andare alle emozioni, la nostra protagonista dovrà fare pace con se stessa, fare chiarezza dentro di sé e solo così potrà avvicinarsi alla sua anima gemella, proprio come i due fidanzati di un antico carillon, ritornato in vita grazie a mesciu Totu , il rigattiere capace riparare vecchi oggetti. È stata una lettura piacevole dove ho potuto percepire i colori e i profumi della mia terra, ricca di tradizioni, di bellezze naturali e di piatti dal sapore inconfondibile.

Stelle: 4⭐️⭐️⭐️⭐️

IO E TE PER SEMPRE DI L A CASEY

Eccoci con una nuova recensione.

Titolo: Io e te per sempre

Autrice: L. A. Casey

Edito: Newton Compton Editori

Pagine: 385

Data d’uscita: 3 gennaio 2022

Prezzo kindle: 0,99 €

Trama:

https://www.amazon.it/Io-te-sempre-L-Casey-ebook/dp/B09MY94Y6Z/ref=mp_s_a_1_1?crid=2TA4CGHAZUIPI&keywords=io+e+te+per+sempre&qid=1641999505&sprefix=io+e+te+p%2Caps%2C103&sr=8-1

Quando la rockstar Risk Keller si presenta al ristorante di Frankie con il cuore in mano, per lei è come un uragano.
Lasciarlo andare è stata la cosa più difficile che abbia mai dovuto fare. Per anni, la sua voce è stata un promemoria di tutto ciò che ha sacrificato, e ora deve affrontarlo di persona. Quando Risk la rivede, capisce ciò che nel profondo ha sempre saputo: dopo mille canzoni, concerti, drink, ragazze, non ha mai dimenticato Frankie. La loro chimica è innegabile. Ma il lavoro di Risk lo porta in giro per il mondo e Frankie ha una madre malata da accudire. Riusciranno a superare tutti gli ostacoli per dare una seconda possibilità al primo amore?

Parliamo del libro…

Frankie ha lasciato andare l’amore della sua vita per permettergli di seguire il suo sogno, mentre lei è destinata a stare nella sua cittadina. Sono passati nove anni senza vedersi e sentirsi, Frankie sa del successo di Risk e dei ragazzi della band, ma evita in tutti i modi qualsiasi cosa che glie lo ricordi perché questo la fa solo soffrire.

Quando se lo ritroverà seduto al tavolo del locale dove lavora, Frankie in fondo spera che lui sia rimasto il ragazzo di cui si era innamorata e che il successo non gli abbia dato la testa.

Risk dopo averne combinate di tutti i colori da quando lui e gli altri ragazzi della band hanno avuto successo, adesso finalmente è pulito ed è pronto ad affrontare il passato.

Frankie è il primo passo, e anche se ogni singola canzone parla di lei, mai avrebbe pensato che rivederla avrebbe smosso tutto dentro di lui.

Entrambi sono ancora innamorati l’uno dell’altra, ma le loro strade non riescono a incrociarsi, i loro impegni, i loro progetti sono diversi, ma forse con la maturità giusta riusciranno a trovare un accordo che gli permetta di amarsi senza doversi dire addio una seconda volta.

Riusciranno a darsi una possibilità e affrontare insieme tutti i problemi che la vita gli metterà davanti alle loro strade?

Cosa ne penso?

L. A. Casey è davvero fantastica! Questo libro ti trasmette delle forte emozioni.

La protagonista, Frankie, è quella che mi ha colpito di più, ha il cuore e il carattere più buono e bello, di una dolcezza infinita che vorresti conoscerla e averla nella tua vita.

Una storia che tratta molti argomenti, dalla rinascita alle seconde possibilità, al dolore e alla sofferenza ma tanti altri ancora, e tutti davvero raccontati meravigliosamente e in modo davvero profondo tanto da sentir ogni singolo umore dei personaggi.

Posso solo far altro che consigliarvi di leggere questa nuova avventura, l’amerete e vi appassionerete tanto da non riuscire a staccarvene.

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

IN VIAGGIO CON L’AMORE DI NICOLETTA CANAZZA

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: In viaggio con l’ amore.( Collana Literary Romance).
Autrice: Nicoletta Canazza.
Genere: Romance.
Pagine:343.
Editore: PubMe , 20 giugno 2021.
Formati disponibili:Kindle 1,99€/ Kindlunlimited 0,00€/ Cartaceo 15,20€.
Trama:

https://www.amazon.it/viaggio-lamore-Collana-Literary-Romance-ebook/dp/B097BSQ3K9/ref=mp_s_a_1_1?crid=20W8Q7U3R9AH6&keywords=in+viaggio+con+l%E2%80%99amore&qid=1641998679&sprefix=in+viaggio+con+l+amore%2Caps%2C92&sr=8-1

La Grande Guerra e l’influenza spagnola sono ormai alle spalle; adesso il mondo sembra risplendere come un raffinato abito di Coco Chanel e la vita ha il sapore di una frizzante coppa di Champagne bevuta in Costa Azzurra. I giovani sono mossi da un fermento nuovo, sono disinibiti, audaci, quasi a volersi riprendere quello che il decennio precedente ha tolto loro. Almeno questo è quello che sembra, ma dietro il luccichio abbagliante degli anni ‘ 20, si celano ferite, segreti e sogni che presto sarebbero stati dimenticati. Con uno stile impeccabile, che strizza l’occhio alle atmosfere di Francis Scott Fitzgerald, Nicoletta Canazza ci accompagna in un viaggio che parte da Londra e arriva ad Antibes per tornare nella campagna inglese, seguendo le vicende di Fanny, audace dattilografa per la Spencer & Gross; Robert, secondogenito di una famiglia molto in vista nonché fratello di William Spencer, II primogenito che ha preso le redini dell’azienda del padre. E ….Frances, un’ereditiera dall’oscuro passato.

Giudizio:

Non conoscevo affatto questa autrice che si è rivelata una piacevole scoperta. Nicoletta Canazza si è dimostrata una penna acuta e precisa nel delineare il periodo storico in cui ha deciso di ambientare la sua storia, ovvero quello degli anni immediatamente successivi alla Grande Guerra e alla influenza di Spagnola, che hanno non solo decimato la popolazione ,ma anche messo sotto i piedi il morale degli uomini. Tra le pagine di questo romanzo si ha modo di respirare sia il desiderio impellente di lasciarsi alle spalle il grigiore del periodo passato, sia la ritrovata voglia di vivere. L’autrice accompagna il suo lettore in un mondo contraddistinto dal luccichio degli abiti , dal lusso e dalla frivola mondanità a cui sono abituati i suoi personaggi. In tale ambiente luccicante si stagliano, però, due figure che invece considerano il lavoro e l’impegno, come il loro unico riscatto. Mi riferisco alla signorina Fanny Dubois , una giovane e ambiziosa dattilografa di una società impegnata nell’aeronautica: la Spencer & Gross, che ambisce in cuor suo di lavorare nell’ufficio tecnico dell’azienda. Ma per affermarsi in un ambiente prettamente maschile deve riuscire ad arrivare al signor William Spencer II , colui che ha preso le redini dell’azienda dopo la morte del padre e che si mormora, viva direttamente nel suo ufficio, tanto è dedito al lavoro. Tutto il contrario di suo fratello Robert, uno dongiovanni, che riempie le cronache mondane con le sue frequenti avventure amorose. Robert e William, come avrà modo di constatare la nostra Fanny, sono le due facce della stessa medaglia: il primo è come “una vetrina scintillante di un negozio di leccornie”, pronta a mostrare la sua mercanzia; il secondo, invece, può apparire come “una piccola bottega dall’insegna anonima”, dietro cui nasconde un tesoro inaspettato. I due fratelli Spencer , anche se diversi, sono due “infelici” costretti , anche se per motivi diversi, a vivere nelle loro prigioni: il primo nella sua gabbia dorata, il secondo schiacciato dal peso delle responsabilità e da un dolore che continua a pesargli , come un macigno, sul cuore. Fanny Dubois può ben comprenderli, in quanto anche lei custodisce un dolore, un segreto che l’ha portata lì, in Inghilterra, che l’ha spinta a mettere km di distanza dalla sua vecchia vita, con la speranza di conquistare la libertà e di riassaporare la spensieratezza persa. Ma la sua copertura, creata a regola d’arte, rischia di crollare, quando le viene comunicato di dover lasciare il suo posto di segretaria e di dirigersi ad Antibes per ricoprire il ruolo di assistente personale della signora Spencer, una donna che è riuscita col suo carattere “impossibile” e “snob” a terrorizzare tutte le precedenti ragazze, mandate lì per quel ruolo. Fanny è stata scelta non solo per il suo aspetto grazioso, ma soprattutto per il suo portamento elegante che “strideva fortemente coi suoi abiti dimessi” e poi “vi era quella lieve incertezza nel camminare che faceva pensare più a una sua timidezza che ad un difetto fisico”. Per Fanny il suo nuovo incarico non rientra assolutamente nei suoi progetti, ma spera , al termine di esso, di essere finalmente notata dallo sfuggente William Spencer, l’uomo che al loro primo incontro l’ha guardata come se fosse un semplice mobile del suo ufficio. Cosa si aspetta da quel viaggio? Perché sente un senso di inquietudine nel petto? Fanny viene immersa in un mondo dove il lusso regna sovrano, deve tenere testa alle angherie della padrona di casa che le ricorda in tutti i modi quale è il suo posto, deve tenere a bada le impertinenti avances dell’adorabile Robert e deve fare i conti con il suo passato che bussa per venire a galla. Fanny Dubois pare però essere a suo agio in questo mondo! Come mai? Un viaggio in auto, un incontro con un maiale di nome Lulù e un risveglio nebuloso dopo una notte “strana” sono galeotti di un incontro ravvicinato tra la sorprendente Fanny e l’impeccabile William. Peccato che entrambi sono più abituati a celare i loro sentimenti che a metterli in mostra. L’Amore ha teso loro un tranello, è stato il loro compagno di viaggio, ma loro hanno preferito ignorare la sua presenza, crogialondosi in dubbi e tormenti. A complicare il quadro vi è non solo quel segreto custodito da Fanny ,ma anche la comparsa di una misteriosa ereditiera americana. Cosa accadrà quando la verità verrà a galla? In un’epoca dove i matrimoni , in determinati ambienti, sono visti come semplici alleanze tra famiglie influenti e dove la figura della donna viene ancora relegata in un angolino, avrà modo una fanciulla testarda ad affermare la vera se stessa? E l’ Amore quale posto occuperà nell’intera storia? Una trama ben congegnata, che mi ha catturata sin dalla prima pagina e che è riuscita anche ad emozionarmi. Davvero una bella lettura!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

MR GOLD DI ANNA J SCOTT

Eccoci con una nuova recensione.

Titolo: Mr Gold

Autrice: Anna J. Scott

Pagine: 115

Data d’uscita: 23 agosto 2021

Prezzo kindle: 2,99 €

Prezzo cartaceo: 9,90 €

0,00 € con abbonamento kindle Unlimited

Trama:

https://www.amazon.it/Mr-Gold-scapolo-doro-Billionaire-ebook/dp/B09DG5KTLV/ref=mp_s_a_1_1?crid=RTYGB3VOE54J&keywords=mr+gold&qid=1641998568&sprefix=mr+gold%2Caps%2C127&sr=8-1

Chicago, 2018
Mi chiamo Cassidy, e sono la classica ragazza per la quale il destino ha già scelto tutto. Per motivi economici e familiari mi ritrovo da sempre incastrata negli affari della famiglia Gold, la dinastia multimilionaria per la quale mia madre lavora come donna delle pulizie. Forse sarebbe stato tutto più semplice se non fossi dovuta crescere con lui, Simon, la mia nemesi. Perché a mie spese ho dovuto imparare quanto fa male bruciare di passione per un ragazzo viziato e senza scrupoli, ma soprattutto dannatamente potente. L’uomo dal quale non posso più tornare indietro, neppure se volessi.

Mi chiamo Simon, e ogni mattina guardo la mia faccia allo specchio consapevole di essere fra gli uomini più influenti del Paese. Ho sempre deformato la realtà manipolando tutto e tutti a mio piacimento pur di ottenere ciò che volevo. Ma in questo idillio si è insinuata una crepa che rischia di mandare tutto in frantumi, perché il solo pensiero di non poter aver Lei, mi manda ai matti. Cass è la mia incrinatura dolce amara, fa male da morire, ma è un dolore che mi fa sentire vivo, e io devo correre ai ripari prima che cada tutto in pezzi. La voglio, e questo è sufficiente a far sì che presto… sarà solo e soltanto mia

Parliamo del libro…

Cassidy figlia della governante della famiglia Gold ha avuto i privilegi ma ha dovuto anche subire per anni la rabbia di Simon il figlio del senatore.

Fino a un giorno quando lei diventa uno splendido cigno e lui non vuole far altro che farla diventare sua.

Ma lui fa parte di una prestigiosa famiglia e anche se non vuole le conseguenze della sua famiglia ricadranno su di lui.

Porteranno Simon a prendere decisioni che feriranno e allontaneranno Cass dalla sua vita, che è diventata vuota e inutile.

Ma come può uscire dalla situazione in cui lo hanno messo?

Cosa ne penso?

Una storia breve che si legge in fretta, due ragazzi diversi che si amano ma separati da sempre.

Si legge molto volentieri, ma avrei preferito avere un po’ più dettagli sulla loro storia. Si a me piace molto leggere i libri che vanno dritti al punto ma mi piacerebbe una via di mezzo.

Appunto perché mi era piaciuto tanto vederli sparire così in fretta mi ha lasciato un retrogusto amaro.

Se volete sognare anche se per poco questo libro ve lo permetterà sicuramente.

Stelle: 4⭐️⭐️⭐️⭐️

STRANI AMORI DI ILEANA SECCI

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: Strani Amori ( volume 4).
Autrice: Ileana Secci.
Genere:Romance Contemporary.
Pagine: 401.
Editore:Self Publishing, 15 dicembre 2021.
Formati disponibili: Kindle 2,99€/ Kindlunlimited 0,00€/ Cartaceo 16,12€.
Trama:

https://www.amazon.it/STRANI-AMORI-4-Ileana-Secci-ebook/dp/B09NQJRXD7/ref=mp_s_a_1_1?crid=2BZXQFKSCC6S9&keywords=strani+amori+ileana+secci&qid=1641639774&sprefix=strani+amori+ileana+se%2Caps%2C79&sr=8-1

I Posey, ancora una volta, sono costretti a vedersela con il destino, contro un nemico invisibile, ma reale come l’aria che respiriamo. I gemelli, June e Owen hanno appena iniziato a muovere i loro primi passi in una normalità che di normale non ha nulla, se non la pace che gli trasmettono i loro genitori. Tirano tutti un sospiro di sollievo, dopo mille e più disgrazie subite. Ciononostante, il momento di relax dura quanto una bolla di sapone tra le nuvole, dal momento che Mary Goldberg torna alla carica e pretende che le venga restituito ciò che è sempre stato suo. Ai Posey inizia a mancare il terreno sotto i piedi, come se questo stesse crollando insieme alle loro sicurezze, lasciando così spazio a una bestia affamata di ansie e di paure: le loro. Tuttavia..Mary non sarà l’unico legame che metterà a rischio ciò che hanno costruito, anzi. Qualcun altro metterà in crisi i rapporti dell’intera famiglia e spazzerà via tutte le certezze, per tramutarle in dubbi, in voglie illecite e proibite, mettendo a rischio più che l’armonia parentale, la loro unione. Contro quali turbe mentali e nuove traversie dovranno fare i conti, stavolta? Cosa accadrà ancora a questa strana famiglia? Riuscirà mai a trovare la pace che tanto agognano?

Giudizio:

“..divisi non siamo niente, insieme siamo inarrestabili, mentre uniti siamo invincibili”. Ecco il motto dei Posey!! Su queste incrollabili certezze Ruben e Sunshine hanno costruito la loro “strana” ma speciale famiglia, da quando sono entrati ad arricchire le loro vite quattro splendidi ragazzi: Taylor, Tyler, June e Owen. “…noi sei siamo strani, ma siamo una famiglia”. È proprio questa parola “famiglia” ad essere la protagonista assoluta di questo romanzo!! Ruben e Sunshine amano quei ragazzi, come se fossero i loro figli naturali, non ha per loro alcuna importanza che essi non abbiano gli stessi loro geni, li considerano ormai una parte integrante della loro famiglia e lo stesso vale anche per i loro familiari e amici. Ty, Tay, June e Owen non hanno avuto una vita facile, ma, nonostante la giovane età, hanno alle loro spalle un pesante bagaglio di sofferenza, di miseria e di assenza affettiva. Ma Ruben e Sunshine sono riusciti a colmare ogni vuoto e a cancellare ogni loro doloroso ricordo, donando semplicemente un amore incondizionato e una presenza costante. Essi si sentono finalmente al sicuro, si sentono per la prima volta amati!! La dimostrazione di come non siano fondamentali i vincoli di sangue, ma sia sufficiente l’amore per creare legami saldi e forti. Ruben e Sunshine sono disposti a qualsiasi sacrificio e a scendere persino ad amari compromessi, pur di non essere privati di quei ragazzi, ormai divenuti quattro tasselli essenziali dei loro cuori. Il solo pensiero di poter eventualmente perderli equivale per entrambi ad un dolore pari a quello della privazione di un arto. “Ci sentivamo impotenti e presi di mira. Insomma, una vera e propria calamita per i problemi più assurdi e più improbabili che esistono”. Questi i pensieri che agitano i cuori dei nostri protagonisti all’ennesimo colpo beffardo del fato che vuole tentare di rompere quel legame che, però, si dimostra più forte e più coeso a dispetto di ogni nuova insidia o inatteso imprevisto. I Posey “insieme” sono invincibili, perché consci di poter contare anche sull’amore delle persone che fanno parte della loro grande famiglia allargata. Difatti, oltre alla parola famiglia, l’altra parola chiave di questo romanzo è l’ Amore, che viene descritto in tutte le sue mille sfaccettature. Vi è quello “solido” a cui si aggrappano Ruben e Sunshine per far fronte alle diverse difficoltà! Vi è quello “passionale” che invece contraddistingue il rapporto tra altri due beniamini, ovvero Fred e Sherman, che sono come il giorno e la notte, ma insieme sono come un’eclissi: magnifici e insuperabili! Entrambi, se nei precedenti capitoli, hanno svolto alla perfezione il ruolo di amici , si rivelano non da meno neppure in quello di preziosi “zii acquisiti”! E poi vi è anche l’amore confuso e tormentato che vivono due giovani ragazzi, i quali impareranno dai loro stessi errori di come sia fondamentale credere e lottare senza paura nei propri sentimenti, soprattutto se, come nel loro caso, non si è soli, ma supportati da una “famiglia” pronta ad accogliere e a comprendere. Questo quarto e conclusivo capitolo ha diversi punti di forza: in primis permette di entrare nei pensieri, di vivere le emozioni e i dubbi di ogni singolo personaggio , grazie ai vari pov alternati. Rispetto ai precedenti romanzi della stessa serie, in questo, l’autrice si è ancora di più dedicata con attenzione a descrivere l’evoluzione e la maturazione subita da ognuno di essi. Lo definirei questo un romanzo “corale” dove attorno a coloro che hanno dato vita a questa storia, ovvero i nostri Bel Sorriso e Raggio di Sole, ora gravitano tante altre anime pronte a raccontare e a donare altrettante emozioni. Io volutamente non sono scesa nei particolari delle diverse dinamiche che animano questa storia complessa, ma pregna di emozioni forti. Spetta ad ogni lettore che ha già letto i precedenti capitoli, immergersi in questa nuova avventura alla scoperta di quale sia la sorte riservata alla “strana” ma unica famiglia dei Posey!!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️