IL MATRIMONIO REALE DI ILARIA SERAFINA

Ed ecco Anna Maria con la partecipazione ad un review party.

Titolo: Il matrimonio reale – The Danish Deal vol. 3.
Autrice:Ilaria Merafina.
Genere:Contemporary Romance.
Pagine: 200.
Editore: O.D.E. Edizioni, 14 luglio 2021.
Formati disponibili: Kindle 2,99€/ Kindle 0,00€/ Cartaceo 12,99€.
Trama:

https://www.amazon.it/Matrimonio-Reale-Danish-Deal-vol-ebook/dp/B0993W3HR1/ref=mp_s_a_1_1?dchild=1&keywords=il+matrimonio+reale&qid=1626723967&sprefix=il+matr&sr=8-1

Volume conclusivo della trilogia The Danish Deal. Nuove nuvole si sono affacciate all’orizzonte proprio quando fra i futuri sposi sembrava essere arrivato il sereno. Ma come si sa i piani troppo spesso vengono sconvolti da scomode verità. Cosa attende ancora Henry e Selene? Riusciranno a trovare un compromesso o sono arrivati al capolinea?
I primi due volumi della trilogia sono: Il CONTRATTO REALE volume 1 / Il SEGRETO REALE volume 2.

Giudizio:

“È sposata. … L’aveva ingannato, aveva tradito la sua fiducia. Colei alla quale aveva aperto se stesso, i suoi segreti, la sua vera identità”. Quella bomba, sganciata in modo perfido, è riuscita a mandare in frantumi, in una manciata di secondi, tutto quanto Henry e Selene hanno faticosamente costruito. Rabbia, dolore e desiderio di vendetta. Questi sono i sentimenti che agitano il cuore del principe Henry, quando viene a conoscenza dei segreto da sempre taciuto da Selene. E sono proprio questi i sentimenti che Selene legge negli occhi verdi di lui, vi scorge purtroppo la stessa rabbia e diffidenza con cui l’aveva accolta la prima volta. Nessuna possibilità di spiegare le sue ragioni. Nessun tentativo di scoprire la verità che in fondo si cela dietro quella notizia scomoda. Henry ha emesso il suo verdetto e a lei non resta che prenderne atto e allontanarsi da chi si è trasformato dal raggio di sole che era riuscito a squarciare le nubi dal suo cuore nello stesso che lo sta riconducendo nel tunnel delle sue paure. Selene decide di raggiungere sua sorella in Sardegna, la terra delle sue origini, dove era nata sua nonna, un luogo dalla bellezza selvaggia, genuina e incontaminata, proprio come le persone che vi abitano. È in quel posto dove si sente al sicuro che Selene si rifugia per cercare di dimenticare il suo principe – pirata dagli occhi verdi. Ed Henry, come si sente senza avere al suo fianco il suo folletto impertinente, la sua Lady Rinoceronte? Come reagisce quando si rende conto di aver agito d’impulso lasciandosi sopraffare dalla rabbia, senza permettere a Selene di spiegarsi? Quale sarà la sua decisione? “Non ci sono abituato, non so capire, non so cosa voglio”. I suoi genitori lo hanno da sempre considerato uno sciocco inaffidabile, per questo hanno deciso tutto per lui, ma, stavolta, per la prima volta, la scelta spetta unicamente a lui e lui si sente come un marinaio al timone della sua barca, in mezzo alla tempesta, insicuro di riuscire a raggiungere un porto sicuro dove ripararsi. Nessuno, nemmeno suo padre che ha sempre giudicato negativamente le sue dubbie e inappropriate azioni passate vuole indicargli la strada o consigliarlo, ma solo sostenerlo assecondando la sua scelta qualunque essa sia e ovunque lo porti. “Non cercava un porto, lui aveva sempre navigato verso la tempesta. Era nato per navigare nella tempesta. Perché l’amore non era logica. Era indole, era sentimento”. Henry comprende che colei che credeva di amare, la sua Isabel, lo aveva aiutato ad essere quello che gli altri desideravano che fosse: una caricatura, ma non il vero se stesso. Invece Selene è riuscita a stravolgere tutto, facendogli capire che quello non era ciò che stava cercando e anche ciò di cui aveva bisogno, ovvero lei! Selene non lo ha mai desiderato migliore, ma è stata l’unica a farlo sentire perfetto senza fare nulla. Per la prima volta decide quindi di fare felice non i suoi genitori, ma solo se stesso e per farlo deve andare a riprendersi il suo folletto e riuscire a farsi perdonare. Per poter avere una chance Henry e Selene devono svelare le loro carte, non devono esserci più segreti. È arrivato il momento per Selene di aprire il suo cuore al principe pirata raccontandogli quella parte del suo passato che continua a fare male, come una cicatrice mai rimarginata, e che è la causa del suo sentirsi ancora non sufficientemente perfetta. Lei è però certa di aver trovato finalmente in lui “la cura per i suoi dolori, la cura per la sua vita, la culla del suo cuore”. Forse ogni scelta, ogni errore, ogni dolore da lei provato è stato necessario perché alla fine l’ha condotta a lui! Entrambi sono simili, due oggetti rotti e per questo imperfetti, ma che solo insieme riescono a fare combaciare tutti i pezzi alla perfezione! Si sono scelti ma non in virtù dell’esistenza di quel contratto reale, ma solo perché lo desiderano davvero! Tutte le nuvole sembrano essere state spazzate via dal loro orizzonte, ma non è affatto così… altre prove il destino ha in serbo per loro. In primis occorre superare il primo arduo scoglio, ovvero cercare di donare la leggiadria di una farfalla a chi invece si muove come un goffo rinoceronte. Sarà mai possibile? “Spalla a spalla”, insieme, imparano pian piano a calarsi nell’arena che li attende. Ma saranno capaci di mostrarsi compatti anche dinanzi alle perfidie che si celano a corte e che tentano di minare ancora una volta il loro rapporto?

Ho atteso con ansia questo ultimo volume della trilogia. Sapevo già che sarebbe stato come salire su un ottovolante e Ilaria Merafina non si è smentita affatto! Henry e Selene mi hanno fatto battere il cuore all’impazzata, ma lo hanno anche lacerato coi loro tormenti, dubbi ed esitazioni e poi hanno saputo regalarmi persino fragorose risate. “Un tacito accordo, una promessa silenziosa, un reciproco scambio… Perché non era più solo un affare reale. Era amore”. È stata una bella avventura! Grazie Ilaria Merafina!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

IL PECCATO PIÙ GRANDE DI MARIA LAURA DE LUCA

Eccoci a lunedì… e con noi … Anna Maria Bisceglie

Titolo: Il peccato più grande.

Autrice: Maria Laura De Luca.

Genere: Romanzo contemporaneo.

Pagine: 131. Edito: Self Publishing, 11 aprile 2020. Formati disponibili: Kindle 2,99€

Kindle Unlimited 0,00€

Cartaceo copertina flessibile 13,00€.

Trama:

https://www.amazon.it/peccato-grande-Maria-Laura-Luca-ebook/dp/B0871MT5TR/ref=mp_s_a_1_1?dchild=1&keywords=il+peccato+più+grande&qid=1588350857&sprefix=il+peccato+pi&sr=8-1

Giulia è una ragazza discreta e gentile, accomodante e diligente, si è impegnata talmente tanto per diventare così, come tutti la vogliono, che alla fine ha iniziato a crederci anche lei. Ma a un certo punto decide che è finalmente arrivato quel giorno, quel “prima o poi” che ha rimandato troppe volte. Durante la sua avventura scopre i segreti di Marco, s’ innamora del ragazzo del bar Surf , conosce Klara e con lei un intero continente, intreccia i suoi pensieri con quelli di Riccardo. È così che Giulia decide di partire alla scoperta del senso della vita che vedrà disegnato in fondo agli occhi dell’anziana signora del mare. Il peccato più grande è la storia avvincente di una ragazza e il suo viaggio alla ricerca della cosa più preziosa.

Giudizio:

” Non sentirti prigioniera né padrona della vita, ma protagonista. La libertà non si regala, non si conquista, si riconosce. La libertà è negli occhi di chi la guarda, nelle mani di chi vive”. Questo messaggio giunto, per uno strano scherzo del destino, sul cellulare della nostra protagonista da un numero sconosciuto, racchiude il senso dell’intero romanzo. LIBERTÀ è questa la parola chiave. È questa la conquista faticosa, dolorosa, ma inebriante, a cui giungerà la nostra Giulia, al termine di un viaggio intrapreso in un momento di pura follia e dove, per la prima volta nella sua vita, si è fatta condurre unicamente dall’istinto. ” Qualche volta prendo il treno, il primo che passa, dove arrivo arrivo, anche solo per una giornata, me ne vado”. E finalmente è arrivato quel giorno in cui Giulia ha assecondato il suo desiderio, ha messo da parte i se e i ma, e si è semplicemente tuffata senza paura, in un’avventura in cui lei è la sola protagonista! Ma chi è Giulia? Una ragazza da sempre imprigionata in una gabbia che si è costruita a causa del suo peccato più grande: la paura di vivere davvero! Una paura che le ha trasmesso in primis la sua soffocante famiglia, ma anche lei stessa, sempre brava ad indossare la maschera del sorriso con gli altri e persino con se stessa. Quella maschera serve a Giulia per difendersi dai pregiudizi e dalla pietà per la sua condizione fisica che la rende “diversa” dagli altri. ” Era una macchia senza forma sul progetto studiato di un architetto. Un imprevisto”. Ecco come si sente e si vede Giulia! Ecco il motivo principale delle catene che la tengono ancorata ad una realtà di cui si sente estranea. Ecco il perché del suo bisogno o di trovare in dei perfetti sconosciuti quell’affetto, quella complicità e comprensione che non riceve dalla sua famiglia; o di fuggire lontano per provare ad essere semplicemente se stessa.

Quel breve viaggio, all’apparenza sconsiderato, si rivelerà per Giulia assolutamente prezioso. L’aiuterà a comprendere che fino ad ora, non ha vissuto, non ha goduto a pieno la vita, ma l’ha messa in standby. Comprenderà che ora è giunto il momento di ” Fare. Correre. Creare. Inventare. Rischiare. Provare. Andare. Tornare. Sbagliare. Ricominciare.” È giunto il momento di non avere più paura di VIVERE! Un romanzo narrato in terza persona, in cui la scrittrice è riuscita a descrivere in modo impeccabile ogni sfumatura e ogni contraddizione dell’anima sensibile e profonda di Giulia. Quello da lei compiuto non è solo un viaggio ” fisico” ma è soprattutto un viaggio ” mentale” alla ricerca della vera Giulia. Ed in questo tortuoso percorso , preziosi saranno il super disponibile amico Marco, il ragazzo della sua prima volta Lorenzo; il sensibile Riccardo e la saggia anziana con la sua collana di perle. Ognuno di essi è una tessera importante per comporre il puzzle della nuova Giulia! Un romanzo introspettivo e profondo che mi ha fatto riflettere e comprendere che, in fondo, quello di Giulia, purtroppo, è anche il nostro peccato più grande! Non dobbiamo mai consentire alla paura di impedirci di godere ogni tappa di quello straordinario viaggio chiamato: VITA!

Stelle: 4 ⭐️⭐️⭐️⭐️

UNA MASCHERA SUL CUORE DI SIMONA BUSTO

Ciao a tutti,

Pronti per iniziare una nuova settimana?

Bene rimanete con noi, la nostra Anna Maria Bisceglie ci racconterà della sua ultima lettura.

Titolo: Una Maschera Sul Cuore.

Scrittrice: Simona Busto.

Genere: romanzo contemporaneo.

Pagine: 309.

Edito: Self Publishing, 14 dicembre 2016.

Prezzi formati disponibili: 2,99€ Kindle

0.00€ Kindle Unlimited

11,02€ cartaceo.

Trama:

https://www.amazon.it/Una-Maschera-Cuore-Simona-Busto-ebook/dp/B01MTWQQTG/ref=mp_s_a_1_1?keywords=una+maschera+sul+cuore&qid=1567684043&s=gateway&sprefix=una+maschera&sr=8-1

Christian Lobianco è un giovane attore italo-americano che sta vedendo la propria carriera giungere a un prematuro tracollo. Per ovviare al problema accetta un ruolo impegnativo e drammatico, che potrebbe portarlo di nuovo sotto le luci della ribalta. Per spingerlo a entrare nel ruolo di un giovane operaio in tempo di crisi, il suo agente lo obbliga a recarsi a Milano, dove è meno facilmente riconoscibile, e rimboccarsi le maniche nel reparto produttivo di una fabbrica. Eva Castelli ha solo vent’anni , ma la vita l’ha già obbligata ad abbandonare qualsiasi sogno.

Le resta solo una passione, quella per il canto, coltivata con fatica e sacrificio. Entrambi indossano una maschera che cela sentimenti e aspirazioni. La passione che li infiamma sin dal primo sguardo minaccia di ridurre in cenere i travestimenti che li proteggono. Vale la pena scoprire il vero aspetto.delle loro anime? Quando la maschera sarà svanita in una nuvola di fumo , scopriranno di potersi amare e ,o restare delusi dalle reciproche fragilità? Nel grigio freddo della Milano invernale, due ragazzi impareranno a scoprirsi.

Giudizio:

Luigi Pirandello in ” Uno , nessuno ,centomila” ha evidenziato in modo drammatico come la realtà in cui viviamo è fatta di tante maschere e pochi volti. Ognuno di noi indossa spesso una maschera a seconda della circostanza o del momento. Ognuno di noi interpreta, a volte, un ruolo mostrando una maschera fittizia così da non rivelare agli altri il dolore che si cela dietro. Intorno al tema delle maschere ruota il romanzo di Simona Busto. C’è chi, come Christian Lobianco, attore italo-americano caduto in disgrazia, indossa sul volto “la sua maschera” trasformandosi in Christian Tommasi, un semplice operaio di una fabbrica milanese. Un ruolo in cui deve calarsi alla perfezione perché, dopo una vita di eccessi e sbagli imperdonabili, questa è l’ultima chance per la sua carriera , iniziata in modo folgorante da giovanissimo e che , in modo altrettanto repentino, sembra essere giunta al capolinea. Christian è perfettamente cosciente di essere l’unico responsabile. Christian ha bisogno di quella “maschera” se vuole evitare di diventare una meteora cinematografica, come tante altre. Se Christian nasconde il suo vero volto per necessità e paura, c’è chi , come Eva, la maschera ce l’ha sul cuore , come un macigno impossibile da sdradicare. Eva Castelli, impiegata in fabbrica di giorno e cantante di una band di notte, ha collezionato nella sua giovane vita, la sua serie di dolori.

Eva non cerca e non ha bisogno dell’Amore! Eva ha paura di soffrire! Ha due soli amori: Gabi, suo fratello e la musica! Solo sul palco Eva, nonostante la sua pesante maschera, riesce a sentirsi “libera” e , con la sua voce, fa intravedere ciò che custodisce la sua anima. Cosa accade però, se il destino decide di far incontrare queste due anime smarrite? È sufficiente che Eva incroci gli splendidi occhi blu di Christian e che questi si lasci ammaliare dalla sua voce calda e sensuale perché, tra i due, scocchi una scintilla che attende solo, un loro piccolo cenno per trasformarsi in fuoco ardente. Nonostante gli ostacoli esterni e i loro blandi tentativi di opporsi , sarà inevitabile che la chimica erotica faccia il suo corso. Sarà impossibile non cadere nella trappola dell’amore ma…..Troppe verità taciute rischiano di minare, sul nascere, la storia tra Christian ed Eva. Prima o poi, le maschere sono destinate a cadere mostrandoci “nudi” e “senza filtri”. Come reagiranno i nostri protagonisti quando, non protetti, saranno più esposti e più vulnerabili? Ho trovato piacevole la lettura di questo romanzo grazie ad un ritmo narrativo scorrevole, fluido e non noioso. Ho apprezzato l’uso dei POV alternati perché, come ribadisco sempre, grazie ad essi, io ,personalmente, riesco più facilmente a farmi coinvolgere emotivamente dai personaggi. Senza fare uso di troppi artifizi, Simona Busto ha creato una storia semplice ma allo stesso tempo coinvolgente.

Stelle: 4 ⭐️⭐️⭐️⭐️