LA LIBRERIA DELLE STORIE RIMASTE DI MANUELA CHIAROTTINO

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: La libreria delle storie rimaste.
Autrice: Manuela Chiarottino.
Genere: Romance.
Pagine: 201.
Editore: More Stories, 28 marzo 2022.
Formati disponibili:Kindle 2,99€/ Kindlunlimited 0,00€/ Cartaceo 9,99€.
Trama:

https://www.amazon.it/libreria-delle-storie-rimaste-ebook/dp/B09W2SYMGJ/ref=mp_s_a_1_2?crid=1CCP59KD7FC9S&keywords=la+libreria+delle+storie+rimaste&qid=1649018010&sprefix=la+libreri%2Caps%2C84&sr=8-2

Da Londra a Bibery, un paesino di poche anime immerso nelle campagne inglesi, Amabel non avrebbe mai pensato di finire proprio lì, a lavorare in una vecchia libreria…con tanto che i libri a lei proprio non piacciono, o meglio… le fanno paura. Ma Emily, la proprietaria della “Libreria delle storie rimaste” è una cara vecchietta , dopotutto, che passa il tempo a sfornare biscotti e coccolare la sua banda di gatti. E Amabel non ha alternative, se non quello di adeguarsi alle bizzarrie dell’anziana libraia e dei suoi concittadini; tra cui l’affascinante Albert, il veterinario dagli occhi blu che sembra tanto determinato a vincere le ritrosie di Amabel e farle smettere una volta per tutte di portare vestiti costosi e tacchi alti. Tra Amabel e Albert sono scintille dal primo incontro, ma sarà proprio lui , vedovo con due figli, a insegnarle a sorridere delle piccole cose e farle accantonare le abitudini un po’ snob della vecchia Londra. Ma Amabel può davvero vivere a Bibery? Immersa nei libri e in un posto che pare sempre sull’orlo della bancarotta? Senza contare quelle strane cose che sembrano succedere di notte nella libreria e che le fanno intendere ci sia più di un mistero da svelare… In un caleidoscopio di personaggi divertenti e stravaganti, tra biscotti pronti a cambiare sapore a seconda di chi li mangia, torte, libri, gatte e sorrisi prende vita una storia che profuma di amore e magia. Torna l’autrice del magico mondo di “La bambina che annusava i libri”.

Giudizio:

“Sarebbe partita per un paesino dell’Inghilterra mai sentito nominare prima, per vivere accanto a una donna che non conosceva e fare il lavoro che mai e poi mai avrebbe pensato o voluto fare”. Ecco questo è il primo pensiero che balena nella mente di Amabel Wilson, la giovane protagonista, quando si rende conto di aver preso, in modo del tutto irrazionale e sicuramente spinta dalla necessità, la decisione di accettare quel lavoro trovato per un fortuito caso, leggendo una inserzione su un giornale, abbandonato sul sedile di un autobus. Ma cosa le era venuto in mente di lasciare Londra, coi suoi ritmi caotici, per rintanarsi in un paesino di poche anime , come Bibery, che pare uscito da una cartolina per la bellezza del paesaggio, ma anche fermo nel tempo ed immerso in un silenzio , per lei, addirittura surreale. Ma Amabel, appena licenziata dal suo lavoro di commessa in una boutique di abbigliamento nel centro di Londra, non ha altre alternative vista la difficoltà a pagarsi l’affitto dell’appartamento in cui vive con la sua amica Julie , prossima a trasferirsi a casa del suo fidanzato, lasciandola così sola in un mare di guai. Quel nuovo lavoro le appare quindi da un lato come la soluzione ai suoi problemi, ma anche come un tiro mancino sferratole dal destino, perché lavorare in una libreria avrebbe fatto affiorare vecchi fantasmi, visto che lei soffre di quella che viene definita “bibliofobia” : la paura dei libri. Che cosa sta facendo? Ha davvero intenzione di lasciare un appartamento che in due anni non è riuscita a personalizzare o una routine priva di divertimenti e un’amica con la quale si è limitata a confidenze superficiali, senza mai rivelarle il caos che si porta dietro? “Sei a casa” : queste sono le parole che si sente quasi bisbigliare all’orecchio, non appena mette piede a Bibery, vestita con il suo tailleur di alta moda e i suoi inseparabili tacchi! Mai avrebbe immaginato Amabel di finire in mezzo a dei libri “usati” impolverati , a dei gatti con dei nomi altisonanti e soprattutto a stretto contatto con un’anziana donna, come Emily, sempre pronta a coccolare i suoi affezionati, anche se pochi clienti, coi suoi deliziosi e magici biscotti. Mai avrebbe immaginato di dover familiarizzare con dei bambini, come Meg e Paul, che dopo i gatti sono la seconda cosa con cui non è proprio a suo agio. Mai avrebbe pensato di finire in mezzo a quel microcosmo di gente bizzarra che non bada alle apparenze, che sa gioire delle piccole cose e che è gratificata solo di donare gioia e ricevere un semplice sorriso, grazie ad un piccolo gesto. È questo che fa in fondo Emily nella sua “Libreria delle storie rimaste” offre ai suoi clienti quelle storie che sono rimaste orfane di una casa e che sono desiderose di trovarne una nuova! E se poi , entrando, si viene inebriati e stregati dal profumo dei suoi biscotti, il cui sapore cambia a seconda di chi li mangia , questa è pura magia!! Pagina dopo pagina assisteremo alla naturale metamorfosi che subisce la nostra protagonista, partita da Londra con il suo pesante fardello di paure , nascoste dietro il suo impeccabile aspetto, che pian piano comincia a lasciarsi andare, a liberarsi prima della sua aria “costretta” di ragazza di città e poi anche a gestire con più padronanza la sua fobia, scoprendo come i libri non sono poi così paurosi, bensì possono celare all’interno delle loro pagine ingiallite piccoli segreti o preziosi messaggi. Ma nella sua trasformazione inciderà anche Albert, quel veterinario, vedovo con due figli, pronto a sorridere e a mettersi in gioco, nonostante tutto.

Sarà capace Albert che da sconosciuto, persino antipatico, diventa per lei un conoscente , un quasi amico, a trasformarsi in colui che farà battere il cuore della nostra Amabel? E lei sarà pronta a farsi travolgere dalla magia che si respira in quella speciale libreria e dalla bizzarria della sua proprietaria? Manuela Chiarottino ha creato una storia che insegna, attraverso la sua protagonista, come la vita sappia regalare meravigliose sorprese, quando meno uno se l’aspetti e come si possano superare le più grandi paure, se lo si vuole davvero. Ma il messaggio più prezioso è racchiuso proprio in quella libreria , custode non solo di storie abbandonate , ma anche di amore, di speranza, di magia e…..del profumo irresistibile dei biscotti di Emily!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

LA CREATRICE DI BAMBOLE DI GIULIA DAL MAS

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: La creatrice di bambole ( Le quattro promesse Vol. 1).
Autrice: Giulia Dal Mas.
Genere: Romance.
Pagine: 370.
Editore: More Stories, 28 gennaio 2022.
Formati disponibili:Kindle 2,99€/ Kindlunlimited 0,00€/ Cartaceo 11,66€.
Trama:

https://www.amazon.it/creatrice-bambole-quattro-promesse-Vol-ebook/dp/B09QXZ2XPB/ref=mp_s_a_1_1?crid=2I21LMRSCCDFJ&keywords=la+creatrice+di+bambole&qid=1644782856&sprefix=la+crea%2Caps%2C197&sr=8-1

Che cosa succede al corpo di una donna quando non può avere figli? Se lo chiede di continuo Gioia Ermini, scrittrice di 37 anni, da quando dieci mesi prima la sua ginecologa le ha detto che non potrà mai portare a termine una gravidanza. Sposata da quindici anni con Claudio, è sul punto di firmare le carte della separazione, quando riceve la proposta di tenere delle lezioni di scrittura creativa all’Università di Firenze. Autrice di una serie bestseller, da mesi Gioia è preda della cosiddetta sindrome della pagina bianca, e ogni pomeriggio scrive parole su parole che, inevitabilmente, finirà per cancellare. Ha bisogno di allontanarsi da una vita che non riconosce più, così acconsente di partire per la Toscana. È sulle colline intorno a Firenze dove prende casa che Gioia incontra Edda, una donna anziana, con lunghi capelli bianchi e un filo di perle attorno al collo. Edda, che ogni pomeriggio siede all’ombra di una betulla e accarezza il capo di una bambola. Edda di cui ogni notte ode le urla trasportate dal vento. In un rincorrersi di ricordi, Edda porterà Gioia in un’altra epoca, tra i sorrisi di quattro amiche che danzano in riva al mare, e poi in una Firenze attraversata dalla guerra. Tra i lussi di una residenza diplomatica e la devastazione di una vita spezzata Edda le racconterà della paura , della speranza, del coraggio. E dell’amore. Per Angelo, nipote del console tedesco e per Manfredi, ceramista di Montelupo. Tra le macerie di quella vita lontana, Gioia ritroverà se stessa, le parole che ormai temeva perdute e anche il suo cuore. La creatrice di bambole è il primo volume della serie Le quattro promesse.

Giudizio:

Ci sono delle scrittrici che hanno l’incredibile capacità di raccontare storie, capaci di toccare le corde dell’animo di ogni lettore. E questi ha un solo compito quello di farsi trasportare dalla scia delle emozioni, che si celano dietro ogni parola lasciata, non a caso, su quella pagina bianca. Questo è ciò che ho fatto io, mi sono lasciata rapire dall’intensità di questo romanzo in cui sono racchiuse tante storie, tutte emozionanti e vere. “Il tempo non è qualcosa di reale. Può correre veloce, scivolare via impazzito o rallentare, fino a quasi fermarsi”. In queste parole pronunciate da Edda, una delle due protagoniste, è racchiusa in fondo non solo l’esperienza vissuta in qualche modo da entrambe, anche se in due periodi di vita differenti; ma anche la lezione preziosa che una delle due apprenderà alla fine del suo viaggio. La vita perfetta di Gioia Ermini, famosa scrittrice di bestseller, è corsa veloce fino al momento in cui riceve dalla sua ginecologa l’amara sentenza, quella che decreta inevitabilmente la fine del suo matrimonio con Claudio. “Che cosa succede al corpo di una donna quando scopre di non poter avere figli?” Questo è l’interrogativo che ha continuato a tormentare per anni Gioia ,facendola pian piano scivolare in un baratro, fatto di rabbia, dolore e solitudine. Dinanzi a quello che per lei è il suo fallimento, l’unica cosa che ha fatto, è stato prendere le distanze da suo marito, creare un muro di silenzio che , giorno dopo giorno, ha distrutto tutto ciò che entrambi avevano costruito in 15 anni di vita insieme, lasciando alla fine solo le macerie di ciò che c’era stato. Ma, a scivolare via dalle sue mani, come sabbia, non è stato solo il suo matrimonio, ma anche le parole, quelle che prima riuscivano ad uscire fuori, come un vulcano in eruzione, e che ora paiono bloccate in un limbo inaccessibile. Gioia Ermini ha perso la voce, la capacità di fare ciò che ama: scrivere! Ed ora, all’età di 37 anni, si trova a dover fare i conti con un matrimonio al capolinea, una inquietante pagina bianca che non riesce più a riempire di parole, ma soprattutto un vuoto ingombrante, spigoloso e doloroso, che non sa gestire. “Era tutto finito. C’era solo una cosa che poteva fare, a quel punto. Ricominciare”. E l’occasione di voltare pagina le viene offerta dal suo agente Vanni, che le propone di accettare la proposta di Lorenzo Ranieri , il rettore dell’Università di Firenze, per tenere un corso di scrittura creativa. Gioia la vede come un’occasione per soddisfare il suo bisogno di silenzio e di spazio, così da lasciare libere le sue emozioni. È questa la sensazione che prova quando varca la soglia di quella casa sulle colline toscane: un silenzio buono, un silenzio diverso, da quello della sua casa di Milano, ma soprattutto la strana consapevolezza di non avere più paura.

Ed è lì che il suo destino incrocia quello di Edda, una donna dai capelli bianchi raccolti sulla nuca, un filo di perle attorno al collo, che se ne sta ogni pomeriggio seduta su una vecchia sedia a dondolo con una bambola in grembo, persa nel suo dolore. E Gioia capisce che forse quella donna sconosciuta, la sua bambola e quella casa avvolta dall’ombra del passato la stavano attendendo. E forse dare voce alla sua storia sarebbe stato l’unico modo per sconfiggere lo spettro del suo fallimento. “Raccontamelo. Chi eri prima che tutto svanisse?” Così ha modo di immergersi nella storia di Edda,una giovane ragazza, che vive in una Firenze, dove la guerra imperversa, seminando morte, paura, sospetto e dolore. Il destino farà conoscere ad Edda due uomini che le faranno battere il cuore, anche se in modo diverso, ma che saranno presenze fondamentali per la sua vita: Angelo Meier, il nipote del console tedesco, e Manfredi, un bravo ceramista di Montelupo. Saranno loro a farle capire che si può amare solo in un modo: con il cuore e non con la testa. Il destino, o meglio la guerra, sarà così spietato con lei da privarla a poco a poco di tutto, lasciandola sola, come ora, a distanza di anni, chiusa nel suo dolore. Quel viaggio incredibile, tra le macerie di una mente invasa dalla malattia, iniziato per Gioia in modo incosciente, ha pian piano aperto un varco nei loro cuori, tanto che i pensieri e i sentimenti di Edda si mischiano ai suoi, fino a diventare indistinguibili. La storia di Edda consente a Gioia di affrontare le sue emozioni e capire che il cuore ha bisogno di tempo per guarire, di silenzio e anche di perdono. Ma alla fine ciò che resta è l’ Amore! Prima di concludere il suo viaggio, Gioia deve tenere fede ad una promessa fatta da quattro amiche: Edda, Bianca, Clara e Ludovica. “Ed io prometto che qualunque cosa accadrà, ogni primo settembre tornerò qui, su questo pontile, al calar della sera, e vi aspetterò”. Una storia d’amore, di amicizia, di dolore e di speranza: semplicemente meravigliosa!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

L’IDENTITÀ PERFETTA DI SARAH ARENACCIO

Ed eccoci con una recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: L’ identità perfetta.
Autrice: Sarah Arenaccio.
Genere:Romance Contemporary.
Pagine: 187.
Editore: More Stories, 26 marzo 2021.
Formati disponibili: Kindle 2,99€/ Kindle Unlimited 0,00€/ Cartaceo 10,99€.
Trama:

https://www.amazon.it/Lidentità-perfetta-Sarah-Arenaccio-ebook/dp/B08XPS37FY/ref=mp_s_a_1_1?dchild=1&keywords=sarah+arenaccio&qid=1617304821&sprefix=sarah+arena&sr=8-1

Dario ha quasi sette anni quando si trasferisce in città con sua madre. Ha una passione sconfinata per la matematica ed è un bambino all’apparenza un po’ strambo, ma non per la sua nuova amica Laura, che decide di trascinarlo per un braccio nel mondo e mostrargli come ci si sente a essere tanto diversi da lui. Crescono insieme, scontrandosi con la realtà della vita, senza mai riuscire a comprendere l’altro, ma soprattutto se stessi. Perché, se è facile imparare a contare, la vera difficoltà è arrivare a capire cos’è che conta davvero. Una rottura forse insanabile rischia di tenerli lontani a lungo, forse per sempre. Ma è davvero possibile cancellare chi è parte di noi? ROMANZO AUTOCONCLUSIVO. NUOVA EDIZIONE A CURA DI MORE STORIES.

Giudizio:

“Si bastarono fin da subito”. Questa frase estrapolata dal romanzo di Sarah Arenaccio, credo, sintetizzi perfettamente il rapporto speciale che lega Dario a Laura e viceversa. I protagonisti di questa dolcissima storia sono due ragazzi che, sin dall’età di sei anni, si sono presi per mano o, se vogliamo essere precisi, è Laura che ha preso per mano Dario, e non si sono più divisi davvero da quella magica stretta. Perché essi traggono la propria forza per affrontare i piccoli e grandi ostacoli della vita proprio grazie alla consapevolezza di poter contare l’uno sull’altro. Dario e Laura sono due amici che sono riusciti a fondere e conciliare le loro differenze caratteriali creando un equilibrio quasi perfetto. Non potrebbero essere più diversi e in apparenza assolutamente inconciliabili. Dario è la razionalità impersonificata mentre Laura è puro istinto. Dario è colui che vede nella matematica il suo approdo sicuro dove tutto è certezza inconfutabile, dove non ci sono imprevisti che lui non è capace di gestire, al contrario delle persone che sono invece imprevedibili. Dario è il ragazzino che rifugge dalle interazioni sociali e soprattutto dalla manifestazione di qualsiasi emozione, è colui che preferisce non farsi coinvolgere da ciò che lo circonda. Ha creato un suo meccanismo di autodifesa per non essere scalfito dai dolori e problemi degli altri, seppellendo questi “sotto una piega di ricordi sbiaditi”. Ma questo suo stratagemma può funzionare con tutti, genitori compresi, ma non con quel vulcano di emozioni che, piombato con irruenza nella sua vita, gliel’ha pian piano stravolta: la sua amica Laura. Anche per lei la presenza di quel ragazzino spesso rintanato in un mondo tutto suo, fissato per i numeri e soprattutto con Guerre stellari, diventa ben presto un punto di riferimento fondamentale a cui aggrapparsi nei momenti di difficoltà e con cui confidarsi su qualsiasi tipo di argomento da quello scolastico, familiare e persino intimo. Un’amicizia, quella tra Dario e Laura, che sembra non essere scalfita né dal trascorrere del tempo, né dalle diverse esperienze intraprese, né dall’avvicendarsi al loro fianco di terzi. Pagina dopo pagina li vedremo crescere e maturare sotto i nostri occhi, condivideremo assieme a loro le difficoltà, le gioie, le incomprensioni, i dolori e persino i traguardi raggiunti.

Tutto è propedeutico per il loro percorso di crescita, ma soprattutto ogni step da loro vissuto, insieme o separatamente, è essenziale per far comprendere ad entrambi qualcosa che forse è sempre stato davanti ai loro occhi, ma per un matematico come Dario e una vulcanica come Laura è difficile da ammettere. “Nel loro insieme chiuso, lei era un punto fermo di cui lui costituiva un intorno”. Soprattutto per il razionale Dario sarà difficile giungere a tale consapevolezza. Lui, una scheggia nella risoluzione di complicate operazioni matematiche, ha bisogno di tempi più lunghi quando si tratta di emozioni e l’unica persona che lo sa bene, è proprio la sua Laura. Una storia ricca di emozioni! Sarah Arenaccio ha uno stile davvero scorrevole, ha creato una storia dove trovano spazio non solo i sentimenti ma anche le riflessioni. È il primo romanzo che leggo di questa autrice ed è stata per me una nuova e bella scoperta!

Stelle: 4 ⭐️⭐️⭐️⭐️

IL GIOCO DELLE COLPE DI ANTONELLA MAGGIO

Ed eccoci ancora con Antonella. Siete pronti?

Titolo: Il gioco delle colpe

Autrice: Antonella Maggio

Edito: More Stories

Data d’uscita: 15 gennaio 2021

Pagine: 298

Prezzo kindle: 2,99 €

Prezzo cartaceo: 12,99 €

0,00 € con abbonamento kindle Unlimited

Trama:

https://www.amazon.it/gioco-delle-colpe-Antonella-Maggio-ebook/dp/B08RS9T177/ref=mp_s_a_1_1?dchild=1&keywords=il+gioco+delle+colpe&qid=1612214320&sprefix=il+gioco+delle&sr=8-1

Essere figli di un poliziotto non è semplice, lo sanno bene Alexia e Jake.

Lui ha due occhi chiari come il cielo terso, l’anima nera come l’inchiostro dei suoi tatuaggi e del passato che, dopo anni, continua a tormentarlo.

Lei ha vent’anni e non ha mai avuto un fidanzato per colpa del Capitano Bradley, suo padre; frequentare l’università a Chicago è il primo passo per la libertà, il secondo è innamorarsi di un tipo pericoloso che la sua famiglia non approverebbe mai e che, a sua insaputa, conosce fin troppo bene.

Uno stage in un salone di tatuaggi, l’attrazione e i baci, una sola regola da rispettare: niente sentimenti e legami.

E se a tutto ciò si aggiungessero segreti famigliari inconfessabili?

Le opzioni sono due: sperare che il tempo e i chilometri di distanza possano fermare il destino, oppure continuare a giocare a un gioco in cui vince solo chi depone le armi.

Parliamo del libro…

Volevate vedere Mike in versione papà? Ecco qui Alexa, la figlia di Mike, comandante della polizia. Un padre autoritario, apprensivo tanto da far disperare Alexa che per vivere una vita come tutti gli altri coetanei è costretta ad andare a un’università distante migliaia di chilometri.

Ed è proprio durante lo stage in un negozio di tatuaggi che conosce Jake, anche lui figlio di un poliziotto. Non conoscendo nulla della ragazza, Jake osa come gli altri non hanno mai fatto conoscendo il capitano Bradley.

Ma a un tratto quando la felicità sembra incontrollabile, arrivano segreti di famiglia che destabilizzeranno questa felicità.

Cosa ne penso?

E quando pensi che una scrittrice non ti avrebbe più sbalordito di quanto abbia fatto in passato, eccola che arriva Antonella con questa nuova storia che mi ha lasciato davvero a bocca aperta.

Non sono riuscita a staccarmi e ho passato tutta la notte a leggerlo e andare avanti perché dovevo sapere cosa sarebbe successo.

È stato bello vedere Mike in versione papà e Gwen in versione mamma e moglie.

Non mi aspettavo di provare questa forte emozione nel leggere di tutti loro, e aver spiato il loro futuro me li fa sentire sempre più vicini.

Non mi hanno deluso nonostante loro siano cresciuti, maturati e con delle responsabilità.

Antonella non puoi fermarti qui con tutti loro😂😂

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

IL PROFUMO DI PARIGI DI GIULIA DAL MAS

Ed eccoci con una nuova settimana e una nuova recensione di Anna Maria.

Titolo: Il profumo di Parigi.

Autrice: Giulia Dal Mas.

Genere:Romance storico.

Pagine:222.

Editore: More Stories, 30 novembre 2020.

Formati disponibili:Kindle 2,99€

Kindle Unlimited 0,00€

cartaceo 12,99€.

Trama:

https://www.amazon.it/profumo-Parigi-Giulia-Dal-Mas-ebook/dp/B08MQRXPKP/ref=mp_s_a_1_2?dchild=1&keywords=il+profumo+di+parigi&qid=1610897830&sprefix=il+profumo+di+pa&sr=8-2

Parigi 1908. Isabelle Bonnet è nella sua stanza con una valigia in mano, pronta a partire alla volta dell’Italia. Ha vent’anni e da dodici anni è a servizio, da quando la madre è morta, assassinata nella loro casa alle porte di Parigi. Figlia illegittima di un marchese, viene allevato dalla moglie del padre, una donna cinica e fredda che ha un unico scopo, fare di lei la sua vendetta. Quel viaggio a Venezia non rappresenta solo un nuovo lavoro, ma l’occasione per dimenticare. Non può sapere, tuttavia, che sarà proprio lì che il destino farà la sua mossa, facendole incontrare Tristan Martin, un giovane uomo, carismatico e affascinante, i cui segreti oscuri la travolgeranno, sino a riportarla in Francia, sulle orme del proprio passato. Tra Venezia e Parigi, in un viaggio emozionante attraverso paesaggi mozzafiato e sontuose dimore, agli albori della belle epoque, si intrecciano amori, intrighi e terribili delitti. Una storia tormentata che condurrà la protagonista sino a un paesino sulle colline del sud della Francia, dove tutto ha avuto inizio. ROMANZO AUTOCONCLUSIVO.

Giudizio:

Come una falena è attirata dalla luce, così io sono stata attratta dalla meravigliosa cover di questo romanzo e dal suo titolo alquanto evocativo. I profumi in questo romanzo hanno infatti un ruolo fondamentale perché nel bene e nel male rievocano spesso ricordi del passato: alcuni dolci e piacevoli; altri invece dolorosi e difficili. Vendetta e Riscatto sono le parole chiavi intorno a cui ruota e si sviluppa l’intera trama fitta di emozioni, dolori, intrighi e colpi di scena. “Io credo che prima o poi la vita presenti il conto. Come un cerchio che si chiude a cui non si può sfuggire”. Questa frase estrapolata dal testo riassume, a mio avviso, l’intricata storia che vede come protagonisti: Isabelle e Tristan, due inconsapevoli pedine di un gioco perverso di cui sono altri a muovere le fila. Due esistenze segnate, anche se in modo diverso, da un dolore che affonda le sue radici in un passato che in qualche modo li vede indissolubilmente legati. Isabelle Bonnet ha pagato caramente sulla sua giovane pelle lo scotto di essere la figlia illegittima del marchese Dussolier: “il frutto di un incidente”così l’ha sempre definita la perfida madame Dussolier che ha tentato in ogni modo e con ogni mezzo di spezzare la sua anima, umiliandola e denigrandola ma senza riuscirci realmente. Ed è proprio per sottrarsi dalle vessazioni e umiliazioni di quest’ultima che Isabelle sceglie, non a cuor leggero, di allontanarsi dalla sua amata Parigi che le rammenta solo ricordi dolorosi e trasferirsi a Venezia dove spera di voltare pagina. Peccato che il passato sembra non voglia abbandonarla e che il destino pare avere per lei un preciso percorso da seguire ed, infatti, non a caso, pone sulla sua strada l’affascinante Tristan Martin, uno spregiudicato mercante d’arte: portamento fiero, spalle larghe, passo deciso e sguardo intrigante. “Era facile scivolare nella sua orbita, rimanere attratti come la Terra dal Sole e ritrovarsi a fissarlo con occhi sognanti”. Una inspiegabile alchimia sembra legare le loro anime che, pian piano, si scopriranno piene di cicatrici ancora sanguinanti e che essi tentano di rimarginare con il loro sentimento intenso ma allo stesso tempo fragile.

Isabelle e Tristan sembrano specchiarsi nello stesso dolore e nello stesso tormento. Ma cosa nasconde o meglio chi si nasconde dietro la maschera cinica di Tristan? “Era come se ci fossero due volti, nascosti sotto ai suoi tratti armonici, due lati della stessa medaglia che con la medesima forza di contendono la vittoria”. Un velo oscuro di malinconia pare ottembrare i magnetici occhi verdi di Tristan, ma quali segreti inconfessabili essi custodiscono? E tali segreti in che modo paiono riguardare il passato di Isabelle? Un romanzo storico che ci porta a compiere un viaggio tra Parigi e Venezia, due città diverse, ma al contempo ricche di fascino e profumi inebrianti. Una penna, quella di Giulia Dal Mas, fornita ma non ampollosa, raffinata ed attenta nelle descrizioni dei luoghi e nella ricostruzione storica del periodo, quello della Belle Epoque movimentato ed eclettico, e soprattutto delicata nell’analisi psicologica ed emotiva dei suoi personaggi. È riuscita a catapultarmi all’interno della storia, a farmi percepire colori e profumi, a farmi entrare in sintonia con i pensieri e stati d’animo dei protagonisti che ho amato in egual misura. Le ultime trenta pagine mi hanno letteralmente fatto restare col fiato sospeso, emozionare e commuovere. Una lettura assolutamente meravigliosa!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

GLI OCCHI DEL TUO CUORE DI ALESSANDRA CIGALINO

Ed eccoci con una nuova storia.

Titolo: Gli occhi del tuo cuore

Autrice: Alessandra Cigalino

Pagine: 146

Data d’uscita: 9 novembre 2020

Edito: More Stories

Prezzo kindle: 2,99 €

Prezzo cartaceo: 10,99 €

0,00 € con abbonamento kindle Unlimited

Trama:

https://www.amazon.it/Gli-occhi-cuore-S-P-Y-Vol-ebook/dp/B08LDW9XRV/ref=mp_s_a_1_1?dchild=1&keywords=gli+occhi+del+tuo+cuore&qid=1608326252&s=digital-text&sprefix=gli+occhi+del+t&sr=1-1

Il ritorno a casa durante le vacanze estive si rivela per Helen un vero e proprio tornado di emozioni. Non solo un gruppo di agenti speciali fa irruzione di notte nella villa della sua famiglia, ma è anche l’amore, di soppiatto, a invadere il suo cuore.

Per Jack Milton – capo squadra della S.P.Y., la nuova organizzazione segreta formata da giovani agenti incaricati di affrontare missioni pericolose – è giunto il momento di arrestare un potente boss della mafia, latitante da tempo. Ma Jack, quella notte, inciamperà in un ostacolo che solo il suo cuore sarà in grado di oltrepassare. E il desiderio di proteggere Helen, dagli occhi di ghiaccio, gli farà commettere errori che a un agente speciale non sono permessi.

Parliamo del libro…

Jack è il capo della squadra segreta della S.P.Y., è stato addestrato per non commettere nessuno errore durante ogni missione.

Lui studia tutte le mosse, ogni cosa nel minimo particolare per non commettere nessun errore.

Ma a questa missione ci due occhi che non possono vederlo, ma che lo leggono dentro meglio di chiunque altro.

La figlia del boss che lui deve incastrare, una ragazza pura, che lui vuole assolutamente conoscere e proteggerla da tutto quello che succederà. Ma come spiegarle esattamente chi è lui, e cosa fa nella casa di Helen?

Dopo averle detto un sacco di bugie, si ritrova a dover dirle tutta la verità e farsi conoscere per il vero Jack.

Helen, ha un grande cuore, e nonostante la vita le abbia tolto molto, lei è ancora capace di dare tanto se non di più di quello che ha.

Affrontare la vita serenamente e amorevolmente è una delle sue più belle caratteristiche, e quando incontra Jack non riesce a capire come uno come lui possa essere interessato a una come lei che non può dare tanto nel suo futuro. Ma non sa che solo chi ama riesce a vedere la vita con il cuore e non con gli occhi, ed è proprio quello che Helen involontariamente sta insegnando a Jack, e se per lei sarà difficile da credere per lui non esiste un amore più reale di quello che stanno provando loro.

Cosa ne penso?

Un libro breve non impegnativo, ma nella breve storia da molti insegnamenti e trasmette tante emozioni.

Innanzitutto Helen, una ragazza non vedente, per molti può essere un grosso handicap, ma lei ha dimostrato che è capace di fare tutto proprio come tutte le persone vedenti.

E proprio già da questo piccolo particolare mi sono chiesta ma quante volte le persone vengono trattate in maniera diversa facendole sentire anormali invece che esseri umani?

Poi troviamo Jack e la sua squadra, un lavoro che fa battere il cuore all’impazzata a tutti quelli che vivono attorno a loro.

Ed eccoci arrivati alla storia di questi due fantastici ragazzi insieme, ci saranno degli insegnamenti di vita fantastici, ci faranno emozionare, amare e anche piangere.

Un libro che in un paio d’ore di lettura me li ha fatti amare alla follia e ha trasmesso dei grandi e forti messaggi.

Grazie Alessandra per questo ennesimo splendido capolavoro.

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

COME ROVINARE TUTTO DI ARIANNA CIANCALEONI

Oggi Anna Maria Bisceglie ci parlerà di una nuova storia, siete pronti?

Titolo: Come rovinare tutto.

Autrice: Arianna Ciancaleoni.

Genere: Romance.

Pagine: 214.

Edito: More Stories, 18 maggio 2020.

Formati disponibili: Kindle 2,99€

Kindle Unlimited 0,00€

cartaceo 10,99€.

Trama:

https://www.amazon.it/Come-rovinare-tutto-Arianna-Ciancaleoni-ebook/dp/B08818Y2MZ/ref=mp_s_a_1_1?dchild=1&keywords=come+rovinare+tutto&qid=1590681337&sprefix=come+rovinare&sr=8-1

L’ estrosa Violante e l’ impacciato Federico si conoscono sui banchi di scuola e si innamorano pazzamente. Federico, però, ha mentito: sa bene che dovrà presto trasferirsi a Milano con la sua famiglia e non ha il coraggio di rivelarlo. Quando Violante lo scopre, decide di troncare per sempre i rapporti con lui: se non è stato sincero finora , non potrà mai esserlo a chilometri di distanza. Cosa succederà quando, dopo vent’anni, si rincontreranno di nuovo per un impegno di lavoro? Si scopriranno ancora innamorati , oppure il tempo e la lontananza avranno ormai rovinato ogni cosa?

Giudizio:

Ho conosciuto questa scrittrice grazie al suo romanzo ” Vorresti essere me?” e mi aveva, col suo finale inaspettato, lasciata a bocca aperta. Ho poi avuto il piacere di leggere altro di suo e ora, con quest’ultimo romanzo le aspettative erano davvero alte. Mi ha delusa? Assolutamente no! Arianna Ciancaleoni, ancora una volta, oltre a confermare la sua bravura, ha nuovamente dimostrato la sua originalità nel raccontare una storia che presenta, quando meno te l’aspetti, una svolta. Victor Hugo diceva: ” Il destino mischia le carte, l’uomo gioca la partita.” Siamo infatti noi , con le nostre azioni, a determinare il percorso e la svolta che può assumere la nostra vita a seconda delle scelte fatte o delle reazioni avute davanti agli imprevisti incontrati strada facendo. E i protagonisti di questo romanzo impareranno questa lezione sulla loro pelle, pagando lo scotto delle loro scelte, rimuginando su i Se, su i Ma e i Forse; mentre la loro vita va avanti, cambia, si evolve assieme a loro. Violante e Federico si conoscono sui banchi di scuola e immediatamente nasce tra di loro una complicità che si trasforma in un sentimento profondo, in un legame prezioso e invidiabile. Violante e Federico non potrebbero essere più diversi: lei solare, impulsiva e socievole; lui timido patologico,insicuro, riservato. Desiderano anche cose diverse! ” Da una parte c’ero io che non sognavo altro che la stabilità, dall’altro c’ era lei che voleva andarsene in giro per il mondo”. Nonostante i sogni diversi e il diverso modo di reagire alle situazioni, i due ragazzi si innamorano perdutamente; purtroppo il loro idillio viene bruscamente interrotto dall’improvvisa (l’ennesima per Federico) partenza del ragazzo per volere della sua famiglia. Un definitivo addio, alla stazione, pone termine ad una storia sbocciata in fretta, ma radicatasi profondamente nei loro cuori. Ma cosa può accadere se, dopo vent’anni, quei due ragazzi si ritrovano nella città, nei luoghi che hanno visto nascere e anche finire il loro amore? Violante e Federico, dopo quell’addio, hanno intrapreso strade diverse. Violante ha seguito il suo sogno di viaggiare e ora, dopo un lungo peregrinare, ha deciso di tornare nuovamente a Montefalco, la sua città, per aprire assieme al suo inseparabile amico Damiano un salone di bellezza. Violante nutre in cuor suo la possibilità di rincontrare quel Federico che non ha mai dimenticato, quel Federico di cui porta ancora la fedina d’argento, quel Federico a cui, quel giorno di vent’anni fa, ha chiesto di non cercarla più, per poi tormentarsi negli anni di aver rovinato tutto. E Federico cosa ha fatto in questi anni? Anche lui ha vissuto nel ricordo di quella ragazza che era riuscita con la sua dolce invadenza a conquistare il suo cuore. Anche lui è andato avanti, prima assecondando, come sempre, i desideri paterni, per poi , alla soglia dei quarant’anni, decidere finalmente di fare ciò che ha sempre desiderato. Sono questi i due ragazzi “cresciuti” che il destino fa nuovamente incontrare! Sarà questa la seconda occasione, offerta dal fato, per provare a darsi una chance? Oppure uno di loro, ancora una volta, rovinerà tutto? In questo romanzo tanti sono gli elementi che condizionano l’evolversi della storia tra Violante e Federico.

In primis la famiglia che spesso, influenza, con le proprie scelte, con le proprie aspettative o con le proprie imposizioni, la vita dei figli. Poi c’è il meraviglioso legame che unisce Violante a Damiano, l’uomo che c’ è stato e c’è sempre, colui che sa ascoltarla, confortarla, consigliarla. Una presenza preziosa, speciale e fondamentale! Infine c’è l’Amore, il sentimento che , come sempre, muove le fila della storia e che richiede però, da parte di entrambi, sincerità e coraggio. A volte si deve correre il rischio di sbagliare, di rovinare tutto, perché, magari, dietro un errore si nasconde una inaspettata sorpresa! Cosa dire di più? Se non che Arianna Ciancaleoni è riuscita, con la sua arguta bravura, a rendere “erotico” un momento apparentemente banale, come quello del lavaggio dei capelli! Chapeau Arianna Ciancaleoni!

Stelle: 5 ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

TESORO D’IRLANDA DI MANUELA CHIAROTTINO

Pronti per un’altro review party di Anna Maria Bisceglie?

#iorestoacasa

Titolo: Tesoro d’ Irlanda.

Scrittrice: Manuela Chiarottino.

Genere: Contemporary Romance.

Pagine: 278.

Edito: More Stories, 13 marzo 2020.

Formati disponibili: Kindle 2,99€/ Kindle Unlimited 0,00€

cartaceo copertina flessibile 11,99€.

Trama:

https://www.amazon.it/Tesoro-dIrlanda-Manuela-Chiarottino-ebook/dp/B0855XX5SK/ref=mp_s_a_1_1?dchild=1&keywords=tesoro+d+irlanda&qid=1585904887&sprefix=tesoro+d’&sr=8-1

Non sempre il cuore ha radici nel luogo in cui vive, ed Eillen lo sa bene. Cresce con suo padre fin dalla tenera età, subendo l’abbandono di sua madre, la giovane frontwoman di un gruppo celtico è ormai una donna adulta con grandi ambizioni, ma che non ha ancora incontrato l’amore. La terra verde della sua infanzia sembra di nuovo chiamarla a sé, giorno dopo giorno. Ogni particolare conduce i suoi passi sulle tracce dell’isola, e l’incontro con Fosco , un uomo taciturno e affascinante, la turba fino a costringerla a mettere tutto in discussione, dal cuore alla ragione.

E se avesse avuto sempre ragione sua madre , mentre narrava di fate di boschi e magie d’altri tempi? E se l’amore prescindesse dalla realtà, scegliendo vie a volte surreali, ma altrettanto vivide? Dall’autrice dell’indimenticabile La bambina che annusava i libri una nuova storia dalla forza di un amore incontenibile.

Giudizio:

” Il mare è traditore, lo sa? Non merita che lei lo dipinga. Non c’è nient’altro che varrebbe la pena ritrarre, invece di venire sulla mia spiaggia, a immortalare tutto questo?” Parole dure e sarcastiche sono quelle che rivolge Fosco ad Eillen la prima volta che la vede,assorta, a ritrarre sulla tela bianca quel mare verso cui lui prova sentimenti contrastanti. Fosco è un’anima tormentata, un’anima ancorata purtroppo ad un passato doloroso da cui non vuole ancora allontanarsi. Ed è proprio quest’uomo solitario, burbero e complicato che s’imbatte in una meravigliosa ragazza dalla chioma ramata e da due occhi verdi, come il mare: Eillen Scalzi. Ma chi è Eillen? La nostra protagonista è una ragazza, per metà di sangue irlandese, dallo spirito libero e ribelle ma, anche lei, come Fosco, ha sul cuore una cicatrice aperta che le fa ancora male. “Via dall’Irlanda, da quella terra che l’aveva accolta neonata e che le aveva portato via la mamma, perché da quelle coste un giorno era salita su una nave ed era partita per non tornare mai più.” Eillen, dopo un’infanzia felice trascorsa in Irlanda di cui i pochi ma sbiaditi ricordi sono tutti legati a sua madre e alle leggende su fate ed elfi, è poi dovuta crescere sola con un padre severo e forse iperprotettivo. Sua madre, un bel giorno, ha deciso che il suo desiderio di libertà fosse più forte di un marito noioso e di una figlia da accudire. L’abbandono ingiustificabile di sua madre ha creato una voragine nel suo cuore. Ma quell’ Irlanda verso cui dovrebbe provare solo odio e rimpianto, continua a fare parte di lei, è nel suo DNA, e non solo per i suoi indiscutibili tratti somatici, ma anche per il suo amore per le musiche, le canzoni e i balli celtici. Il canto e la pittura sono le sue più grandi passioni. La pittura le consente di rappresentare su tela la sua visione della realtà, mentre il canto di esprimere con la voce e il corpo le sue più intime emozioni.

Il destino fa dunque incontrare queste due anime lacerate da ricordi e dolori diversi ma comunque simili. Fosco ed Eillen avvertono immediatamente un’inspiegabile ed irrefrenabile attrazione. Ma il dolore e il senso di colpa che, ormai da più di un anno, attanaglia il cuore di Fosco gli impedisce di lasciarsi completamente andare. “Fosco doveva perdonare se stesso, lei doveva decidere se perdonare o meno sua madre”. Eillen si trova infatti costretta a dover affrontare il suo passato. È costretta per volere di sua madre deceduta da poco, a dover tornare nella sua Irlanda per seguire delle tracce, alla scoperta di un tesoro che sua madre le ha lasciato. Una lettera d’addio, un libro consumato ai bordi, un prezioso e magico anello, una casa diroccata e qualcuno di misterioso da ritrovare. Questa è l’eredità di sua madre! ” La casa ora ti appartiene, fanne cosa credi, ma sappi che lì intorno ho nascosto il resto del mio tesoro. Se ricorderai le vecchie storie, saprai trovarlo”. Ritornare a Waterville significa per Eillen rituffarsi in un mare di ricordi legati ad una infanzia felice e all’immagine di sua madre. Ritornare a Waterville significherà per Eillen ricomporre tutte le tessere di un complicato puzzle che però, una volta ricomposto, le permetterà di comprendere di più Caitlin e anche se stessa. Fare pace con il passato è assolutamente necessario per poter guardare al futuro. Eillen in questo percorso non sarà sola ma le indicheranno la strada fate, folletti e un piccolo gomitolo di pelo nero e….chi altro ci sarà al suo fianco per scovare in Irlanda il suo tesoro? Magico questo è il primo aggettivo che mi viene in mente per descrivere in parte ciò che ho provato leggendolo. La scrittrice ha la maestria di prendere per mano il lettore e accompagnarlo, attraverso le sue minuziose descrizioni, in quei luoghi selvaggi e incantati. Si ha la sensazione di sentire ogni suono, di cogliere ogni sfumatura di colore, di entrare in punta di piedi dentro la mente curiosa e aperta della nostra Eillen e nel cuore in subbuglio del tenebroso Fosco. Non c’è altro da aggiungere se non consigliarvi di leggere questo romanzo ed essere pronti a compiere un viaggio nel magico mondo delle emozioni!

Stelle: 5 ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

ANNA COSA VOGLIONO LE DONNE DI VALENTINA CEBENI

E oggi di quale libro ci parlerà Anna Maria Bisceglie?

Titolo: Anna ( Cosa vogliono le donne vol.1).

Autrice: Valentina Cebeni.

Genere: Romance.

Pagine: 70.

Edito: More Stories, 10 gennaio 2020.

Formati disponibili: Kindle 0,99€

Kindle Unlimited 0,00€

cartaceo copertina flessibile 6,99€.

Trama:

https://www.amazon.it/Anna-Cosa-vogliono-donne-Vol-ebook/dp/B082Y8MB72/ref=mp_s_a_1_4?keywords=valentina+cebeni&qid=1580166266&sprefix=valentina+ce&sr=8-4

Anna è stata per anni una moglie paziente, ma di fronte all’ennesimo tradimento del marito decide di alzare la testa e reagire. Insegue i suoi sogni e apre un negozio di fiori , sempre sostenuta dal suo fidato gruppo di amiche, con cui si riunisce tutte le settimane per parlare di vita, desideri e paure, in un confronto continuo che la aiuta a sentirsi meno sola. Anna combatte per la sua indipendenza,cercando di scrollarsi di dosso il passato, sempre in bilico tra il rimpianto e la speranza di un futuro migliore. Nel suo percorso sembra non esserci spazio per il romanticismo, ma un giorno incontra Paolo, un pasticcere affascinante e generoso che inizia a corteggiarla. Riuscirà a farle battere il cuore?

Giudizio:

“Guarda tutto e sopporta in silenzio.” Questo le aveva insegnato sua madre e lei aveva tenuto fede a quell’ insegnamento per tanto tempo. Aveva preferito chiudere gli occhi dinanzi all’evidenza. Aveva assecondato da brava moglie i voleri e i desideri di un marito da cui sperava di essere amata davvero. Aveva, in nome di quell’amore sbagliato, preferito rinunciare ai suoi sogni. Ma, dopo l’ennesimo tradimento e l’ennesima umiliazione, Anna ha gridato a caratteri cubitali il suo BASTA! Ha finalmente preso il coraggio di riprendere in mano la sua vita e di tirar fuori dal cassetto quel sogno accantonato ma mai dimenticato: aprire il suo negozio di fiori! L’aver detto addio a Carlo, l’aver chiuso, non senza dolore e ripensamenti, un capitolo della sua vita, le permette ora di sentirsi libera di fare ciò che desidera e soprattutto di essere semplicemente se stessa. Ed è proprio quando credi di aver toccato il fondo che la vita pone dinanzi ai nostri occhi nuove e meravigliose possibilità. Spetta poi a noi saperle cogliere a volo! Questo è ciò che accade ad Anna, la protagonista di questo breve ma intenso romanzo di Valentina Cebeni. Nello stesso giorno Anna mette una pietra sul suo soffocante matrimonio, comincia a programmare il suo futuro e apre la porta del suo cuore a qualcuno che le insegna: “Chi ti ama non ti incatena ma ti lascia libero di sceglierti.” Libertà, Coraggio e Rinascita queste le parole che racchiudono il messaggio che Valentina Cebeni ha voluto donare ai suoi lettori. Anna, la protagonista, rappresenta il simbolo di tutte quelle donne che, dopo aver chinato il capo per tanto tempo, trovano la forza per ricominciare da capo!

Stelle: 4 ⭐️⭐️⭐️⭐️