UNA VICE NELLA NEBBIA DI LAURA COSTANTINI E LOREDANA FALCONE

Ed eccoci con una recensione per questa domenica con Anna Maria.

Titolo: Una voce nella nebbia.

Autrici: Laura Costantini e Loredana Falcone. Genere: Romance Fantasy.

Pagine: 265.

Editore: Edizioni Il Vento Antico ( 2 edizione), 25 novembre 2016.

Formati disponibili:Kindle 2,99€

cartaceo 16,14€.

Trama:

https://www.amazon.it/gp/aw/d/B01NBIRB5L/ref=tmm_kin_title_0?ie=UTF8&qid=1610038657&sr=8-2

La famiglia Greenslade approda nella baia di Kenmare a caccia di petrolio. Americani di origini irlandesi, il tycoon petrolifero Pierce , il nipote Garth e la figlia Tara pensano che nulla vada lasciato al caso. L’impatto con Cathac , piccolo paese sul mare e dominato dal castello che i Greenslade hanno acquistato, sarà devastante per le loro certezze, fin dagli incontri con Eibhlin e Seasamh O’Caroean. La prima è la giovane non vedente che vive nel bosco ed è creduta una strega dai paesani , il secondo è il medico del posto, amante della pesca e delle antiche credenze celtiche. Un incrocio di vite, un vortice che tutti affronteranno con esiti diversi. Ci sarà chi perderà la vita e chi invece ne acquisterà una nuova. Ma tutti, per fino la stessa Eibhlin, impareranno che le cose accadono, se le desideri veramente. Romanzo vincitore del premio speciale “Team” Amarganta 2017.

Giudizio:

Due funambole della penna! Questo è l’unico modo in cui posso definire il duo scrittorio costituito da Laura Costantini e Loredana Falcone, vista la loro versatile capacità di spaziare da un genere all’altro senza mai perdere il loro tratto distintivo. Ormai le seguo da un po’, conosco il loro stile e la loro bravura. Una voce nella nebbia non è uno dei loro romanzi più recenti, ma questo mi ha permesso di verificare la loro costante e progressiva maturazione, ma anche di trovare ulteriore conferma sul loro indiscusso affiatamento e talento. Si tratta di un fantasy ambientato in una terra, come quella irlandese, già di per sé magica, viste le innumerevoli leggende e credenze celtiche fortemente radicate. Ed infatti, in questo romanzo, una protagonista invisibile, ma artefice segreta di tutte le vicissitudini che si svilupperanno e che coinvolgeranno i vari personaggi, è la Dea Madre. È lei che muoverà le fila dall’alto proteggendo, punendo o consigliando i suoi figli terreni! C’è chi crede fedelmente al suo potere e volere come la dolce e saggia Eibhlin, ritenuta dagli abitanti della sua città una potente strega e da padre Caoineadh addirittura una “concubina” di Satana. Una ragazza che, come unica pecca, ha il suo appartenere ad una famiglia di pericolose streghe e ha sperimentato sulla sua pelle la malvagità delle bigotte superstizioni. Una ragazza dall’apparente aspetto fragile e indifeso ma che, in realtà, si rivela una forte e risoluta figura femminile. Eibhlin ha dovuto imparare ad essere autonoma, a bastare a se stessa. A lei hanno insegnato che, in quanto donna, non ha bisogno di niente e di nessuno e che gli uomini sono strumenti di fecondazione e niente di più. Medesimo carattere forte e indipendente si riscontreranno nell’altra protagonista femminile: la giovane Tara Greenslade, uno spirito ribelle che ha dimostrato nel non sottostare al volere paterno sul futuro già prescritto per lei, ma che ha deciso di assecondare il suo desiderio di tornare nella patria delle origini anche per fuggire da una vita ormai priva di uno scopo. Per Tara gli uomini sono piacevoli strumenti con cui trastullarsi e con cui soprattutto sfidare suo padre! Due donne che impareranno inspiegabilmente di aver bisogno solo di una cosa: essere amate nonostante tutto. Due donne che , anche se in modo diverso, dovranno attraversare un intricato labirinto interiore per poi giungere alla vera conoscenza del proprio io e di ciò che davvero desiderano. Eibhlin e Tara rappresentano i due mondi agli antipodi che vedremo fronteggiarsi: quello antico basato su credenze popolari e su un rapporto simbiotico tra uomo e natura e quello invece basato sul progresso tecnologico e sul benessere economico. La piccola cittadina irlandese di Cathac sarà letteralmente stravolta nelle sue quotidiane abitudini dall’arrivo della famiglia americana e con essi della piattaforma petrolifera. Passato e presente, antico e moderno, benessere e progresso possono anche convivere pacificamente e apportare reciproci benefici. Un iniziale scontro tra mentalità differenti che vedremo pian piano accettarsi superando pregiudizi e remore morali. Questo fantasy con tinte paranormali insegna a non opporsi al destino, ma ad accettarlo. Insegna ad attendere fiduciosi il percorso degli eventi perché la Dea Madre vede e sa tutto ed è lei a decidere se, quando e come accadranno le cose. Occorre crederci fino in fondo! Amore, magia e superstizione, questi alcuni degli elementi che ritroveremo in queste pagine e dove, come spesso accade nei romanzi del duo scrittorio, grande rilievo è dato alle figure femminili. Lettura piacevole ed interessante!

Stelle: 4 ⭐️⭐️⭐️⭐️

LE TRE PARTI DEL CUORE DI LAURA COSTANTINI E LOREDANA FALCONE

Buon week end da Anna Maria e la sua recensione.

Titolo: Le tre parti del cuore.

Autrici: Laura Costantini e Loredana Falcone. Genere: Romance.

Pagine: 445. Editore: goWare , 12 ottobre 2020. Formati disponibili:Kindle 7,99€

Cartaceo 18,04€.

Trama:

https://www.amazon.it/tre-parti-del-cuore-ebook/dp/B08L5BSB5S/ref=mp_s_a_1_1?dchild=1&keywords=le+tre+parti+del+cuore&qid=1606224674&quartzVehicle=25-355&replacementKeywords=le+tre+parti+del&sprefix=le+tre+part&sr=8-1

Megan Krantz , pittrice affermata, non esita ad affrontare le scelte del passato quando a chiedergliene conto è il figlio delle due persone che ha più amato al mondo. Tra vecchie fotografie, riviste di moda e cataloghi d’arte, rivivono gli anni Ottanta di Parigi e New York, testimoni dell’ascesa al successo di due giovani donne, sorelle per scelta altrui, amiche per loro volontà, unite e divise da un cuore irrimediabilmente spezzato in tre parti.

Giudizio:

Ormai è da un po’che seguo il duo scrittorio costituito da Laura Costantini e Loredana Falcone e pertanto sono abituata alla loro capacità di spaziare da un genere all’altro senza problemi e alla loro bravura nell’ordire trame non scontate. In questo loro ultimo romanzo ci fanno intraprendere un viaggio nei sentimenti attraverso i ricordi di una dei protagonisti che della storia narrata è parte integrante e attraverso le emozioni di colui che è, in qualche modo, il risultato della stessa. Passato e presente sembrano aver atteso il momento giusto per ricongiungersi. Un vecchio album di fotografie costituisce la memoria di un passato felice ma anche doloroso ed è l’anello di congiunzione che permetterà al passato di dare al presente le risposte che cerca. Megan, Chris, Jill: sono questi i protagonisti della storia e sono essi le tre parti in cui si divide il cuore. Agli estremi di esso vi sono Megan e Jill, le due ragazze unite da un legame affettivo speciale a seguito dell’unione dei loro rispettivi genitori e piene di sogni da realizzare: la prima vuole affermarsi nel campo dell’arte e la seconda nella moda. Due ragazze caratterialmente differenti: Megan più riflessiva mentre Jill più istintiva. Entrambe però legate da un affetto forte e indissolubile, fino a quando, sulla scena delle loro vite, non compare il più famoso critico d’arte di tutta Parigi, meglio noto nel suo ambiente come lo “stroncatore delle carriere sul nascere”: Christopher Jay Kilpatrick, alto, bruno, elegante ma terribilmente arrogante ed egocentrico. È lui che occupa il centro del cuore, è lui che, in qualche modo, con la sua comparsa, provocherà una profonda e forse insanabile rottura in un rapporto che, prima, appariva inscalfibile. “Eravamo più che sorelle, eravamo due naufraghe sulla stessa zattera. Poi è arrivato lui”. In queste parole è perfettamente sintetizzato cosa accade a Megan e Jill dopo che permettono ad un uomo, come C.J., di insinuarsi tra di loro. Difficile per entrambe restare immuni al suo fascino e al suo potere. Difficile per entrambe non agguantare la possibilità di realizzare i propri sogni attraverso la notorietà e l’esperienza di mister Kilpatrick. Impossibile anche non cadere nella sua trappola di seriale tombeur de femme senza subirne le dovute conseguenze. Ma quale sarà il prezzo da pagare? E cosa rappresentano Megan e Jill nella vita di Chris? “..in balìa di due donne che sembravano le due facce della stessa medaglia.

Una medaglia della quale volevo essere l’unico proprietario”. Egoismo. Amore. Possessività. Questi sono forse gli aggettivi che possono, in parte, descrivere il sentimento complesso e perverso che lega Chris a queste due donne così diverse, ma così simili nel trasmettergli sensazioni intense e irrinunciabili. Jill riesce a dargli una passione travolgente ma anche distruttiva, Megan un’ alchimia rassicurante. Come e su quali basi compiere una scelta? È possibile amare due persone allo stesso modo? I tre protagonisti di questa storia rivivranno attraverso le parole e i ricordi di Megan e sveleranno verità, a volte non facili da accettare, e scelte dolorose compiute in nome di un sentimento che, a volte, come in questo caso, sceglie percorsi tortuosi per manifestarsi. Ai nostri protagonisti la vita, come conseguenza delle loro azioni, non risparmierà nulla: successo, passione, emozioni ma anche gelosie, tradimenti, dubbi e una terribile sofferenza che li accomunerà sempre. Il numero tre non è un numero perfetto per l’Amore ma Jill, Chris e Megan cercano e forse trovano un loro modo per ricomporre quel cuore diviso in tre parti imperfette ma complementari. Tre personaggi con cui non sono riuscita sempre ad accettare le scelte, per quanto spinte da un amore che mi è parso, a volte, egoista e distruttivo. Di sicuro il personaggio più difficile da comprendere è Chris: ho detestato la sua mania di controllo, il suo costante tentativo di voler forgiare le sue donne in base ai suoi e non ai loro desideri; ho provato anche compassione per lui perché, comunque, è rimasto vittima della stessa trappola e, come per la passionale Jill e la razionale Megan, ha pagato lo scotto delle sue altalenanti scelte. È di sicuro un romanzo che, oltre ad emozionare, porta il lettore ad interrogarsi su i diversi modi di amare e su come questi possano, se possibile, coesistere. Ognuno potrà darsi la risposta che meglio crede ma, prima di emettere un giudizio, occorrerà arrivare al termine di questo viaggio tra passato e presente. Buona lettura!

Stelle: 5 ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

SE NON AVESSI PIÙ TE DI LOREDANA FALCONE E LAURA COSTANTINI

Ed ecco Anna Maria Bisceglie!!

Titolo: Se non avessi più te.

Scrittrici: Loredana Falcone e Laura Costantini. Genere: Romance contemporaneo.

Pagine: 113. Edito: Independently published, 14 maggio 2018.

Formati disponibili: Kindle 1,99€

cartaceo copertina flessibile 5,20€.

Trama:

https://www.amazon.it/Se-non-avessi-più-te-ebook/dp/B07C46H9G6/ref=mp_s_a_1_5?dchild=1&keywords=se+non+avessi+più+te&qid=1590164437&quartzVehicle=907-1786&replacementKeywords=non+avessi+più+te&sprefix=se+non+avess&sr=8-5

Vittoria Arduini ha vissuto una vita intera cullandosi il rimpianto per la più difficile delle scelte. Ma la musica che ama, le vecchie canzoni italiane che ascolta tutti i giorni dall’ altoparlante quasi esausto di una radio, ha un potere che nessuno può immaginare. E se un giorno è legato ad una canzone , quella canzone può diventare una porta. Basta avere il coraggio di varcarla per capire che non saranno i capelli bianchi e le incomprensioni della famiglia a impedirle di riprendere in mano la propria vita. Loredana Falcone e Laura Costantini sono un duo scrittorio e questo è il loro primo romanzo pubblicato da autrici indie con il marchio FalconeCostantini. Se volete conoscerle meglio http://www.lauracostantini.i/ falconecostantini.

Giudizio:

Se non avessi più te è un romanzo scritto dal duo scrittorio L. Falcone- L. Costantini che parla di un amore non vissuto, di una vita fatta di rimpianti e di un rapporto madre- figlia costellato da silenzi e verità non dette. Due le donne protagoniste: Vittoria e Lidia, una madre e una figlia, due generazioni in apparenza divise da quegli anni che le separano e da una serie di incomprensioni accumulate nel tempo che hanno poi, pian piano, dato vita ad un muro insormontabile. Vittoria, ora settantenne, ha, per il benessere della famiglia, relegato in un angolino del suo cuore e della sua mente i suoi sogni, i suoi desideri e soprattutto quell’ amore mai dimenticato anche se non vissuto davvero! Per la generazione di Vittoria Arduini le cose più importanti da salvaguardare, a costo di qualsiasi sacrificio, sono state il benessere, l’equilibrio e l’apparenza di una famiglia PERBENE! Per la sua generazione una donna doveva spesso indossare la maschera del sorriso, nonostante avesse il cuore lacerato. E così aveva fatto Vittoria; e così era andata avanti, cercando di essere una buona madre e una moglie impeccabile. Ma era riuscita davvero a calarsi perfettamente nel suo ruolo o la maschera l’aveva tradita, rivelando il suo dolore e il suo rimpianto? Lidia, una donna cinquantenne, una moglie, una madre e soprattutto una figlia arrabbiata con quella madre che ha sempre percepito distante, infelice,insoddisfatta. Ma di cosa doveva essere insoddisfatta sua madre, se , ai suoi occhi prima di bambina e ora di adulta, aveva avuto una vita agiata e soddisfacente sotto ogni aspetto? Rabbia, confusione e astio sono i sentimenti che hanno impedito a Lidia di avvicinarsi a sua madre e a provare magari, a conoscerla davvero; fino a quel giorno in cui…..le note di “Se non avessi più te” di Gianni Morandi, uscite da quella vecchia radio, unica e fedele compagna di Vittoria, non creano uno scossone incredibile e surreale nelle loro vite. Le note di una vecchia canzone, custode di un ricordo, di un amore, di un addio, permettono a Vittoria di prendersi finalmente quella fetta di felicità che si era negata, di fare un tuffo nel passato e dare alla Vittoria trentenne e al cuore sempre innamorato della Vittoria settantenne la priorità che merita. Mentre sua madre vive nel suo surreale flash back, Lidia invece, nel presente, fa i conti con i suoi errori di moglie, di madre e di figlia. Scende dal suo alto piedistallo e per la prima volta nella vita, dinanzi ad una realtà non così perfetta, riesce a comprendere Vittoria non quella nella veste di madre o di moglie, ma in quella di donna. E comincia a guardare con occhi diversi anche se stessa. Quante volte il sentire una vecchia canzone risveglia in noi dolci ricordi, legati ad un momento o ad una persona in particolare. In questo romanzo, cullati dalle melodie delle canzoni degli anni 60, il duo scrittorio ci fa vivere la dolce storia di un amore che aveva la necessità di essere vissuto, rubando alla realtà poche ma fondamentali ore così da non avere più rimpianti. Una storia dolce e delicata, scritta in modo originale e impeccabile da due scrittrici che non si smentiscono in ogni loro narrazione.

Stelle: 4 ⭐️⭐️⭐️⭐️

BLU COBALTO DI LAURA COSTANTINI E LOREDANA FALCONE

Eccoci a metà settimana, finalmente!

Oggi la nostra Anna Maria Bisceglie ci parlerà di una nuova lettura, siete pronti?

Titolo: Blu Cobalto

Autrici: Laura Costantini e Loredana Falcone.

Genere: eco- thriller.

Pagine: 332.

Edito: Dei Merangoli Editrice, 2 agosto 2019.

Formati disponibili: Kindle 4,99€

cartaceo copertina flessibile 13,60€.

Trama:

https://www.amazon.it/gp/aw/d/B07VY5W6LK/ref=tmm_fbs_kin_title_0?ie=UTF8&qid=1571511552&sr=8-1

Un intrigante eco thriller si sta consumando a Dagon, piccola isola greca nel mar Ionio. “Blu Cobalto” è l’esclusivo resort che occupa questo territorio incontaminato , destinato ad un turismo d’ élite. Proprietaria e direttrice è Electre Samaras , erede di questa oasi inviolata , rifugio di cetacei e scrigno di una verità nascosta da millenni. Tutto questo viene messo in pericolo da una campagna di prospezioni sottomarine per la ricerca di idrati di metano. In un susseguirsi di colpi di scena , Electre non esita a richiamare sull’isola Kurt Petri , ambientalista al servizio di “Sestocontinente” , comandante di un’avveniristica imbarcazione per battaglie ecologiste e unico uomo che sia riuscito a spezzarle il cuore. Una presenza che non piace a Viki Samaras , suo braccio destro, suo consanguineo e custode genetico del segreto che da secoli i Samaras hanno preso in carico dai monaci di San Cosma degli Ziririmo’.

Giudizio:

Ormai posso ritenermi un’ affezionata lettrice del duo scrittorio Falcone Costantini. È il quinto libro che leggo e assieme , o meglio grazie a loro ho spaziato tra generi diversi: dal storico al giallo e al thriller. In ognuno hanno dimostrato bravura, professionalità e capacità di attirare l’attenzione del lettore. E con Blu Cobalto confermano quanto appena detto, anzi, ancora una volta, mi hanno sorpresa in quanto si tratta di un thriller in cui però non mancano elementi del fantasy e del romance: un mix perfetto! Inoltre le due scrittrici hanno voluto tramite questo romanzo sottolineare il grave problema dell’inquinamento ambientale, soprattutto quello marino che il comportamento egoistico dell’uomo sta causando gravi problemi, come ad esempio l’estinzione di molte specie acquatiche. La salvaguardia di alcune specie marine come delfini e capodogli e del loro habitat incontaminato , fin’ora, sulla piccola isola greca di Dagon sono le prioritarie preoccupazioni di Electre la quale gestisce , assieme a suo cugino Viki, un resort a cinque stelle: Blu Cobalto. L’arrivo di una nave che vuole cercare, in quei fondali inviolati, riserve di metano fa precipitare la situazione. Electre e Viki debbono assolutamente impedire l’esplorazione di quei fondali da parte degli “invasori”. È a rischio non solo il Paradiso acquatico di molte specie marine ma è soprattutto a rischio un segreto che la famiglia Samaras custodisce da generazioni. Un segreto che non può essere dato in pasto alla curiosità, all’ avidità e all’egoismo umano! Electre è costretta, suo malgrado, a chiedere aiuto a Kurt Petri, un coraggioso attivista dell’associazione “Sestocontinente” , un uomo che le ricorda purtroppo un passato che preferirebbe dimenticare, una ferita che fa ancora male. Il Destino, come spesso accade, sembra divertirsi coi nostri protagonisti e coi loro tormentati sentimenti.

Electre si ritrova pertanto ad incrociare il suo cammino proprio con quelle due persone che aveva faticosamente eliminato dalla sua vita: Kurt, suo vecchio amore e Giuditta, sua ex amica nonché ex moglie di Kurt e famosa biologa marina. È forse giunto il momento per Electre, Kurt e Giuditta di risolvere una spinosa questione lasciata in sospeso tanti anni fa? Riuscirà Electre a tenere la sua vita privata dalle sue altre priorità? Amori tormentati e amori impossibili, segreti, intrighi, leggende, colpi di scena, questi alcuni degli elementi che si intrecciano a ritmo serrato in modo da tessere un’astuta rete in cui far cadere il lettore. Descrizioni degli ambienti dettagliate tanto da dare l’impressione, a volte, di essere lì, in quelle acque, a contemplare le meraviglie della natura e a scoprire i suoi inconfessabili segreti! L’uomo usurpatore, avido e irrispettoso dello stesso ambiente che lo ospita e lo nutre riuscirà ancora una volta , ad avere il sopravvento su chi invece quell’ ambiente lo rispetta e cerca di tutelarlo? Cosa ne sarà del segreto dei Ziririmo’ , sarà svelato oppure continuerà ad essere custodito gelosamente nelle profondità delle acque greche? Sarà che io adoro il loro modo di scrivere, sarà l’intrigante commistione di generi , sarà soprattutto per il messaggio ambientalista che vuole comunicare ma, di una cosa sono certa Blu Cobalto mi ha assolutamente convinta!

Stelle: 5 ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

VERDE PROFONDO DI LOREDANA FALCONE E LAURA COSTANTINI

Eccoci sempre con la nostra Anna Maria Bisceglie che ci parlerà del secondo e ultimo libro della serie.

Titolo : “Verde profondo” ( Noir a colori-vol 2). Autrici: Laura Costantini e Loredana Falcone.

Genere: giallo- thriller.

Pagine: 117.

Edito: Self Publishing, 1 aprile 2019.

Prezzo kindle: 1,99 €

O€ con abbonamento kindle Unlimited

Prezzo cartaceo: 8,32 €

Trama:

https://www.amazon.it/Verde-profondo-Noir-colori-Vol-ebook/dp/B07Q47D3C2/ref=mp_s_a_1_3?keywords=verde+profondo&qid=1565967716&s=gateway&sr=8-3

Per strappare un uomo come Ian Vernon a un rimpianto senza fine servono la disperazione della donna che gli ha rovinato la vita e la scomparsa dell’amico più caro. Dalle atmosfere ventose di Chicago a quelle solo apparentemente quieti e solari di una cittadina alle porte di Roma.Lì dove Valerio Greyford è andato a cercare le proprie radici per poi sparire nel verde profondo di un lago.Ma è andata davvero così? Per Ashley e Ian un’indagine non autorizzata in un mondo che riserverà loro molte sorprese.

Giudizio:

Verde e Profondo come il colore e la profondità di quel lago italiano in cui Valerio Greyford ,sembra,abbia deciso,senza alcun apparente motivo,di togliersi la vita. Un viaggio in Italia alla ricerca delle sue radici. Un viaggio per mettere dei Km di distanza tra lui e Ashley. Un viaggio per fare chiarezza nel suo cuore confuso e deluso. Cosa può aver scoperto Valerio in Italia sulla sua famiglia d’origine ,da indurlo a compiere un gesto così disperato? Suicidio? Omicidio? Rapimento? Questi gli interrogativi che martellano la testa del detective Ashley Marler mentre nel suo cuore vi è un’unica certezza : Valerio è vivo! L’effimera illusione di una donna innamorata? Nel suo lavoro il detective Marler ha sempre potuto contare sul suo istinto infallibile ma stavolta in gioco c’è la vita del suo Valerio. Stavolta Ashley,la donna e non il detective,ha bisogno dell’aiuto di un’unica persona: Ian! Sono trascorsi dieci anni da quell’ inchiesta “Rosso violento” che ha scombussolato e diviso le vite di Ashley,Valerio e Ian. La morte di Sandy ,per mano di Ashley,per quanto razionalmente comprensibile,è stata per l’ex capitano Ian Vernon un colpo inaccettabile per il suo fragile cuore. Se in “Rosso violento” Sandy Delano è la causa del loro allontanamento,in “Verde profondo” lo spirito di Sandy sarà la guida preziosa che condurrà Ashley e Ian a ritrovarsi ,a riconquistare la fiducia persa in quella “maledetta” notte di dieci anni prima,ma soprattutto li spingerà a unire le loro forze per ritrovare Valerio.

In questo romanzo ,come in quello precedente,torna l’indagine psicologica dei vari personaggi,non solo di quelli già conosciuti,ma stavolta l’indagine scava più in profondità,va a toccare la sfera più intima,più vulnerabile,quella dei sentimenti. Conosceremo quindi nuove sfumature della personalità di ciascun personaggio. Il nero in cui è sprofondata l’anima del sensibile Ian e da cui,”forse”, per riemergere, attende solo la mano giusta a cui disperatamente aggrapparsi. Il rosso del cuore di Ashley,una donna innamorata pronta ad affrontare ogni pericolo pur di salvare il suo uomo ,ma non disposta a scendere a compromessi con se stessa. Il verde,il colore che per Valerio rappresenta non solo la disperazione per l’incubo che lo sta avvolgendo ma anche la speranza ,l’unico sentimento a cui può aggrapparsi e che gli da la forza di continuare a lottare per il suo futuro con Ashley. Ed infine il giallo ,ossia la gelosia che alberga nel cuore di chi è stato ferito,ingannato e illuso e ora urla VENDETTA!! Le sapienti penne delle due scrittrici hanno dunque creato un mix di colori ben miscelati e per rendere il quadro,ancora più perfetto,vi hanno aggiunto pennellate di suspense,colpi di scena e spunti di riflessione su quanto,a volta,il passato con le sue colpe è sempre pronto a tornare indietro,come un boomerang letale!

Stelle: 4 🏖🏖🏖🏖

ROSSO VIOLENTO DI LOREDANA FALCONE & LAURA COSTANTINI

Ciao a tutti,

Come potete vedere siamo sempre con voi, non vi abbandoniamo.

Pronti con la nostra Anna Maria Bisceglie di scoprire l’ultimo libro che ha letto?

Titolo: Rosso violento. ( Noir a colori-vol 1)

Autrici: Laura Costantini e Loredana Falcone.

Genere: giallo-thriller.

Pagine: 251.

Self Publishing, 31 dicembre 2018.

Prezzo kindle: 1,99 €

0 € con abbonamento con Kindle Unlimited

Prezzo carteceo: 8,32 €

Trama:

https://www.amazon.it/gp/aw/d/B07MGPBLPB/ref=tmm_kin_title_0?ie=UTF8&qid=1565965497&sr=8-1

Un rossetto dalla tonalità intensa, pregiato, di marca. In una ventosa e indifferente Chicago,nessuno riesce a spiegarsi cosa ci faccia un rossetto così sulle labbra mute di una serie di cadaveri. Cadaveri di uomini sottoposti ad atroci sevizie . Uomini che alla morte si sono consegnati perché sottomessi dalla promessa di una bocca tinta di rosso. Un rosso violento…. Loredana Falcone e Laura Costantini sono un duo scrittorio e questo è il primo romanzo della loro trilogia “noir a colori” con il marchio Falcone-Costantini.

Giudizio:

Il duo scrittorio Laura Costantini e Loredana Falcone dimostra ,attraverso uno stile semplice,diretto ma a volte terribilmente brutale,la loro bravura nel creare una storia capace di inchiodare il lettore ad ogni sua pagina,ansioso poi di giungere alla conclusione e trovare conferma o meno su tutte le congetture fatte nel corso della lettura. Un giallo può definirsi un “buon” giallo quando riesce,a mio avviso,a fare tre cose: 1) attirare l’attenzione del lettore; 2) depistarlo con indizi fasulli che lo conducono a seguire piste diverse; 3) sorprenderlo con un colpo di scena finale,assolutamente inaspettato. Dopo la lettura di questo giallo che si tinge sia di noir sia di rosa,ho depennato tutti e tre i punti pertanto le due scrittrici hanno,nel mio caso,superato la prova-lettore. Rabbia,violenza,amore,passione, sacrificio,redenzione,questi sono gli elementi che caratterizzano “Rosso violento”,il primo romanzo della trilogia “Noir a colori”.

“Rosso violento” è il nome dato ad uno spietato serial killer che sta terrorizzando Chicago,lasciando dietro di sé una scia di cadaveri: tutti uomini prima seviziati e poi uccisi brutalmente. Le vittime hanno una cosa in comune ,si tratta di uomini accusati di abusare sessualmente donne fragili ed indifese.

Il serial killer è dunque un vendicatore? Ha forse subito anche “lui” in passato delle violenze?

Una certezza in merito al suo oscuro profilo è il suo ripetitivo modus operandi: prima evirare le sue vittime e poi lasciare su di esse il suo “marchio” ,una traccia di rossetto dalla tonalità intensa,pregiato e di marca.

Sulle tracce di questo assassino sadico e senza scrupoli si trovano a indagare alcuni poliziotti del 20°

Distretto,appartenenti a due sezioni differenti: da un lato c’è l’ istintivo Ashley Marvel e la giovane recluta Sandy Delano dell’ Area -Giovani e Comunità; dall’altro l’affascinante tenente Valerio Greyford e il sensibile capo Ian Vernon,facenti parte dell’Unità Vittime Speciale.

Due schieramenti da sempre rivali che si ritrovano ,loro malgrado,a dover collaborare e a fidarsi dell’istinto gli uni degli altri e che sperimentano ,sulla loro pelle,come,scavare nei meandri di una mente malata,sia terribilmente pericoloso. Lo sviluppo delle indagini e gli indizi raccolti sembrano portare in un’ unica direzione e verso una sola persona ,una giovane donna dai lunghi capelli scuri su cui spicca una ciocca argentea.

Ma sarà lei la spietata “Rosso violento”? E cosa si nasconde dietro l’ efferatezza dei suoi gesti? In questa complessa vicenda: Nulla è come sembra! Un giallo che potrei definire anche “psicologico” in quanto le due scrittrici compiono un’accurata indagine sulla psiche umana,necessaria per comprendere e per svelare come,a volte,non vi sia alcuna distinzione tra vittima e carnefice.

L’unica consapevolezza è la scoperta di come la mente sia complessa,a volte spietata,ma soprattutto fragile!

Stelle: 4 🏖🏖🏖🏖

RICARDO y CAROLINA DI LAURA COSTANTINI E LOREDANA FALCONE

Ciao a tutti, eccoci ancora qui con nuove scoperte.

La nostra Anna Maria Bisceglie ci parlerà di due scrittrici che hanno scritto un libro a quattro mani.

Siete pronti?

Titolo:Ricardo y Carolina.

Autrici: Laura Costantini e Loredana Falcone. Genere:romanzo storico-rosa. Pagine:400.

Edito:goWare,5 ottobre 2015.

Prezzo Kindle: 4,99 €

Prezzo cartaceo: 12,74 €

Trama:

Abbandonare l’Italia e un pretendente in grado di garantirle un futuro nell’aristocrazia della Milano del XIX .Questa è la scelta di Carolina.Rifiutare le convenzioni,inseguire la libertà.Anche di raccontare il mondo sulle pagine di un giornale.Per se stessa e per il Messico di Benito Juarez affronta l’oceano,le diffidenze,i nobili bigotti e reazionari ,la monarchia asburgica,la tirannia francese.Per sentirsi parte della lotta dell’uomo che ha scelto di avere accanto,rinuncia a gioielli e crinoline e veste i cenci della revolucion .

Carolina è figlia del Risorgimento ,decisa a rischiare vita e onore in nome di un’emancipazione che precorre i tempi. Ha dalla sua la forza della verità e dell’amore. Per la libertà .E per l’unico uomo che è riuscito a rubarle il cuore.

Giudizio:

Quando ho cominciato a leggere questo romanzo,devo confessare,la prima sensazione che ho provato è stata soggezione.In primis,per la lunghezza:400 pagine possono intimorire qualunque lettore e poi per l’argomento trattato la rivoluzione messa in atto in Messico da Benito Juarez. Pagina dopo pagina però,tutte le mie reticenze sono svanite e sono stata risucchiata in una storia dominata da odio,violenza,intrighi e corruzione,ma dove ,piano piano,ci pensa l’amore a rubare la scena alle atrocità della guerra.Perché Ricardo y Carolina parla di Amore e in particolare di due intense storie d’amore ,quella tra Ricardo e Carolina e quella tra Clair e Victoria. Due i personaggi maschili : Ricardo,un impenitente dongiovanni,figlio di don Leon rispettato ed influente medico di corte e Clair,El General Rubio,un combattente,un rivoluzionario.Due uomini diversi per origini ed estrazione sociale,ma accomunati non solo nella lotta per l’affermazione dei propri ideali patriottici,ma anche nell’amore verso le loro rispettive donne.Due uomini che dimostrano sul campo di battaglia coraggio,determinazione e cinismo,ma che sono disposti a cedere le armi ,a spogliarsi delle loro corazze dinanzi a coloro che hanno catturato il loro cuore.Significativa ,a tale proposito,è la scena in cui Ricardo,senza pensare alle convinzioni sociali,al suo essere Uomo,si inginocchia dinanzi alla sua Carolina per chiederle la mano e dimostra in quel momento non la sua fragilità,ma la grandezza del suo cuore e la veridicità dei suoi sentimenti.Ma chi sono le due fanciulle che sono riuscite a “domare” e “conquistare” il cuore dei nostri impavidi guerriglieri?

Carolina Crivelli,la voce narrante di questo romanzo,è una donna coraggiosa e emancipata che abbandona l’Italia,la sua famiglia e un pretendente per inseguire il suo sogno,quello di diventare giornalista.Per Carolina,il viaggio in Messico ha lo scopo di dimostrare a sé stessa e soprattutto alla società del tempo maschilista e bigotta che l’essere donna non la rende inferiore ad alcun uomo.”Ho scelto una professione da uomo e se voglio raggiungere il mio obiettivo ,devo superare i limiti dell’essere donna mettermi sul loro stesso piano e ribaltare i ruoli,non preda,ma cacciatrice.” Il suo spirito ribelle e anticonformista non le servirà però dinanzi all’affascinante don Ricardo ,l’uomo che farà breccia nel suo cuore,colui per il quale sarà disposta a modificare i suoi piani e a mettere a repentaglio anche la sua vita.Coraggio e determinazione contraddistinguono l’altro personaggio femminile :Victoria,anche lei,abbandona,per amore del fratello Ricardo e soprattutto per amore del suo uomo,gli agi e il prestigio a cui è stata abituata pur di seguire la voce del Cuore.Innegabile l’impronta femminile che si percepisce in questo romanzo,scritto a quattro mani da due scrittrici che dimostrano bravura in quanto la storia è ben scritta,preparazione perché,dovendo affrontare un tale argomento,è ovviamente necessaria una attenta documentazione storica ed infine sensibilità.vista la particolare attenzione dedicata ai personaggi femminili del romanzo.Ricardo y Carolina è un romanzo in cui si esalta il ruolo della donna e il suo desiderio,ancora attuale,di essere considerata pari all’uomo in ogni campo ;perché purtroppo,nonostante le battaglie vinte per l’emancipazione femminile,le donne,ancora oggi,devono combattente per conquistare il loro posto nella società.Mentirei se vi dicessi che questo romanzo l’ho divorato perché non è così.Ricardo y Carolina va letto con calma e attenzione ma soprattutto usando quello che sempre serve quando si legge un libro:Il CUORE!!

Stelle: 4 stelle.