DA UNA NOTTE A PER SEMPRE DI ALEXANDREA WEIS

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: Da una notte a per sempre.
Collana:Mira.
Autrice: Alexandrea Weis.
Genere: Romance Contemporary.
Pagine: 350.
Editore:Delrai Edizioni, 22/07/2021.
Formati disponibili:Kindle 4,99€/ Cartaceo 13,50€.
Trama:

https://www.amazon.it/una-notte-sempre-Alexandrea-Weis-ebook/dp/B098MQLCF6/ref=mp_s_a_1_1?crid=3SN4GO6OSGNSC&keywords=alexandra+weis&qid=1652809741&sprefix=alexandra+weis%2Caps%2C77&sr=8-1

Madison Barnett trascorre la notte con uno sconosciuto per dimostrare a se stessa che può trovare un uomo adatto e attraente con cui perdere l’innocenza e continuare a studiare al college in tutta serenità, ma la vita le presenta presto il conto: non riuscirà per anni a dimenticare Harry e il suo modo di sedurla. Da quel giorno, infatti, ogni esponente di sesso maschile non è stato all’altezza dell’amante occasionale incontrato in un bar finché non viene assunta come architetto presso la Parr and Associates e proprio lui ritorna nella sua vita per una casualità sconcertante. Tra le richieste assurde del suo capo e l’iniziazione al piacere con un uomo che all’apparenza non vuole nessun coinvolgimento emotivo, Madison si sentirà confusa e alla fine deciderà che è ora di provare a realizzare davvero i suoi sogni e non mettere più se stessa da parte. Perché per amore vale la pena combattere, ma senza dimenticare che è importante avere rispetto per i propri sogni.

Giudizio:

Questo è il terzo romanzo di Alexandrea Weis che leggo e che conferma di avere un modus scrivendi fresco ed accattivante. Le sue storie riescono a coniugare bene amore e sesso, senza mai trascendere nel volgare, anche quando indugia in descrizione di pratiche sessuali piuttosto estreme. Tra i tre questo è forse quello che ho preferito di più, in quanto ho trovato una maggiore attenzione da parte dell’autrice alla psicologia e alla evoluzione emotiva e caratteriale dei due protagonisti. Madison Barnett è un giovane donna avvenente, nonché un talentuoso architetto, che sogna da sempre di poter progettare la costruzione di grattacieli, la vede come una sorta di sfida riuscire a combinare in essi forma e funzionalità. Per ora deve accantonare questo suo sogno per farsi valere invece in uno dei più grandi studi di architettura residenziale di Dallas, ovvero la Parr and Associates, il cui timone è stato assunto di recente dal figlio del suo fondatore : Hayden Parr. Se la sua vita professionale sembra essere ad un importante giro di boa, non altrettanto può dirsi per la sua situazione sentimentale. Madison non è riuscita mai a dimenticare una notte di cinque anni prima, la notte in cui ha deciso da dicianovenne un po’ incosciente di abbordare in un bar un perfetto sconosciuto e donare a questo la sua verginità. Harry, questo il nome della sua prima volta, è stato l’unico capace di farla sentire “speciale” , tutti gli altri che ha provato a fare avvicinare a sé si sono dimostrati assolutamente non all’altezza! Di quella unica notte di solo sesso Madison continua a serbare un dolce ricordo e anche il rimpianto della sua fuga repentina così da sottrarsi al dovuto imbarazzo della mattina dopo. D’ allora ha accantonato qualsiasi idea su matrimonio o figli, ma è determinata a diventare un architetto di successo e non una moglie o una madre. La verità è che ha preferito lanciarsi in storie con ragazzi che sono meno di quello che merita, a causa del suo non sentirsi mai all’altezza di stare davvero con qualcuno, un qualcuno diverso dal suo Harry! Ma il destino, infingardo e crudele, decide di mescolare le carte in tavola e di rimettere il fantomatico uomo della sua prima volta nuovamente sulla sua strada: è Hayden Parr, il suo nuovo capo, l’uomo che ha lasciato un marchio indelebile sul suo cuore! Come farà Madison a gestire questa nuova situazione? Come riuscirà a tenere a freno la tempesta emotiva che gli occhi grigi di Hayden riescono a provocare su di lei? Non sarà affatto facile per la nostra protagonista riuscire a mantenere il loro rapporto solo sul piano professionale, soprattutto perché Hayden, al pari suo, pare non aver dimenticato quella notte e quella ragazza timida , volatilizzatasi nel nulla, lasciandogli un vuoto mai colmato. Una tensione sessuale forte e irrefrenabile serpeggia tra di loro, a cui entrambi dovranno irrimediabilmente arrendersi! Ma quale è il nome da dare al loro rapporto? Hayden è un maniaco del controllo, soprattutto in campo sessuale, pare volerla sottomettere al suo piacere e godere nell’avere la certezza che lei gli appartenga e che soprattutto non fuggirà più da lui. Hayden, dopo il fallimento del suo matrimonio e gli strascichi ancora presenti nella sua vita, non è propenso a lasciarsi andare, a scoprire le sue carte mettendo in tavola i suoi sentimenti. Madison, invece, pur essendo consapevole di sentirsi legata a Hayden, è in preda a innumerevoli dubbi: lei non si sente una donna elegante e sensuale , come le donne a cui lui è abituato; lei si sente a volte come un mero giocattolo sessuale da plasmare nelle sue mani esperte, mentre desidera in cuor suo essere considerata in altro modo. E poi non può dimenticare che lui è il suo capo! Tanti gli ostacoli e tanti i dubbi! Eppure entrambi non si rendono conto quanto la loro strana relazione stia inevitabilmente cambiandoli! Se Hayden insegna a Madison ad avere più fiducia e consapevolezza in se stessa, nelle sue capacità professionali e soprattutto nel non avere più tabù sul suo corpo e sulle sue fantasie sessuali; lei pian piano fa uscire fuori da Hayden il suo lato più istintivo e più emotivo, liberandolo dalla sua ossessione del controllo e provando a fargli piacere anche un po’ di caos nella sua vita! Hayden Parr sarà dunque all’altezza di ciò che prova la nuova Madison Barnett, non più la ragazza timida e impaurita di un tempo, ma una donna sicura di sé e di ciò che desidera per la sua vita? E se il cambiamento fosse iniziato proprio quella notte di cinque anni prima? Cosa dire di più? È stato bello ritrovare alcuni personaggi, amati in altri romanzi della serie, come Garrett Hughes! E mi è piaciuta l’ambientazione office e lo scontro tra Madison e il suo spocchioso e arrogante collega Adam! Una storia che infiamma i sensi, ma allo stesso tempo emoziona il cuore!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

DAL ROMANZO ALLA REALTÀ DI ALEXANDREA WEIS

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: Dal romanzo alla realtà.
Collana: Mira.
Autrice:Alexandrea Weis.
Genere Romance Contemporary/ BDSM.
Pagine: 247.
Editore: Delrai Edizioni, 15 aprile 2021.
Formati disponibili:Kindle 3,99€/ Cartaceo 12,82€.
Trama:

https://www.amazon.it/romanzo-alla-realt%C3%A0-Alexandrea-Weis-ebook/dp/B0921RRT74/ref=mp_s_a_1_5?crid=391Z532SS97S9&keywords=alexandrea+weis&qid=1652279377&sprefix=alexandrea+%2Caps%2C134&sr=8-5

Un uomo che ha rinunciato al suo sogno. Hunter Donovan sognava di scrivere il grande romanzo americano, ma si è accontentato di lavorare nella casa editrice di famiglia, la Donovan Books. Intrappolato nel compito di pubblicare le storie degli altri, Hunter soffoca la sua frustrazione nella vodka e in avventure di una sola notte. Una donna con un segreto. Cary Anderson è un editor vivace e determinata, esperta in narrativa erotica. Ha un segreto, un lato stravagante che non è solo uno scopo professionale, ma un modo per mettere alla prova la donna che vorrebbe essere. Per rilanciare la casa editrice, Hunter tenta la strada di un nuovo genere: la narrativa erotica. Per questo assume Cary per salvare la sua azienda, e lei sembra ansiosa di mostrare al suo nuovo capo di cosa è capace. Ma quello che inizia come un viaggio alla scoperta del mondo del bondage, si trasforma in un’inaspettata corsa sulle montagne russe. E proprio quando Cary inizia a tirare fuori lo scrittore che c’è in Hunter, lui scopre la verità sul suo piccolo, inaccettabile segreto.

Giudizio:

Lo spettro della James e del suo Cinquanta sfumature di grigio aleggia minaccioso anche in questo romanzo di Alexandrea Weis. Il mondo del bondage, non visto più come un tabù, grazie al fantomatico Mr Grey ,ha messo a soqquadro il mondo dell’editoria, generando un nuovo tipo di lettori da soddisfare. È con questo atroce dilemma che deve vedersela il nostro protagonista: Hunter Donovan, il direttore della casa editrice Donovan Books, fondata più di quarant’anni fa da suo padre, un accanito ammiratore del famoso Alessandro Magno. Per quanto Hunter non sia soddisfatto della sua vita e soprattutto di un ruolo all’interno della compagnia di famiglia che non ha scelto, ma gli hanno imposto, è però un uomo ai passi coi tempi che mutano e a cui occorre adeguarsi, se non si vuole rischiare il tracollo e il fallimento. “Fallimento” è questa la parola che echeggia costantemente nella sua testa e che suo padre e suo fratello maggiore gli ripetono ad ogni occasione, rimarcando la sua incapacità a non portare a termine nessun progetto. Hunter sperava in passato di portare avanti una brillante carriera di scrittore, di passare il tempo a revisionare i suoi manoscritti o a cercare la giusta ispirazione per una nuova storia. Di certo non aspirava invece ad essere costretto ad esaminare e spulciare le storie di altri scrittori, desiderosi, come sognava lui, di diventare famosi. La frustrazione per il suo sogno lasciato ad impolverarsi in un cassetto trova un effimero sfogo nell’alcool oppure in incontri sessuali occasionali. Anche nelle relazioni sentimentali, Hunter non è il tipo che concede un secondo appuntamento, perché questo di solito presuppone un parlare o un confrontarsi sulle proprie vite e questo per lui suona come “una campana a lutto, il cappio al collo di ogni relazione”. Una notte o al massimo brevi interludi sono il giusto compromesso, così da non restare invischiati in complicati e dolorosi coinvolgimenti sentimentali. Ha già troppi pensieri, legati alla casa editrice, per doversi preoccupare di se stesso e del suo cuore! Da anni Hunter avrebbe voluto inserire il fattore sesso nei libri che loro pubblicavano, ma ha sempre temuto che un tale drastico cambiamento avrebbe turbato e irritato suo padre, un uomo fortemente arroccato a ideali vetusti e moralisti. Ancora una volta, Hunter non ha avuto il coraggio di portare fino in fondo le sue idee , ma si è fatto bloccare dal timore di essere nuovamente giudicato e bannato dalla sua famiglia! L’incontro, però, all’annuale Book Expo, con una sexy scrittrice di romanzi erotici dallo pseudonimo accattivante sembra rappresentare la giusta svolta , quella che Hunter sta cercando da tempo. È proprio l’appariscente , maliziosa e intrigante Piccola Vogliosa a fornirle il nominativo di colei che potrebbe lanciare la sua casa editrice in un settore , come quello dell’erotico, fino ad ora inesplorato: Cary Anderson, una talentuosa editor freelance, specializzata nella narrativa erotica. Se Piccola Vogliosa ha immediatamente destato l’interesse del nostro Hunter per via del suo look e dei suoi modi intriganti e contraddittori, Cary Anderson gli suscita un vuoto allo stomaco, una reazione inspiegabile. Sin dal loro primo incontro, Hunter è colpito dal suo fisico minuto e dal suo aspetto rassicurante che non la fa assolutamente apparire una esperta di letteratura erotica, ma piuttosto ad una insegnante di scuola materna o addirittura ad una bibliotecaria. Cary Anderson pare essere un mix di contrasti : fascino, intelligenza, acutezza e all’occorrenza una inaspettata disinibizione, che lasciano piano piano un segno nel nostro protagonista, man mano che si lascia da questa accompagnare nello sconosciuto mondo del bondage.

Ma la trasformazione più interessante che Cary apporta con la sua presenza non riguarda solo la casa editrice, bensì innesca in Hunter bisogni che credeva di non avere e soprattutto il desiderio di riprendere in mano il suo manoscritto, affrontando una volta per tutte i suoi demoni interiori! Cary gli sta fornendo il giusto input per riagguantare i sogni di un tempo, senza avere più timore del giudizio altrui! Quale sortilegio ha mai compiuto questa piccola donna, piena di continue sorprese? Eppure Hunter, pian piano che si lascia andare mostrandole tutte le sue fragilità e cicatrici, si rende conto che anche lei, come lui, pare interpretare un ruolo, ovvero fingere di essere qualcosa che non si è veramente. Quale segreto cela Cary Anderson? E quando la verità verrà inevitabilmente a galla Hunter saprà soprassedere oppure la delusione sarà più forte di tutto? Una lettura interessante dove il mondo del bondage fa solo da sfondo, visto dalla prospettiva di una via di uscita che consente a molti, soprattutto alle donne, di liberarsi di inutili etichette e di esprimersi liberamente senza la paura di subire il pregiudizio e il vilipendio sociale.

Stelle: 4⭐️⭐️⭐️⭐️

DA UN’IDEA ALLA STORIA PERFETTA DI ALEXANDRA WEIS

Partecipazione di un review party di Anna Maria.

Titolo: Da un’idea alla storia perfetta.
Autrice:Alexandrea Weis.
Genere: Romance Contemporary/ BDSM.
Pagine: 256.
Editore: Delrai Edizioni, 14 aprile 2022.
Formati disponibili:Kindle 3,99€/ Cartaceo 14,50€.
Trama:

https://www.amazon.it/unidea-alla-storia-perfetta-ebook/dp/B09X79SFV4/ref=mp_s_a_1_1?crid=RS5MANGSEL88&keywords=alexandrea+weis&qid=1651564789&sprefix=alexandrea+%2Caps%2C92&sr=8-1

Dopo il successo di Cinquanta sfumature di grigio, le scrittrici di romance erotico devono confrontarsi con un grosso dilemma: il bondage. Un romanzo di successo è un libro che contiene tanta passione e una buona dose di sesso, meglio se violento. Lexie non sa bene come fare, non è mai stata una donna appassionata di pratiche estreme, fino a quando non entra nella sua vita un uomo che sconvolge il suo punto di vista. Garrett fa parte di un club esclusivo di uomini che amano il bondage e non se ne vergognano. Per questo lei, scrittrice di professione, pensa di aver in mano un’idea da bestseller mondiale, con tanto di contratto con una grande casa editrice, ma che succede se entrano in ballo i sentimenti? Ogni promessa è debito, ma il gioco finisce di essere divertente quando il cuore rischia di venire schiacciato dall’umiliazione di essere una sottomessa. Ora la sfida è far innamorare il proprio dominatore e dargli così un motivo per capire che anche un uomo cerebrale e abituato al controllo può lasciarsi andare.

Giudizio:

“Sono una scrittrice: l’unica cosa per cui valga la pena rovinare la mia vita è un libro”. In queste parole è riassunto perfettamente lo stato d’animo di Alexandra Palmer, o più semplicemente Lexie, una talentuosa scrittrice di romanzi rosa alle prese con un grande dilemma: come riuscire a fare dimenticare ai lettori il famigerato Mister Grey della James? Il successo di pubblico conquistato da “Cinquanta sfumature di grigio” ha oscurato ogni altro tipo di romanzo, generando nelle appassionate del libro, le cosiddette fan della vaniglia, un crescente interesse per il mondo del bondage. Occorre urgentemente una idea perfetta per una nuova storia, una idea intrigante per far sì che il libro venda e abbia presa sul pubblico: è la dura realtà di essere una scrittrice, bisogna vendere per poter scrivere altri libri! E la nostra Lexie non è assolutamente intenzionata a veder naufragare il suo sogno, è disposta a tutto, a scendere a qualsiasi compromesso, pur di creare una storia reale, persino sul BDSM, ma non scoppiazzata con informazioni prese su Internet. In fondo non è la prima volta che deve rimboccarsi le maniche e uscire da una situazione difficile, contando solo su se stessa. Lo ha imparato sin da bambina con una madre infermiera , sempre occupata o a lavorare o a collezionare storie sentimentali fallimentari. Lo ha fatto poi da adulta, lasciandosi alle spalle un matrimonio breve ma doloroso e anche uscendo indenne dalla devastazione provocata dall’uragano Katrina a New Orleans, la sua città: eccentrica, selvaggia, provocatoria, in continua evoluzione. Il luogo ideale, dunque, per stimolare l’immaginazione dell’anima, soprattutto di una scrittrice come lei: occorreva solo l’idea giusta! Il fato pare venirle incontro quando fa incrociare il suo cammino con quello di un uomo dalla bellezza stupefacente, se non fosse per i suoi occhi, freddi, quasi crudeli :”occhi del genere non appartengono a persone normali”. Si tratta di Garrett Hughes, un architetto di Dallas trasferitosi da poco a New Orleans per lavoro, che scopre avere dei gusti sessuali molto particolari: lui è un dominatore! Che il fato abbia ascoltato le sue preghiere? Forse Garrett è la fonte ideale da cui attingere informazioni su un mondo di cui lei sa poco e nulla, per poi trasformarle nel suo bestseller.Lui è solo il mezzo per raggiungere un fine! Ma Lexie avrà davvero il coraggio di attenersi alle regole che Garrett le vuole proporre? Fino a dove è disposta a spingersi pur di avere il suo romanzo? Attraverso Garrett lei ha modo di scoprire tanti aspetti del mondo del bondage e soprattutto del rapporto psicologico tra D & S , dominatore e sottomessa. Tutto si basa sulla capacità di fidarsi dell’altro e di affidarsi ad esso volontariamente. Tutto ruota intorno al bisogno di essere sedotti dal potere di un’altra persona che si vuole compiacere in tutto e per tutto, ma sempre in modo consenziente. Addentrarsi nel mondo di Garrett permette a Lexie non solo di iniziare a creare pian piano una storia che procede di pari passo con quanto lei stessa sta sperimentando in prima persona, ma anche le consente di mettere a nudo alcuni aspetti della sua personalità da sempre tenuti a freno. Lexie comprende quanto il suo essere stata sempre l’unica padrona delle sue scelte non le consentirebbe mai di essere una docile e impeccabile sottomessa. Per lei sarebbe impossibile fidarsi a tal punto di un altro, tanto da mettere nelle sue mani la sua volontà! “Voglio che ti fidi di me, Lexie. Ho bisogno che ti fidi di me. Puoi farlo?”. Queste parole pronunciate da Garrett, quell’uomo autoritario ma anche capace di premure inaspettate, è capace di destabilizzarla tanto da farle persino desiderare di tentare una missione impossibile, ovvero provare a sfondare le pareti elusive che Garrett ha costruito intorno al suo cuore. Lexie vuole conoscere il vero uomo che si nasconde dietro la sua maschera di dominatore; ma Garrett è un abile maestro nell’offrire solo piccoli frammenti del suo vero essere. Una volta entrata nel suo mondo, sarà Lexie disposta a correre dei rischi? Una volta conosciuto il suo mondo, fatto di seduzione, premi e punizioni, sarà difficile tornare indietro, tornare alla sua vita di sempre! Vuole davvero correre un tale rischio per un uomo che pare avere il cuore impermeabile ad alcun sentimento? Sarebbe pronta a negoziare persino la sua creatività per un sentimento nato un po’ per caso ? Eppure in sole due settimane, dal loro primo incontro, la vita di Lexie è totalmente cambiata perché Garrett, con abilità, è riuscito a incrinare la sua corazza di donna, forte e indipendente, e farsi largo nel suo cuore. Ma lei è riuscita a fare altrettanto? Oltre alla sua idea, potrà Lexie sperare anche nella sua storia perfetta? A voi scoprirlo!

Stelle: 4⭐️⭐️⭐️⭐️

SEI IN OGNI PARTE DI ME DI STEFANIA DA FORNO

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: Sei in ogni parte di me.
Autrice: Stefania Da Forno.
Collana: Mira.
Genere: Romance Contemporary.
Edito: Delrai Edizioni, 20 settembre 2021.
Formati disponibili:Kindle 4,99€/ Cartaceo 16,50.
Trama:

https://www.amazon.it/Sei-ogni-parte-Stefania-Forno-ebook/dp/B09DLBLY2Z/ref=mp_s_a_1_2?crid=BOJET3VT4WKE&keywords=stefania+da+forno&qid=1646511306&sprefix=stefania+da+%2Caps%2C83&sr=8-2

L’amore ha varie forme e Leean ha provato sulla sua pelle, per poi allontanarlo. Fuggire dal passato che l’ha resa una donna cinica e anafettiva le ha permesso di costruirsi una vita indipendente, come articolista freelance per un giornale di cultura, ma questo non le ha fatto dimenticare la se stessa di un tempo, ben nascosta dentro la sua anima ferita ancora alla ricerca di qualcosa di vero e sincero, di qualcuno che tenga veramente a lei. Liam, avvocato e uomo pieno di risorse, è alla ricerca di tutto, tranne che dell’amore. Non ne ha paura, non lo allontana, ma sa bene che non è un sentimento facile da provare. Succede, semplicemente, imprevedibile come un uragano, e quando accade è impossibile farne a meno, non lo si può cercare in ogni donna. Un incontro che scombina i piani di entrambi, sconvolgendo la vita dell’uno e obbligando l’altra a scontrarsi con difficoltà che non avrebbe altrimenti mai affrontato. Un susseguirsi di perdersi e ritrovarsi, inseguirsi e respingersi, per trovare quindi le risposte… insieme.

Giudizio:

Conoscete il rumore che deriva da una improvvisa collisione? Violento. Assordante. Devastante. Difficile rimanervi illesi! Questo è quanto ho percepito leggendo la storia di Liam e Leeann. È lo scontro feroce tra due mondi distanti! È lo scontro soprattutto tra due anime che celano le loro paure e debolezze dietro una maschera di indifferenza e di arroganza! Liam e Leeann sono molto più simili di quanto credono. Per usare una espressione di Liam lei è la sua versione al femminile con l’unica differenza che Leeann è dotate di “tette” , mentre lui ha il suo “Duca”. Ma chi sono nella realtà i nostri protagonisti? Liam è un brillante avvocato che ama il suo lavoro, difatti è l’unica cosa per cui avrebbe dato la vita. Nella sua scala delle priorità troneggia non la famiglia, né tantomeno l’amore, ma solo la sua professione. È “un giovane newyorkese aggrappato alla carriera come un bambino alla sottana della mamma”! Parlare dei suoi successi in aula è infatti uno dei pochi argomenti che “gli fa gonfiare il petto e aprire la coda come un pavone” , al pari delle sue indiscutibili doti sotto le lenzuola. Liam non è alla ricerca di un’anima gemella o di una relazione stabile, ma è soddisfatto delle sue avventure di una sola notte: niente complicazioni, niente sentimentalismi e soprattutto niente coinvolgimento. Dello stesso avviso pare anche Leeann, la nostra giornalista freelance, una ragazza dalla personalità alquanto complessa, che nasconde dentro la sua anima un dolore profondo, che le ha lasciato una voragine nel petto , come promemoria del suo errore. Lee è assolutamente convinta di non meritare l’amore, lo ha provato in passato, ma ha dovuto lasciarlo andare via. Da quel momento ha indossato la sua maschera di indifferenza, ha imparato, quando occorre, a scendere a compromessi, come sfoderare sorrisi di cortesia o fingere di essere una ragazza normale e non anafettiva. Nelle sue relazioni è lei a condurre il gioco, sempre fedele al suo solito copione che prevede: giocare, rischiare, ferirsi e poi ricominciare. Quando si accorge infatti che il rapporto del momento sta superando i limiti, ecco che fa uscire la vera se stessa, quella brutale e diretta, come lo è la vita in fondo. Lee adora il momento in cui chiude una storia, quando si sente nessuno, quando l’odio l’accarezza, per poi abbracciarla e stringerla nella sua morsa confortante. Ama il momento in cui sprofonda in quella solitudine che pensa di meritare e che ormai le fa compagnia! Ma è sufficiente una sola notte di sesso per sovvertire tutte le certezze dei nostri protagonisti! Liam e Leeann sono convinti entrambi di rivestire i ruoli di predatori in questa stuzzicante partita di caccia, ma ben presto si renderanno conto di essere caduti tutti e due in trappola. Il primo ad accorgersene sarà proprio Liam , attratto e incuriosito da quella ragazza dalla bellezza particolare, una di quelle che non colpiscono all’istante, ma che bisogna avvicinarsi e toccarla per poterla apprezzare a pieno. Ma capisce anche che non sarebbe stato facile squarciare il velo di ombre che avvolgono i suoi occhi scuri, con lei è un camminare su cocci appuntiti che possono fargli davvero male, se non fa attenzione. Un sentimento simile è quello che attanaglia Lee che vede Liam come una tentazione pericolosa, un guaio da cui stare lontano: la sua più grande punizione! Lee ha la sensazione di essere sul ciglio di un baratro, desiderosa di dare un’occhiata a cosa si nasconda in fondo, non riesce a farne a meno. Ma cosa accadrà quando Liam farà uscire a galla quel suo passato che ha per anni tentato di celare e di dimenticare? Potrà mai concedergli di condividere il peso del suo fardello e delle sue colpe? Oppure sfodererà , come al solito, l’odio, la sua arma migliore per allontanarlo definitivamente e per salvarlo da lei? E Liam deciderà di smettere di combattere per un sentimento che gli è piombato addosso e lo ha travolto, come un treno in corsa? Non conoscevo questa autrice e devo dire che è stata una bella scoperta. Ho apprezzato il modo in cui è riuscita a sondare nei meandri tortuosi dell’anima di Lee e di come abbia dimostrato come l’amore, anche se non cercato o desiderato, prende possesso di ogni parte di noi, anche senza il nostro permesso. Assolutamente da leggere

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

ROBIN: UN PETTIROSSO NELLA TEMPESTA DI RACHEL SANDMAN

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: Robin: un pettirosso nella tempesta.
Autrice: Rachel Sandman.
Collana Mira.
Genere :Romance Contemporary.
Pagine: 317.
Editore:Delrai Edizioni, 13 maggio 2021.
Formati disponibili:Kindle 4,99€/ Kindlunlimited 0,00€/ Cartaceo 15,67€.
Trama:

https://www.amazon.it/Robin-pettirosso-tempesta-Rachel-Sandman-ebook/dp/B094BGKWDM/ref=mp_s_a_1_1?crid=2ZLLQJJQLIX8B&keywords=rachel+sandman&qid=1644657102&sprefix=rachel+sa%2Caps%2C71&sr=8-1

Jeremy Rivers è un enigma. Un ragazzo schivo e solitario, vive la sua vita in modo ossessivamente razionale e senza mai abbandonarsi troppo alle emozioni e ai legami affettivi. Le ombre cupe che cerca di lasciarsi alle spalle convivono in lui e minacciano ogni volta di distruggere la stabilità ritrovata nel corso degli anni. È un’anima colorata e luminosa, quella di una ragazza con le labbra rosse come il peccato, che scuote il suo mondo in bianco e nero, creando, pennellata dopo pennellata, sfumature di colori in grado di convincerlo ad affrontare fantasmi mai sopiti. Due mondi opposti che si incontrano e si amano in modo viscerale, alla ricerca di un’armonia imperfetta, ma autentica, capace di sanare ferite dovute a imposizioni passate e mai del tutto dimenticate. Questa è la storia di un pettirosso che vive la vita fino in fondo, attimo dopo attimo, senza mai scoraggiarsi, perché un bonsai può sopravvivere anche in un luogo inospitale, se lo si cura con devozione, e di una balena, un mostro gigante immerso in un oceano di caos, maestosa e terribile, che ricerca la propria dimensione, affamata di verità e di sentimenti reali.

Giudizio:

I protagonisti di questa nuova storia, uscita dalla penna di Rachel Sandman, non sono affatto due perfetti sconosciuti per chi, come me, ha avuto il piacere di leggere il suo romanzo d’esordio. Si tratta infatti di Jeremy e Laure, i due migliori amici di Tom ed Echo. Non sarà, però, affatto facile amalgamare due personalità così agli antipodi: lui il nero assoluto, lei un tripudio di colori; lui l’apatia verso il mondo che lo circonda, lei invece l’energia vitale. Jeremy vive in un mondo fatto di sofferenza, di colpa e di rimorso, vive in un presente in cui , però, il passato, dominato da ombre e buio, continua a tenerlo incatenato a sé. Jeremy si vede e si sente come “un peccatore, un essere che genera solo caos e distruzione”. In fondo, questo è ciò che gli è sempre stato detto, è così che lo ha fatto sempre sentire colui che, invece, di amarlo, proteggerlo e apprezzarlo, lo ha sempre denigrato e giudicato, come un reietto colpevole di aver gettato fango e dolore sulla stimata famiglia del pastore Rivers. Nonostante Jeremy abbia cercato di spezzare quelle catene, allontanandosi dalla sua famiglia, ma soprattutto da lui; purtroppo si sente ancora vincolato, come se una morsa di ferro continuasse a stringersi intorno alla sua gola per impedirgli di respirare. Jeremy è stato abituato ad analizzare e pianificare ogni dettaglio della sua vita, in cui non sono previsti sentimentalismi o decisioni prese di pancia. Basta entrare nella sua stanza da letto: ordinata e asettica, rispecchia perfettamente quello che gli è stato inculcato da sempre, ma che è invece in totale contrasto con il caos che regna fuori, quel disordine che imprigiona da tempo la sua anima tormentata. La musica, o più precisamente suonare la batteria, è, a volte, la sua valvola di sfogo, l’unico modo in cui riesce a scaricare, percuotendo violentemente le bacchette sui tamburi, tutta la sua rabbia e tutto il suo dolore. Ma la musica, o meglio una musica, è anche quella che spesso continua a tormentarlo, facendo riemergere nella sua mente immagini di un momento che sta cercando di dimenticare. Sono i flash dolorosi del suo passato che continua , come un giudice spietato, a rammentargli le sue colpe! In questa vita asettica si abbatte invece una meravigliosa e allo stesso tempo paurosa incognita di nome Laure, una quasi sconosciuta, che diventa la sua boccata di ossigeno e che tenta di farsi strada nella foschia che avvolge il suo cuore. “Voglio godere a pieno di tutto. Voglio vivere il mondo a colori”. Ecco questo è il mantra che ispira la vita di questa francesina di nascita, trapiantata da circa tre anni nella splendida Boston! Laure è la classica ragazza acqua e sapone, che odia mettere barriere o artifici che possano intaccare la naturalità del suo aspetto e soprattutto del suo viso: una invasione infinita e caotica di efelidi che ricordano le stelle della Via Lattea. ” Le lentiggini sono sempre lì. Non le amo. Né le odio. Semplicemente fanno di me quella che sono”. Se l’anima di Jeremy è il buio, quella di Laure, al contrario, è luce, ricorda una tavolozza di mille colori, miscelati assieme, proprio come i suoi vestiti. “I suoi occhi, grigi come la pietra, grigi come il metallo fuso, mi hanno attratta sin dal primo momento, come una calamita viene attratta in modo automatico dal ferro”.

Quando Laure conosce Jeremy, grazie anche alla sua amica e coinquilina Sam, è da subito stregata dal suo sguardo sfuggente e duro che le hanno ricordato quello di una pietra: fredda al primo impatto, ma poi, pian piano, se trattenuta tra le mani, diventa calore e lascia intravedere le meraviglie celate. Laure sente che tra lei e quel ragazzo tormentato vi è un legame che va oltre la innegabile attrazione fisica, sente il desiderio di voler andare oltre “quel sipario di metallo fuso” e far uscire fuori tutte le straordinarie caratteristiche che giacciono, sopite, in fondo alla sua anima. Jeremy consentirà a quella ragazza dalle labbra rosse, come il peccato, rosse come la sua disordinata chioma, di tirarlo fuori dal pantano di fango in cui è caduto? Oppure lui, come il mostro marino tatuato sul braccio, continuerà ad essere preda di quel marinaio che da anni sta cercando di farlo annegare? Il passato, a volte, costituisce un fardello ingombrante, una zavorra capace di impedire di spiccare il volo! Ma, solo, se si riuscirà a tagliare quella corda in modo definitivo, si potrà andare avanti davvero! Jeremy deve prima affrontare e combattere i suoi fantasmi! Ma Laure sarà ancora lì ad attendere il suo ritorno o si sarà dissolta come una magica bolla di sapone? Una storia straordinariamente emozionante! Può una balena innamorarsi di un piccolo pettirosso? Per tutta la lettura, mi sono anche chiesta: Chi è Robin? A voi, sciogliere l’enigma! Buona lettura!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

ECHO DI RACHEL SANDMAN

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: Echo.
Autrice: Rachel Sandman.
Genere :Romance Contemporary – New Adult.
Pagine: 272.
Editore:Delrai Edizioni, 17 maggio 2018.
Formati disponibili: Kindle 4,99€/ Kindlunlimited 0,00€/ Cartaceo 15,67€.
Trama:

https://www.amazon.it/Echo-Sandman-Rachel-ebook/dp/B07CX4GQPX/ref=mp_s_a_1_1?crid=3FK8MNELOWF4I&keywords=echo+rachel+sandman&qid=1644237375&sprefix=echo+rac%2Caps%2C75&sr=8-1

Uno sguardo a volte può cambiare la vita. Ne sa qualcosa Tomas Riley in una Boston estiva quando incrocia gli occhi di una sconosciuta e ne rimane folgorato. Lei, Samantha Bennet, è una ragazza sfuggente, inafferrabile, che guarda il mondo attraverso una solida corazza. Il loro primo incontro avviene un po’ per caso, ma il secondo.. è destino. La sorte inizia a giocare le sue carte e Tom cerca in ogni modo di farsi notare, con battute e gaffe che attirano l’attenzione di Sam. Lei non capisce se il ragazzo è solo un presuntuoso o vuole farla arrabbiare. La passione per la musica avvicinerà due personalità diverse, ma uniche, in una storia come tante altre – o forse no – , perché spesso, se si tratta di emozioni, non è facile capire dove inizia il proprio cuore e finisce quello dell’altro. Il romanzo d’esordio di un’autrice dalla penna travolgente. Due protagonisti fragili, ma forti, vi racconteranno una tenera storia di passione e di vita, anche quando sembra che non ci sia speranza, l’esistenza riserva sempre una via d’uscita chiamata: amore.

Giudizio:

“La vita è fatta di incontri, o meglio di attimi”. Secondo Tomas, il nostro protagonista, esistono, però, diversi tipi di attimi. Vi sono quelli eterni che ci accompagnano per tutta la vita; quelli chiari e limpidi, capaci sin da subito di lasciare un solco nella nostra anima e poi vi sono quelli che durano il tempo di un battito di ciglia, ma sono quelli più veri. Sono questi gli attimi che, seppur brevi, “arrivano, ti travolgono e ti lasciano finalmente, respirare di nuovo”. Ed è proprio un fugace attimo, durato un nanosecondo, quello che ha irrimediabilmente cambiato la sua vita: l’incontro con due occhi color ambra, che gli fanno fatto immediatamente pensare al miele e che ha immaginato avere il sapore “di whisky e di peccato”. Una sconosciuta incontrata per caso, in una afosa giornata estiva, in quello che Tom definisce “lo sgabuzzino della musica”, è stata capace di far volatilizzare tutti i suoi pensieri e far passare in secondo piano il motivo del suo essere lì, quel giorno, ovvero impossessarsi di una delle poche copie rimaste in tutto lo Stato del Massachusetts di un originale vinile del suo gruppo preferito: i Pink Floyd. “La donna perfetta, il sogno della mia vita che se ne va con in mano il sogno di una intera vita”. Da quel momento, quella ragazza senza un nome diventa la sua ossessione! Il destino, il regista che muove abile le fila di questa storia, decide però di dare una mano al nostro Tomas Riley, facendogli incontrare nuovamente colei che ormai tormenta i suoi sogni e che diventa la sua compagna di studio per un progetto di musica da realizzare in coppia. Se Tom pensa di essere stato baciato dalla fortuna, non può dire altrettanto, vista la reazione gelida e piccata, la sua compagna di banco. Samantha Bennet è il nome di colei che ha rapito il cuore di Tom, mandando in corto circuito il suo cervello, ormai più che intenzionato a entrare in quella testolina bionda, alquanto incasinata e sfuggente, per tentare di sciogliere la matassa che ingarbuglia e tiene imprigionata colei che per lui ha un solo nome, non Samantha o Sam, ma solamente e semplicemente Echo! Ma chi si nasconde dietro quella corazza inscalfibile? “Il cuore? Diventa una cupa e fragile roccia che ti porti in giro, pesante, al centro del petto, senza altra funzione se non quella di sopravvivere, un giorno dopo l’altro, ora dopo ora, senza dimenticare mai”. Samantha è un guscio vuoto, ancorata ai suoi dolorosi ricordi e ad una promessa a cui tiene fede da quattro anni e che non ha intenzione di infrangere per nulla al mondo. E persino la pelle del suo corpo è un promemoria di quanto e di chi non vuole dimenticare! Sam non permette a nessuno di invadere il suo spazio personale, né tantomeno consente a qualcuno di essere partecipe del suo dolore o di farle provare qualcosa di simile ad una sensazione. “Io non devo sentire nulla. Niente. Sopravvivere è tutto ciò che mi resta. Esistere. Ricordare. Niente di più. L’ho promesso”. Questo è ciò che continua a ripetersi e ad imporsi da quattro anni Samantha. Neppure le sue coinquiline e amiche, Alex e Laure, sono riuscite a tirarla fuori dal suo guscio,ma assistono impotenti al suo buttarsi a capofitto in avventure di una sola notte senza coinvolgimento e senza strascichi indesiderati.

E allora come spiegarsi quella piacevole sensazione alla bocca dello stomaco che inizia a provare per uno ,come Tomas Riley, “un tipo dalla mente malata e visibilmente sociopatica?” Pian piano Tom , con la sua incrollabile testardaggine, si sta insinuando nella sua bolla , sta cercando di farla uscire fuori da quello stato di apatia in cui si è trincerata in questi anni, sta creando delle piccole crepe nel suo guscio vuoto. Ma Sam/Echo non è pronta a consentirgli di superare i limiti che si è autoimposta, non può permettergli di farle infrangere quella promessa! Riuscirà Tom a sconfiggere il fantasma che tiene incatenata a sé la sua Echo? E lei farà tesoro di un consiglio di una amica speciale, che le ha ricordato quanto “dimenticare” non necessariamente sia qualcosa di brutto, significa solo chiudere i ricordi in un cassetto del proprio cuore e provare magari a ricominciare a vivere davvero. Nulla accade per caso! E se anche il loro incontro era già scritto? Sono rimasta stregata da questa storia meravigliosa, intrisa di emozioni forti,che non possono lasciare indifferenti. Ho amato il personaggio di Tomas per la sua sensibilità smisurata, per la sua tenacia nel non arrendersi dinanzi a quei “NO” della sua Echo che in fondo nascondono tanti timidi e impauriti “SI”. Ed è stato bello vedere come i testi delle canzoni raccontino storie e celino messaggi preziosi che devono solo essere colti. Vi lascio proprio con la frase di una canzone dei Pink Floyd: “Insieme restiamo, stiamo in piedi. Divisi crolliamo”. Questa la storia di Tom ed Echo!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

OUT OF LOVE DI CINNIE MAYBE

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: Out of Love (Sequel di Out of Breath).
Autrice: Cinnie Maybe.
Serie: Wildcats.
Genere:Romance Contemporary.
Pagine: 500.
Editore: Delrai Edizioni, 31 dicembre 2021.
Formati disponibili: Kindle 1,90€/ Cartaceo 12,00€.
Trama:

https://www.amazon.it/Out-Love-Senza-Cinnie-Maybe-ebook/dp/B09PGNHLT9/ref=kwrp_li_stb_nodl

Sono passati quattro anni, Colin è a Chicago ed è diventato la star di punta dei Bulls: è bello, ricco, gli sponsor fanno a gara per avere come testimonial e ha persino provato a ricostruirsi una vita privata, frequentando un’altra ragazza. Tuttavia, sente che nella sua vita manca qualcosa: Ally e anche il suo pensiero fisso e quel sentimento tanto forte che li ha uniti, arde ancora in lui, sotto le braci della sua nuova vita. Sebbene abbia raggiunto il successo sognato da sempre, e in apparenza sembra non avere bisogno di nulla. Colin sente di non poter continuare fingendo di essere felice, non vuole più continuare a vivere senza amore. Così, con l’aiuto del suo migliore amico Duncan decide di riallacciare i fili di quel sentimento che sembravano essersi spezzati: chiede notizie di Ally all’unica persona che può dargli una mano, affrontando sensi di colpa e errori commessi consapevole di dover cambiare ancora per diventare l’uomo che Ally merita di avere accanto. È così che il destino lo porta di nuovo a Madison, dove inspiegabilmente lei vive di nuovo da qualche tempo. Ma basterà tornare nella città in cui tutto è iniziato per riprendere le fila di un amore spezzato e forse mai finito? E soprattutto, cosa sta sconvolgendo la vita di Ally, che appare ai suoi occhi così profondamente cambiata? Vuole davvero sposare un altro, che non è Colin? E ancora, tornare significa anche fare i conti con i vecchi compagni di squadra e i Wildcats, senza più il loro capitano, sono ancora quei mostri inarrestabili che non hanno mai avuto paura di niente e di nessuno? Cosa vuole veramente la nuova generazione di giocatori che compone ora il team? Dopo quattro anni Colin dovrà fare fronte ai conti che il destino ha scelto di presentargli, ma per difendere i suoi sentimenti è disposto a fare qualsiasi cosa, persino sfidare il fato avverso. Perché di una cosa è sicuro, non riesce più ad andare avanti senza amore.

Giudizio:

“..io sono Colin Preston, la punta di diamante dei Chicago Bulls, la gallina dalle uova d’oro, non posso permettermi di crollare”. Da quando Colin ha deciso di lasciare Madison e di voltare le spalle ai Wildcats, è diventato un “bulimico” di successo e di impegni da rispettare. La sua vita è ormai scandita dalle partite, dalla interviste, dai servizi fotografici per questo o quel brand, da appuntamenti, da solo o in coppia. Ebbene sì, da due anni, è comparsa Erin che ha colmato quella sfera della sua vita privata che Colin non riesce a tenere sotto controllo: “è solo un modo per tenere occupato il cuore e far smettere al cervello di desiderare l’unica ragazza che non posso più avere”. Perché Colin , nonostante tutto, continua ad avere un unico pensiero che lo tormenta ancora dopo quattro anni di silenzio: la sua Ally! È il profumo della sua pelle che spera nuovamente di risentire! Colin si rende conto che , nonostante la sua vita sia esattamente quella che ha da sempre sognato, nonostante sia riuscito a realizzare il suo sogno, ossia quello di vivere solo del e per il basket, lui continua ad avvertire un vuoto dentro. Non è più capace di vivere senza respiro e senza amore! Ha bisogno di Ally per tornare di nuovo a vivere davvero! Colin è disposto a tutto, persino a chiedere informazioni sulla sua Ally all’unica persona in grado di fornirgliene, nonostante i loro trascorsi non idilliaci: Cameron, il miglior amico di Ally. Ed è proprio questi che, dopo aver superato l’iniziale e giustificata diffidenza, gli confida come la sua ragazza, dopo una brillante carriera come direttrice e coreografa, ha deciso di tornare a Madison, il luogo che ha visto sbocciare il loro amore, ma anche vederlo dolorosamente naufragare. Colin non ha scelta! Deve tornare nella sua città per cercare di valutare di persona se Ally, a differenza sua, sia davvero andata avanti, archiviando in modo definitivo la loro storia e consentendo a qualcun altro di prendere il suo posto nel suo cuore, oppure se vi è un piccolo barlume di speranza per riprendersi ciò che gli manca. “..io ero pronto ad accogliere il destino ancora una volta, sperando che nel mio futuro fosse contemplata Ally”. Per fortuna, al suo fianco, come sempre, vi è il suo migliore amico Duncan, colui che gli rubava la palla quando da ragazzini giovavano nel campetto dietro il locale di Francy, colui che gli ha fatto da spalla nelle loro attività poco raccomandabili e che ha poi deciso di seguirlo a Chicago e di lasciare i Wildcats. Per Colin tornare a Madison significa fare un tuffo nei ricordi, è colto da mille paure e da desideri contrastanti, come la paura di sentirsi un estraneo o di essere considerato un traditore egoista agli occhi dei suoi ex compagni di squadra e il desiderio di trovare quel porto sicuro che si è scelto di abbandonare esattamente come lo si è lasciato. Per Colin il ritorno a casa apre un vaso di Pandora, mai chiuso davvero! Tutto pare uguale, eppure tutto è cambiato! In primis rivedere Ally gli provoca uno tsunami di emozioni: lei è sempre la stessa, eppure è diversa! Scorge immediatamente un’espressione nei suoi occhi che la fa sembrare lontana: un’ombra che vela la sua solita limpidezza, un qualcosa di doloroso che spegne l’azzurro dei suoi occhi in cui lui era solito perdersi.

Cosa la turba davvero? Cosa l’ha spinta a tornare a Madison e a rinunciare, ancora una volta, ai suoi sogni? Ha davvero voltato pagina, accanto ad un altro uomo? Non sarà facile per Colin abbattere quel muro che Ally ha innalzato e dimostrarle quanto non sia più il “gangster” di quattro anni fa, ma sia diventato un uomo migliore. In passato Ally gli ha dato fiducia ma lui le ha procurato tante crepe sul cuore, tanto che persino respirare le era difficile, vuole davvero permettere a Colin Preston di distruggere l’equilibrio che la tiene ancora a galla? Ma può davvero recidere quel filo rosso che pare unirli, nonostante tutto? Colin non deve solo lottare per riconquistare Ally, ma deve fare i conti anche con quella che fino a poco tempo fa è stata, nel bene e nel male, la sua famiglia: i Wildcats, che senza il loro capitano sono diventati una squadra senz’anima! Tornare a casa è anche l’occasione per Colin per non fuggire dalle sue responsabilità e per mettere un punto sulla questione: i Wildcats hanno bisogno di lui per chiudere col passato e dedicarsi solo al basket! Riuscirà il nostro playmaker a centrare ogni suo obiettivo? Dolore, paura, passione, speranza e rinascita: queste le emozioni che vivremo assieme a Colin e Ally, ma anche agli altri personaggi che fanno parte o ruotano attorno alla famiglia dei Wildcats! Concludo con la stessa frase con cui l’autrice pone fine a questa storia bellissima: “Perché alla fine, la vita era proprio quello: un continuo tentare di andare a canestro e cercare di portare a casa il risultato”.

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

OUT OF BREATH SENZA RESPIRO DI CINNIE MAYBE

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: Out of Breath: Senza respiro.
Autrice: Cinnie Maybe.
Genere: Sport Romance.
Pagine: 448.
Editore: Delrai Edizioni, 6 ottobre 2021.
Formati disponibili: Kindle 2,99€/ Kindlunlimited 0,00€/ Cartaceo 12,00€.
Trama:

https://www.amazon.it/Out-Breath-respiro-Cinnie-Maybe-ebook/dp/B09J41LR11/ref=mp_s_a_1_3?crid=GC7NB5CFED7M&keywords=cinnie+maybe&qid=1641632877&s=digital-text&sprefix=cinnie%2Cdigital-text%2C82&sr=1-3

Si può vivere bene anche così, senza respiro. Ally non lo avrebbe mai potuto immaginare, ma a causa di un infortunio imprevedibile si ritrova all’età di vent’anni a dover ricominciare una nuova vita, accantonando tutto quello che aveva sempre sognato: un futuro da ballerina professionista. Così lascia la sfavillante New York e arriva a Madison, nel freddo Wisconsin, con la volontà di voltare pagina e chiudere con un passato che farà bene a dimenticare presto. Qui il filo rosso del suo destino si intreccerà in maniera indissolubile con quello di Colin Preston, il bellissimo capitano dei Wildcats, una delle squadre di basket più forti della città. Il ragazzo è un talento vero, ma nasconde altrettanti lati oscuri e segreti con cui Ally si ritrova a fare i conti, dal momento che resistere al fascino di Colin sembra impossibile e non innamorarsi di lui è una sfida che lei sa già di aver perso. E così che Ally inizierà a scoprire quante volte può trattenere il fiato e per quanto tempo si può rimanere senza respiro. In un vortice di partite di basket, scontri tra gang rivali e sogni da provare a ricucire, Ally ricostruirà una nuova vita in una periferia che nasconde segreti e tradizioni. Ma quanto si può resistere senza respirare? Ally dovrà cercare di capirlo e aiutare Colin a fare lo stesso. Riuscirà l’amore a vincere la partita con il destino scritto per ognuno di noi?

Giudizio:

“Sarò la nuova stella della danza classica che darà ancora più prestigio alla scuola”. In queste parole è racchiuso il sogno della ventenne Ally che, giunta all’ultimo anno della Julliard, si augura di mantenere fede al patto fatto con se stessa, ovvero diventare una ballerina a livello professionistico. Purtroppo, un infortunio distrugge in battito di ciglia tutti gli anni di sacrifici e di allenamento, facendo svanire il suo sogno proprio nel momento in cui era più tangibile. “…scelsi con coraggio di mettere in una valigia i sogni di tutta una vita, quelli per i quali avevo lottato e vissuto , giurando a me stessa che non ci avrei più pensato”. Dopo la cocente battuta d’arresto subita, Ally decide di chiudere con il passato, ritenendo come soluzione migliore per dimenticare e per non impazzire, quella di lasciare New York e di raggiungere nel Wisconsin, e precisamente nella città di Madison, Samaire, sua sorella maggiore, che non vede da quando si è trasferita lì per aprire il suo bed and breakfast. Per Ally quella città rappresenta un nuovo inizio, non solo per alleviare il suo dolore ma anche per ricucire il rapporto con sua sorella maggiore, di cui ignora molte cose. Mai avrebbe immaginato che Madison le sarebbe pian piano entrata nel cuore, tanto da diventare, anche a distanza di anni, l’unico luogo dove si sarebbe sentita a suo agio. Mai avrebbe immaginato che la sua decisione di mettere dei km di distanza dalla sua vecchia vita l’avrebbe portata ad aprire un nuovo capitolo, dove ad esserne il principale protagonista sarebbe stato un talentuoso ma sbandato giocatore di basket: Colin Preston, il playmaker, nonché il capitano dei Wildcats. “Stanne alla larga!” Questa la frase che continua a ripeterle, come raccomandazione, sua sorella perché Colin è uno di quelli che non ha ancora ben chiaro cosa fare della sua esistenza, o meglio preferisce, a detta di Samaire, sprecare il suo indiscutibile talento sul campo da gioco per cacciarsi continuamente nei guai, assieme ai suoi compagni di squadra. I Wildcats non sono solo dei talentuosi giocatori di basket, sono anche una crew , una grande famiglia costituita da tipi poco raccomandabili , anche se dei fighi da far perdere la testa. “I Wildcats avevano un codice , qualcosa di non scritto che li legava l’uno all’altro. Regole e leggi da rispettare, come le migliori gang”. Il legame che esiste tra questi ragazzi è così forte ed unico che viene posto al di sopra di ogni cosa! È proprio con questa nuova realtà, fatta di alleanze e scontri tra gang, che deve fare ben presto i conti la nostra protagonista, quando decide di non dare ascolto a chi, prima di lei, sa cosa significhi diventare la compagna di uno dei Wildcats, sa cosa significhi vivere costantemente nella paura e nell’angoscia, sa cosa si deve essere disposti ad accettare se si vuole vivere loro accanto. Nel momento in cui Ally decide di consentire a Colin di fare breccia nel suo cuore, sa perfettamente di poter sprofondare assieme a lui dentro un baratro profondo, percepisce su ogni centimetro della sua pelle quanto tossico e malato possa essere il rapporto che la lega a quel ragazzo, inciampato in modo prepotente nella sua vita e diventato ben presto una droga da cui non riesce più a fare a meno.

Colin Preston rappresenta per lei il proibito a cui difficilmente si può resistere, ma anche è colui che cela dietro la sua aria strafottente e spavalda una infinità di sfumature , tutte da scoprire e da amare. Ally, nonostante tutto, si sente al sicuro solo tra le sue braccia, si sente protetta dentro quella bolla “magica” che entrambi riescono a crearsi per cercare di tenere lontano dal loro rapporto il marciume che li circonda. Ma , purtroppo, quella bolla è destinata ad infrangersi al primo colpo di vento! E cosa allora accadrà quando resteranno nudi ed esposti? E se l’ Amore non fosse sufficiente? E se Amare significasse anche lasciare l’altro libero di proseguire da solo per la sua strada? Un amore tormentato ed intenso, quello tra Ally e Colin. Sin dalle prime pagine mi è parso di essere costantemente sulle montagne russe, ho provato l’adrenalina della salita, la paura della discesa , l’emozione ad ogni curva ed un effimero sollievo all’arrivo. Anche io, come la protagonista, ho avuto la sensazione di vivere ogni emozione, trattenendo il respiro , quasi per paura che l’amore tra questi due ragazzi potesse da un momento all’altro svanire all’improvviso. È stata una lettura emozionante ma ora non vedo l’ora di immergermi presto nel seguito della loro storia!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

WHITE COLORS DI EVELINE DURAND

Ed ecco un libro pieno di colori e ce ne parlerà Anna Maria.

Titolo: White Colors- Tutti i colori del bianco. Autrice: Eveline Durand.

Genere: Romance New Adult.

Pagine: 205.

Edito: Delrai Edizioni, 23 maggio 2020.

Formati disponibili: Kindle 2,99€.

Trama:

https://www.amazon.it/White-Colors-Tutti-colori-bianco-ebook/dp/B089NPF6HM/ref=mp_s_a_1_3?dchild=1&keywords=eveline+durand&qid=1598903629&sprefix=eveline+du&sr=8-3

“E poi mi piaceva tutto di lui. Come sorrideva. Il sapore dei suoi baci. Il temperamento ostinato. La mappa imperfetta dei suoi pensieri. Le spalle ampie. Lo sguardo. Oh, quegli occhi…” Lorena ha quasi diciannove anni e lavora duramente per costruirsi un futuro. L’ egoismo dei suoi genitori, in eterno conflitto, l’ ha spinta a crescere in fretta per ritagliarsi il suo angolo di indipendenza. Alessandro vanta un nutrito conto in banca, una carriera d’ ingegnere informatico in ascesa e la libertà che ogni ventinovenne vorrebbe avere. Alex è albino. È The Chariot, un celebre gioco online, a farli conoscere. Sulla piattaforma virtuale, Lorena non è complessata per i suoi traumi e per la sua eccessiva altezza e Alex può sfuggire agli sguardi della gente che sussulta di fronte al suo pallido aspetto. La loro vita, però, subisce una svolta repentina non appena si incontrano. Finalmente avranno il coraggio di essere se stessi, in una società che rifiuta il diverso. ROMANZO AUTOCONCLUSIVO. Altri romanzi della stessa autrice: Collezione privata. Too Much Series – Una scrittrice troppo bugiarda, Troppo giovane per me, Uno scatto di troppo, Un carillon senza cuore – Novella gratuita legata al romanzo Collezione privata.

Giudizio:

Tecnicamente il bianco possiede un’ elevata luminosità, pur essendo privo di colore. A differenza del nero, però, il bianco è la sintesi additiva di tutti i colori dello spettro magnetico. Di conseguenza, non si tratta di un colore asettico, in quanto in esso è custodita la combinazione di tutti i colori! Non dobbiamo dunque farci ingannare dalle apparenze! Lo stesso vale per il nostro ingegnere informatico Alex Vallieri il quale custodisce mille sfumature di colori dentro la sua anima ma, per coglierle, occorre andare oltre il suo spettrale aspetto. ” Ero gelido, ipercritico, sarcastico e in conflitto con me stesso a causa dello scoglio chiamato albinismo.” ” Ero un topolino bianco, una cavia da osservare”. In queste sue parole emerge chiaramente chi è il protagonista maschile, la sua peculiarità fisica e purtroppo il come si sente o lo fanno sentire gli altri: “diverso”! Il diverso solitamente spaventa in quanto ci pone di fronte a qualcosa che non rientra negli schemi del prevedibile e del solito, contribuendo ad aumentare gli interrogativi e le incertezze. L’ omologazione rappresenta invece un modo piuttosto utile per rapportarsi ad un contesto sociale dove, essendo simile agli altri, si viene accettati vivendo nella massa. Per Alex è difficile però passare inosservato o amalgamarsi agli altri per via dei suoi capelli biondo platino, la sua pelle diafana e i suoi occhi quasi trasparenti. Il suo aspetto lo rende un catalizzatore di sguardi curiosi o commiserevoli da cui tenta di stare il più lontano possibile, rifugiandosi nella sua confortevole tana da nerd e trascorrendo il tempo libero col suo gioco di ruolo preferito: The Chariot! Ed è proprio tra un combattimento virtuale e l’altro, dei messaggi curiosi ma innocenti che una guerriera di modeste proporzioni, una samurai dalla spada di giada di nome Miwako inizia a fare breccia nella inscalfibile corazza del nostro Alex e a creare scompiglio nella sua solitaria e schematica vita da single. Ma chi si nasconde dietro quel nickname? ” Un metro e sessantotto di scarsa femminilità”. Lorena Bassetti è una giovane studentessa con il complesso dell’altezza , matura, indipendente, testarda, ma anche una ingenua sognatrice. È lei che tenta di far breccia nel cuore, solo in apparenza gelido, ma in realtà desideroso di essere amato, nonostante la sua diversità. Sarà capace Lorena coi suoi diciannove anni e le sue fragilità ad abbattere quelle alte barriere dietro cui si è trincerato Alex? E quest’ultimo sarà pronto ad aprire il suo cuore e a fidarsi di quella fanciulla con le lentiggini che è riuscita in un battito di ciglia a scardinare ogni sua certezza? Due sono le cose che ho apprezzato di questo romanzo: in primis la naturale capacità della scrittrice di descrivere il normale rapporto , sorto in modo inusuale tra due ragazzi, solo in apparenza diversi, ma molto più simili in insicurezze e paure. Mi ha permesso di conoscerli piano piano, un po’come è successo a loro, attraverso i loro messaggi indagatori e frizzanti. È stato bello condividere con loro il cadere di ogni sovrastruttura difensiva e partecipare alla loro emozione quando è arrivato il momento di passare dalla conoscenza virtuale a quella reale. In fondo Alex e Lorena, nonostante tutto, incarnano due ” normali” ragazzi alle prese con i se e i ma che ci si pone all’inizio di una relazione. Altro punto di forza è il modo diretto ma delicato con cui ha affrontato la ” diversità” di Alex ponendo l’accento non solo sul problema dell’aspetto fisico, ma anche su ciò che comporta, sul fronte della salute, essere albino. Insomma Eveline Durand ha creato una storia dolce e piacevole grazie a due personaggi, resi da lei “familiari”. Ha dato vita ad una storia dove c’è spazio per l’ emozione, il sorriso e la riflessione. Ora tocca a voi conoscere Quantico il samurai pallido e Miwako la guerriera piccola ma tenace!

Stelle: 4 ⭐️⭐️⭐️⭐️