A UN PASSO DA NOI DI AZZURRA SCHIERA

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: A un passo da noi.
Autrice: Azzurra Sichera.
Genere:Romance.
Pagine: 278.
Editore: Harper Collins Italia, 15 giugno 2022.
Formato disponibile: Kindle 5,99€.
Trama:

https://www.amazon.it/passo-noi-Azzurra-Sichera-ebook/dp/B09ZYPJVL1/ref=mp_s_a_1_1?crid=NCYJ9O8B23L5&keywords=a+un+passo+da+noi+azzurra+sichera&qid=1660415286&sprefix=a+un+paddo+da+noi%2Caps%2C85&sr=8-1

Un ballerino affascinante e scontroso, una dottoressa che prova a rimettere insieme la sua vita e un segreto. Durante una tournée, il danzatore Aleksej Sokolov si lesiona un ginocchio e deve fermarsi a Bloomfield, dove vive e lavora la dottoressa Zoe Parker. Per i due all’inizio non è facile comunicare, Aleksej è chiuso in se stesso e Zoe è piena di problemi che riguardano il suo passato e la gestione della locanda di famiglia. Presto però si accorgono che è possibile creare un legame anche senza le parole e che il dolore è a volte capace di creare unioni inattese. Aleksej scopre cosa significa essere accolti e Zoe riapre di nuovo il suo cuore. Ma se quei giorni insieme, per uno dei due, fossero stati solo un accordo economico?

Giudizio:

Un po’ di tempo fa ho avuto il piacere di leggere un precedente romanzo di Azzurra Sichera e poi , ultimamente, ho avuto modo di ascoltare le parole di amore e di entusiasmo, spese su questa ultima pubblicazione, da parte di una nostra amica comune : Paola Marengo . Le sue parole e le sue sensazioni hanno avuto su di me lo stesso effetto dell’ammaliante canto delle sirene su uno spaesato marinaio. Pertanto, senza alcun indugio, ho deciso di tuffarmi nella lettura di questa storia, curiosa anche io di conoscere Zoe Parker e Aleksej Sokolov. La nostra Zoe è una talentuosa fisioterapista , una madre single della piccola Maya di dieci anni e , oltre al suo lavoro nella clinica, tenta di dare una mano a sua sorella Madison e suo zio Vincent nella gestione della locanda creata dai suoi genitori, morti prematuramente in un incidente stradale. È una maniaca del controllo, tenta infatti di barcamenarsi tra mille impegni, dando la precedenza alle esigenze degli altri e accantonando i suoi desideri. Zoe crede di non poter permettersi di lasciarsi andare al dolore che si porta dentro da tempo, perché i suoi familiari hanno bisogno di lei e la locanda di famiglia, come la ridente cittadina di Bloomfield, sta attraversando purtroppo un periodo di grande crisi. Ma l’occasione propizia per risollevare le sorti di tutti viene loro offerta, quando durante l’esibizione in città di una nota compagnia di ballo di New York, il primo ballerino ha un malaugurato incidente, ha riportato la lesione al legame crociato posteriore, necessitando di un lungo periodo di riabilitazione. La permanenza in città di un ballerino di fama internazionale può avere utili ritorni economici: più turismo, più gente , più soldi, mentre per Aleksej Solov può essere il modo più utile per curarsi e per stare lontano dai riflettori della stampa, da sempre pronta a sottolineare le sue tante intemperanze. Lo sguardo magnetico, incollato su di lei, pare scrutarla con rabbia e diffidenza, ma nonostante i suoi lineamenti siano segnati dal dolore e dalla rabbia, Zoe lo trova subito bellissimo e avverte un inspiegabile fuoco bruciarle la pelle , sentendosi sotto l’azzurro dei suoi occhi “esposta” e “vulnerabile”. Ma chi si cela dietro quel muro fatto di silenzi ? Chi è davvero Aleksej Sokolov? “Ma io sono abituato a sopportare il dolore, a non esternare nessun stato d’animo, nessun sentimento. A essere uomo. E un uomo non urla, non piange, non prova niente”. Questo è il primo pensiero che Aleksej ha avuto, quando il suo ginocchio ha ceduto, lo ha tradito, ma lui non vuole farsi vedere debole o lasciarsi andare. Ha imparato, a causa delle difficili vicissitudini del suo passato, a correre così da mettere una distanza, sempre più grande, tra lui e i ricordi. “Le mancanze hanno scavato un buco troppo profondo che non riesce a colmarsi”. Il ballo ha invece rappresentato la sua ancora di salvezza ed ora non può permettersi di non poter più ballare : “Non posso e basta”. Per questo, a malincuore, Aleksej è costretto ad affidarsi alle mani di una giovane dottoressa, capace col solo tocco delle mani a fare fluire la sua energia da lei a lui e fargli percepire “il suo essersi messa a disposizione del mio dolore” e “la sua generosità nel donare alla mia lesione la sua esperienza”. Tra Zoe e Aleksej, superati i primi momenti di diffidenza e di imbarazzo, inizia a crearsi un legame speciale, dove non occorrono le parole, perché dietro il silenzio è possibile comunque comunicare e spogliarsi delle reciproche paure. La paura di essere abbandonata e di innamorarsi della persona sbagliata hanno sempre impedito a Zoe di lasciarsi andare, ma con Aleksej ha ritrovato una serenità che pensava un dolce ricordo, una sensazione che per diversi anni aveva chiuso in qualche polveroso cassetto. “Accolto” così invece si sente Aleksej, da quando ha messo piede in questa cittadina, i cui abitanti si sono prodigati nell’accudirlo , nell’accettarlo e qualcuno ad amarlo, senza chiedere nulla in cambio. L’incidente lo ha mandato in pezzi, ma lui grazie a Zoe sta imparando a rimettersi in piedi, con pezzi nuovi, così da comporre una nuova versione di sé. Entrambi si sono cambiati a vicenda , raccontandosi senza paura o vergogna. Entrambi hanno trovato nella loro bolla magica una serenità che credevano perduta, ma cosa accadrà quando alcune verità non dette incrineranno il loro rapporto, rendendo l’equilibrio raggiunto ancora più fragile? Aleksej si sarà davvero illuso di non dover più correre , ma di aver trovato un luogo da chiamare “casa”? Una storia dolcissima dove Azzurra Sichera dedica la sua attenzione e il suo amore ad ogni personaggio, rendendolo speciale! Non ho divorato, ma ho centellinato ogni pagina perché non volevo lasciarli andare, ciò vuol dire che, mia cara Azzurra, hai fatto di nuovo centro: brava!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...