L’URAGANO DELLA PORTA ACCANTO DI GIORGIA B WALKER

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: L’uragano della porta accanto.
Autrice: Giorgia B. Walker.
Genere: Romance Contemporary.
Pagine: 362.
Editore: Independently Published, 20 aprile 2022.
Formati disponibili: Kindlunlimited 0,00€/ Cartaceo 12,00€.
Trama:

https://www.amazon.it/Luragano-della-accanto-Giorgia-Walker-ebook/dp/B09YHR6146/ref=mp_s_a_1_3?crid=2FJRBOMS88UTQ&keywords=giorgia+b+walker&qid=1653312776&sprefix=giorgia+b+%2Caps%2C89&sr=8-3

Nicole, una mamma divorziata newyorkese, si dibatte tra il lavoro e due bambini tanto adorabili quanto pestiferi. Quando l’appartamento adiacente al suo viene venduto, oltre a vedere, durante il trasloco, macchinari da palestra e chitarre elettriche, ciò che viene subito a conoscere del neo proprietario sono le urla di piacere femminile che provengono dalla parete dietro al suo letto. Nel momento in cui si trova per la prima volta il nuovo vicino, comprende immediatamente il motivo di tanto entusiasmo vocale: Ian non è il classico ragazzo della porta accanto, ma “tanta roba” di più. È un tipo che, già al primo sguardo, lascia a bocca aperta e a ovaie tramortite. Eppure dietro l’aspetto anticoncezionale di quell’uomo e al muro che separa i due appartamenti c’è ben altro: un compositore talentuoso e sensibile e un bambino di cinque anni che parla poco ma ha molto da dire. “Avevamo la nostra vita incasinata e faticosa, ma tutto sommato tranquilla. Poi un uragano si è abbattuto su di noi. No, non ha investito la nostra città. È semplicemente venuto a vivere alla porta accanto”.

Giudizio:

COLPO DI FULMINE! Questo è ciò che è scattato dentro di me, quando ho posato i miei occhi sulla cover di questo romanzo, che sprigiona amore, quello incondizionato di un padre verso suo figlio. “Giuro sulla mia testa che farò il possibile e anche l’impossibile perché sia sereno e felice, per dargli la vita che tutti i bambini della sua età dovrebbero avere”. Questa è la promessa che Ian ripete a se stesso, quando decide di cogliere al volo l’opportunità della Columbia Records di una collaborazione continuativa con loro, che gli dà modo di lasciare Miami e i brutti ricordi per ricominciare una nuova vita a New York, assieme al suo piccolo Dennis. Ian, musicista e compositore di talento, ritiene che sia arrivato il momento di mandare in soffitta il vecchio Ian e tagliare i lacci che lo tengono legato ad un passato e ad una vita che non gli appartiene più. Lo deve fare per il bene di Dennis, il suo ometto di cinque anni, sperando di farlo uscire dall’isolamento taciturno dietro cui si è trincerato: Dennis non è affetto da alcuna patologia, ma è solo “in credito di serenità e d’amore”. Ian è consapevole che il suo aspetto, da rocker ribelle coi suoi tatuaggi e piercing, può farlo andare incontro a pregiudizi e giudizi malevoli . “Dentro puoi essere marcio fino al midollo, ma se sei vestito da professionista rampante superi l’esame a prescindere”. Il suo aspetto esteriore può andare bene come bassista, come amante occasionale, ma non come padre! Lui , invece, vuole dimostrare a tutti quanto sia all’altezza del suo ruolo! “Mr Tantaroba!” Questo è il titolo che Ian si guadagna da parte della sua vicina di casa, Nicole, una madre single di due adorabili bambini, la quale alla vista del suo fisico imponente e scultoreo è in preda ad una inaspettata tempesta ormonale. Tutta colpa della sua forzata astinenza sessuale! Non è facile per Nicole barcamenarsi tra il lavoro in cui deve sgomitare per farsi valere e due folletti pestiferi da gestire. Chandler e Emily , i suoi figli, hanno preso la sua vita e l’hanno ridotta in polpette, ma sono sufficienti i loro sorrisi e il loro affetto per ripagarla di ogni sacrificio. L’unico momento della giornata in cui Nicole si gode la sua apparente libertà è quando i suoi figli stramazzano per il sonno e lei, assieme al gatto Figaro, può godersi beata le canzoni del suo amato Jeffrey Killian. L’arrivo, nell’appartamento adiacente al suo, del nuovo vicino, un “fusto intergalattico”, che pare essere piuttosto bravo sotto le lenzuola, viste le urla di piacere delle sue avventure occasionali, risveglia in lei fantasie e desideri sopiti da tempo. Ma Nicole non può permettersi di cadere in tentazione, non può permettersi di sbagliare ancora. Il loro deve restare un “pacifico e cordiale rapporto di buon vicinato” !! Se Nicole deve lottare per tenere a bada l’uragano emotivo che le provoca la vista e la vicinanza di Ian, anche lui non è indifferente al sorriso di Nicole, capace di fargli tremare il cuore e al suo modo di fare confusionario che gli mette buonumore. La sua presenza e quella dei suoi figli sembrano essere una provvidenziale boccata d’ossigeno, quella che serve a lui per tornare a sentire di nuovo i battiti del cuore e al suo Dennis per uscire fuori dal suo mondo di silenzio. L’arrivo dell’uragano Ian, invece, nella vita incasinata e faticosa della nostra Nicole sembra donargli un po’ di ordine e un senso che prima mancava! Nicole impara a conoscere chi si cela davvero dietro quella montagna di muscoli e di tatuaggi, ovvero un uomo dalla grande e delicata sensibilità. Lo constata nel suo modo di relazionarsi non solo con il suo Dennis, ma soprattutto con Chandler e con la sua civettuola Emily, anche lei, come sua madre, non immune al fascino di Ian.

Ma cosa accadrà se gli errori del passato bussano di nuovo alla porta di Ian, intenzionati a spazzare via quella bolla magica che lui e la sua nuova famiglia allargata si sono creati? Le paure , i dubbi e soprattutto i pregiudizi saranno più forti del loro sentimento? Cosa posso dire? Anche io sono stata travolta dalla bellezza interiore di Ian: impossibile restare impassibile a “tanta roba”! Ho poi adorato l’ironia , la goffaggine e la determinazione di Nicole , una donna desiderosa di essere amata assieme al suo ingombrante ma meraviglioso fardello! Ed infine ho amato Dennis e Chandler, ma soprattutto Emily, una civetta vanitosa dalla lingua tagliente e dai ragionamenti brillanti, nonostante i soli tre anni. Una storia che insegna come non sempre gli uragani portano distruzione e devastazione, ma a volte sdradicano solo ciò che è vecchio e fragile e offrono l’occasione che si crei qualcosa di nuovo e migliore. Non bisogna avere paura degli uragani, soprattutto se sono come quelli della porta accanto e hanno il nome di Ian!!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...