COME UN FARO NELLA NOTTE DI MARIA KATJA RAGANATO

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: Come un faro nella notte.
Autrice: Maria Katja Raganato.
Genere:Romance Contemporary.
Pagine: 192.
Editore: Pav Edizioni, 25 luglio 2020.
Formati disponibili: Kindle 2,99€/ Cartaceo 12,35€.
Trama:

https://www.amazon.it/gp/aw/d/B08SG49KYY/ref=tmm_kin_swatch_0?ie=UTF8&qid=1641999644&sr=8-1

Un’antica dimora nel centro storico di Gallipoli, nelle cui viuzze si respira l’odore frizzante della salsedine, che si mescola agli intensi aromi della cucina tipica salentina, fa da palcoscenico a diversi personaggi. Una giovane, che giunta alla soglia dei trentacinquesimo anno di età, decide di dare una svolta ad un’esistenza piatta, lasciando un lavoro che non la gratifica e trasferendosi in un’altra città. Un artista di strada claudicante e bellissimo, tanto da sembrare un angelo caduto dal cielo, con un passato ingombrante da dimenticare, che dopo un lungo girovagare per l’Italia, ha fatto di un faro abbandonato il proprio rifugio. Il rampollo di un’importante famiglia di produttori di vini , dotato di grande fascino e idolatrato dalle donne. Un misterioso vecchio, venuto dal Nord, alla ricerca delle proprie radici e di una ragione per vivere. E poi un pasticcere imbranato, una ragazza impacciata in conflitto con la propria immagine, due anziani coniugi, custodi di una dimora storica e del suo lussureggiante giardino pensile e un vetusto rigattiere, depositario di un’arte ormai perduta: la capacità di riparare vecchi oggetti.

Giudizio:

“La strada che conduce alla felicità e all’amore passa attraverso scelte coraggiose e spesso avventate”. Ho deciso di iniziare la mia recensione proprio con una frase utilizzata dall’autrice per dare inizio alla sua storia. In queste parole, credo, sia perfettamente riassunto il senso del suo romanzo! Coraggiosa e avventata appare inizialmente la scelta che compie la sua protagonista: Anna Lena Venneri, quando, al compimento del suo trentacinquesimo compleanno, facendo un bilancio della sua vita, si rende conto di sentirsi “irrisolta” , con un pressante bisogno di dare una svolta alla sua routine piatta e triste. La giovane non è soddisfatta né del suo lavoro presso uno studio che offre consulenze commerciali e tributarie, né tantomeno della sua vita sentimentale, costellata da numerose delusioni. Unica consolazione è l’affetto e il supporto della sua famiglia! Pertanto, decide di seguire il suo istinto che le consiglia di lasciare il lavoro, la famiglia e gli amici per trasferirsi nella “città bella”, ovvero l’appellativo da cui Gallipoli prende il nome nella lingua greca e più precisamente a casa Marchesa, l’antica dimora posseduta da zia Elvira ed ereditata, alla sua morte, da suo padre. Anna Lena, o più semplicemente Lena, ha in mente di ristrutturare quella splendida, ma disabitata dimora per trasformarla in un bed and breakfast. Mai avrebbe immaginato che la sua coraggiosa ed impulsiva decisione l’avrebbe portata ad affezionarsi sempre di più verso quella zia , considerata in famiglia come una donna “sui generis”, indipendente, cosmopolita, libera nel vivere e nell’amare , ma a cui la vita non aveva risparmiato dolori , come la perdita da adolescente del suo ufficiale tedesco morto durante la seconda guerra mondiale ed anche l’aver dovuto rinunciare persino al frutto di tale amore “proibito”. Mai avrebbe persino immaginato di sentirsi fin da subito accolta in quella città dalle viuzze pittoresche, dagli scorci mozzafiato e dai profumi invitanti dei suoi piatti tipici. Come mai avrebbe pensato di poter contare per la realizzazione del suo progetto sull’aiuto e sull’affetto sia dei coniugi Verri, i factotum di Villa Marchesa, che attendevano con ansia l’arrivo di qualcuno che ridonasse nuova vita ad una dimora, custode di ricordi e di tesori preziosi; sia del misterioso Igor Cosser, il suo primo ospite, un uomo che, come lei, ha intrapreso un viaggio alla ricerca di sé stesso e delle sue origini, fuggendo da una vita divenuta ormai piatta e priva di stimoli. Lena trova immediatamente delle affinità con quell’anziano uomo perché, come lei, ha deciso di compiere un viaggio dentro e fuori se stesso! Ma la sua decisione di dare un taglio netto alla vita precedente e di tuffarsi in un progetto non irto di ostacoli le riserva sorprese anche in campo sentimentale, dove fanno la sua comparsa due uomini, differenti per carattere e modo di fare, ma che non la lasciano affatto indifferente, anzi sembrano risvegliare in lei emozioni che credeva sopite. Il primo è Gianmarco, il rampollo di una famiglia molto in vista che da generazioni produce vini eccellenti. Questi riesce ad ammaliarla con i suoi modi galanti da perfetto gentiluomo: affascinante e sicuro di sé. Il secondo è un “marinaio”, un’artista di strada senza casa e senza meta che a Lena pare una sorta di “angelo caduto dal Paradiso” per via dei suoi lineamenti gentili, dei suoi occhi verdi che gli ricordano due acquamarine e la cascata di riccioli biondi. Gianmarco e Pier Lorenzo sono le due facce di una stessa medaglia: il primo preferisce ostentare la sua aria strafottente per nascondere le sue fragilità, come quella di non essere apprezzato per ciò che è, ma solo per ciò che possiede; mentre il secondo ha deciso di chiudersi nel suo bozzolo di solitudine per fuggire da un passato che vuole a tutti i costi dimenticare. Ma chi tra i due sarà capace di fare davvero breccia nel cuore di Lena? Prima di lasciarsi nuovamente andare alle emozioni, la nostra protagonista dovrà fare pace con se stessa, fare chiarezza dentro di sé e solo così potrà avvicinarsi alla sua anima gemella, proprio come i due fidanzati di un antico carillon, ritornato in vita grazie a mesciu Totu , il rigattiere capace riparare vecchi oggetti. È stata una lettura piacevole dove ho potuto percepire i colori e i profumi della mia terra, ricca di tradizioni, di bellezze naturali e di piatti dal sapore inconfondibile.

Stelle: 4⭐️⭐️⭐️⭐️

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...