I SEGRETI DI GREYSTONE DI FRANCESCO CHEYNET E LUCIO SCHINA

Recensione a cura di Anna Maria.

Titolo: I segreti di Greystone.
Autori: Francesco Cheynet e Lucio Schina.
Genere: Giallo storico deduttivo con tinte fantasy.
Pagine: 310.
Editore: Black Wolf Edition , 26 luglio 2021.
Formato disponibile : cartaceo 18,00€.
Trama:

https://www.amazon.it/I-segreti-Greystone-Lucio-Schina/dp/1911424513/ref=mp_s_a_1_1?dchild=1&keywords=i+segreti+di+greystone&qid=1627214214&sprefix=i+segreti+di+gre&sr=8-1

27 ottobre 1750.
Un ragazzo corre a perdifiato in una cupa notte di autunno. La lettera che il diacono del vescovo Matthews deve consegnare ad Arthur William Harrington , aristocratico e membro segreto della setta degli Ambactus Danu, contiene una notizia che potrebbe sconvolgere la tranquilla esistenza degli abitanti di Greystone. Una forza terribile e malvagia si sta risvegliando e minaccia di portare morte e terrore nella notte di Samhain. Per impedire al male di mietere le sue vittime, i quattro maestri dovranno celebrare un antico rituale in grado di imprigionare la bestia e farla nuovamente precipitare nel mondo degli inferi.
20 ottobre 1884. L’ ispettore di Scotland Yard, Dorian Bayley, viene inviato nella sperduta cittadina di Greystone, nel nord dell’Inghilterra, per investigare sul futuro di un antico manoscritto e sulla misteriosa sparizione dell’ispettore locale Nevil Morgan, avvenuta pochi giorni dopo. Non appena giunto in paese, però, l’ispettore viene a sapere che nella notte un orribile omicidio è stato compiuto nell’interno della chiesa. La razionalità con la quale Dorian Bayley porterà avanti le indagini si scontrerà ben presto con le credenze e le superstizioni che avvolgono Greystone e condizionano la vita dei suoi abitanti. Un giallo che intreccia passato e presente, in un complicato gioco di enigmi che porterà a galla una verità sorprendente, velata dai mille misteri che attanagliano Greystone, dove il confine fra il razionale e sovrannaturale sfuma in una visione della realtà orrifica e ambigua.

Giudizio:

“Se uno straniero si fosse trovato transitare per il villaggio lo avrebbe potuto descrivere come un piccolo paradiso uscito dalla fervida immaginazione di un romanziere, un luogo da fiaba purificato dal bianco mantello che vi era depositato”. Questa è la descrizione e la prima sensazione che avverte l’ispettore Dorian Bayley alla vista di Greystone, un paesino sito nell’ Inghilterra del Nord, che conta al massimo una cinquantina di anime, ma che rappresenta per l’intera contea una redditizia fonte economica grazie alle esportazioni di coltivazioni nei paesi limitrofi. Greystone, una piccola comunità incastonata tra le colline e il niente, è da sempre il villaggio con criminalità pari a zero, nonostante disponga di un commissariato con ben tre agenti di polizia. L’idilliaca e solo apparente tranquillità di Greystone nasconde in realtà nelle profondità delle viscere “una macchia scarlatta si preparava a infettare la terra tramutando il senso di armonia in un labirinto di violenza”. Nulla è come sembra a Greystone! Di questo se ne rende immediatamente conto l’ispettore Dorian Bayley, inviato lì da Scotland Yard, per sbrogliare una intricata matassa: il misterioso furto di un antico testo di magia dalla casa del custode del cimitero, Adam Ford e la successiva scomparsa dell’ispettore Nevil Morgan, l’enigmatico Nevil, appassionato di esoterismo, che era solito risolvere i suoi casi invocando in sogno il nome del colpevole. Questi due eventi, avvenuti a distanza di pochi giorni, scardinano l’armonico equilibrio che regna nel villaggio. Ma al suo arrivo l’ispettore Bayley deve fare i conti con un terzo episodio, di natura più efferata, ovvero il ritrovamento, all’interno della chiesa, del corpo mutilato del bibliotecario, il mite Vernon Doyle. Non possono essere delle semplici coincidenze! “Era come percepire un oggetto al buio, sapeva esserci, ne avvertiva la consistenza ma non riusciva a metterne a fuoco i contorni”. Questa è la sensazione che angustia Dorian Bayley, un poliziotto con una “intuizione superiore”, una dote innata e non il frutto della serrata formazione che lo aveva poi portato a diventare ispettore, ma, stavolta, il suo intuito sembra essersi perso all’interno di “un gioco a incastri perfetto” le cui regole capisce pian piano essere state create da menti superiori. Le sue indagini, supportate dal valido contributo dei due agenti del luogo, lo porta a rendersi conto che in quel villaggio convivono due mentalità opposte: la superstizione e le credenze magiche si affiancano alla concretezza della vita quotidiana. Tutto ruota intorno al furto di quel manoscritto, in apparenza senza valore, scritto da un autore nascosto dietro lo pseudonimo di Ambactus Danu. Si tratta di una antica setta nata in Inghilterra nel XV secolo in cui Danu è il nome celtico della dea – madre terra e gli Ambactus sono i suoi servitori. Ma quale importanza può avere questo antico manoscritto esoterico? E quale il collegamento con la sparizione dell’ispettore Nevil Morgan e con l’omicidio del bibliotecario? Quali segreti cela Greystone? E i suoi abitanti, quali segreti nascondono il burbero Adam Ford, lo sfuggente giudice Owen, il gentile padre Beathan e la inquietante chiaroveggente Madame Eleonor? E se persino lui, Dorian Bayley, nascondesse nel suo cuore un segreto, una cicatrice profonda che, come qualcuno gli ha fatto notare, non gli permette di “andare oltre ciò che riesce a percepire e di credere solo in ciò che è tangibile e spiegabile con la ragione”? Per risolvere il caso, l’ispettore Bayley deve iniziare a calarsi in quella realtà impregnata da antiche credenze e ambigui simbolismi che trovano origini in un tempo lontano, come una notte speciale, quella di Samhain in cui, ogni cinquanta anni, le anime dannate tentano di varcare il confine che li separa dal mondo terreno. “La cinquantesima notte di Samhain è prossima e la bestia deve essere imprigionata e fatta precipitare nell’oscurità”. Ruota tutto dunque intorno a credenze e tradizioni secolari oppure la brama di un potere superiore e di denaro sono anch’essi il motivo degli strani episodi avvenuti a Greystone? Chi è il colpevole? A Dorian Bayley verrà in soccorso, ancora una volta, il suo intuito deduttivo oppure di affiderà all’irrazionale? Un giallo storico complesso e avvincente dove l’inserimento della parte fantasy non risulta incoerente e forzato, bensì armonicamente funzionale alla vicenda. Tutti i personaggi sono ben analizzati, come i luoghi, senza però interrompere il ritmo narrativo con inutili e prolisse descrizioni. Il duo Francesco Cheynet e Lucio Schina, ancora una volta, si dimostra convincente! Sono loro a condurre le regole del gioco e a portare il lettore tra passato e presente fino alla risoluzione del mistero!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...