NON BACIARE SUA MAESTÀ IL RANOCCHIO DI ELISA TRODELLA

Ecco una recensione di Anna Maria.

Titolo: Non baciare sua maestà il ranocchio.
Autrice: Elisa Trodella.
Genere:Romance.
Editore: Newton Compton Editor, 17 giugno 2021.
Formati disponibili: Kindle 5,99€

Cartaceo 9,40€.

Trama:

https://www.amazon.it/Non-baciare-sua-maestà-ranocchio-ebook/dp/B095XS6GQS/ref=mp_s_a_1_1?dchild=1&keywords=non+baciare+sua+maestà+il+ranocchio+elisa+trodella&qid=1624451078&sprefix=non+bacia&sr=8-1

Dall’autrice del bestseller Scusa ma ti amo troppo. In amore non ci sono regole. Tranne una.
Madeleine ha trent’anni e vive a Londra. Gestisce un’attività di decorazioni floreali e odia gli uomini. Dopo aver subito una cocente delusione d’amore, ha deciso di vendicarsi del genere maschile attirando gli sfortunati pretendenti senza mai concedersi. Una notte, dopo aver mandato in bianco l’ennesima conquista, si sveglia per la musica ad alto volume proveniente dall’ appartamento accanto al suo. Decisa a lamentarsi, si dirige verso la porta del disturbatore, ma resta senza parole quando si trova davanti una strana vecchietta , vestita in modo eccentrico, che, anziché scusarsi, la trascina dentro casa coinvolgendola in un assurdo scambio di opinioni che culmina in una danza sfrenata. Il giorno dopo, ancora frastornata per la sconcertante avventura notturna, Madeleine viene aggredita da due rapinatori mentre sta andando al lavoro. Fortunatamente per lei, un uomo alto e affascinante accorre in suo aiuto. Non ha però il tempo di ringraziarlo perché sviene. Quando riprende i sensi , si ritrova sul divanetto di uno Starbucks con il suo salvatore chino su di lei. Chi è il misterioso principe azzurro? E perché Madeleine, guardandolo, sente tutte le sue certezze venir meno? Lei manda le sue vittime “in bianco”, Lui riuscirà a farle battere ancora il cuore?
Hanno scritto dei suoi romanzi: “Con un ritmo incalzante e brillante ironia, l’autrice tratta ancora una volta i temi complicati dell’amore.” Corriere della sera. “Un romanzo romantico e spumeggiante che sa scuotere, emozionare e sbalordire”. Il Messaggero. “Intenso e profondo, ironico e divertente, questo romanzo racconta l’ Amore con il punto esclamativo!” Io Donna. “Elisa Trodella è l’altra Bridget Jones”. Oggi.

Giudizio:

“Nessuno si prenderà gioco di me. Nessuno mi toccherà più con un dito. Ma alla parte bella non rinuncio. Cavolo!”
Questo è il proposito a cui la protagonista di questa spumeggiante storia si ispira, ovvero non consente più agli uomini di coinvolgerla totalmente e poi deluderla, come sempre. Madeleine ha imparato, da ormai due anni, dopo mesi di allenamento, baciando tanti ranocchi, a non consentire a questi di avvicinarsi troppo alla sua zona off limits: il suo cuore! Tutta colpa di quella Storia d’Amore in cui lei, da adolescente ingenua e sognatrice, ha permesso a quello che da principe azzurro si è poi trasformato nel famigerato Innominato, di avere accesso al suo cuore, per poi mandarglielo totalmente in frantumi. Da allora Madeleine West si è ripromessa che non sarebbe più caduta nella trappola, non sarebbe più stata l’ambita preda, anzi si sarebbe trasformata in una fredda predatrice, abile a sedurre e poi abbandonare senza una spiegazione i poveri malcapitati. Si è ripromessa di prendere e di godere dai suoi effimeri incontri sentimentali solo la parte più dolce, quella del corteggiamento, senza mai sconfinare in qualcosa di più intimo. All’età di trent’anni, Madeleine è serena della sua vita. Il suo lavoro, come fioraia, le dà grandi soddisfazioni, può contare su pochi ma buoni amici e su un discreto numero di stupidi ranocchi che continuano a scriverle e a cercarla solo perché non gliel’ha ancora data…vinta!! “Quindi preparati perché da oggi non sarà più lo stesso”. Questo è ciò che recita il suo oroscopo quel giorno in cui il destino, rimescolando abilmente le sue carte, è pronto a mettere a soqquadro tutte le sue certezze, cominciando dal lavoro e poi facendo piombare nella sua vita uno tsunami di energia e follia: la sua ottantanovenne vicina di casa, Mary Dixon. Sarà proprio questa vecchietta, amante di Edit Piaf e decisamente un tipo fuori dagli schemi, a offrirle la soluzione ai suoi problemi in cambio di un piccolo favore. E quale sarebbe? Cosa mai dovrebbe fare? L’astuta ed eccentrica Mary , dopo averla osservata attentamente e ammirata in azione coi suoi poveri spasimanti, ha scelto proprio Madeleine, come mezzo per redimere suo nipote, uno abituato a usare le donne per i suoi piaceri e a non legarsi mai a nessuna di loro. “..solo la conoscenza del vuoto può innescare il desiderio di riempirlo questo vuoto”. Madeleine deve semplicemente mettere in pratica la sua abituale tattica: deve farlo innamorare e poi dargli il ben servito! Un piano semplice sulla carta, che dovrebbe apportare vantaggi per entrambe le parti,tranne per l’inconsapevole prescelto e che soprattutto non prevede alcun coinvolgimento emotivo da parte di Madeleine. Facile, no? Peccato che Philip Shell, oltre a dimostrarsi fin da subito un osso duro a lasciarsi andare, non è del tutto indifferente alla nostra paladina Madeleine West, anzi quell’uomo, incontrato in una circostanza alquanto burrascosa, è stato capace fin da subito di risvegliare in lei sensazioni che era riuscita da tempo a far tacere. Può la dura Madeleine cedere al fascino del bel cardiologo e mandare a monte il suo piano solo a causa di un momento di sbandamento emotivo?

“Due anime simili, forse, indubbiamente attratte l’una dall’altra, ma molto lontane”. Mai definizione può essere più perfetta per descrivere Madeleine e Philip che vedremo combattere contro i loro stessi sentimenti. Battute al vetriolo e scintille di passione non mancheranno! E se la nostra protagonista è pronta incredibilmente a sventolare bandiera bianca e ammettere la sconfitta, Philip invece si dimostrerà irremovibile nel non voler concedere quel bacio, tanto desiderato da Madeleine. Ma perché? Cosa lo frena? Riuscirà Madeleine, una volta scoperta la verità, a baciare sua maestà il ranocchio senza preoccuparsi del rischio che sta correndo? E se Philip non si trasformasse nel principe azzurro? Ironico, divertente e romantico. Una storia che fa ridere, che fa battere il cuore, ma che fa anche riflettere su quanto una delusione subita da adolescenti possa avere strascichi profondi sul futuro modo di vivere, pensare e relazionarsi con gli altri. Volete scoprire se il “MAI” ha davvero un significato assoluto oppure può essere soggetto a cambiamenti di prospettiva? A voi scoprirlo con la lettura! Buon divertimento!!

Stelle: 5⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...