DUE VITE UN DESTINO DI ELIZABETH ROSE

Pronti per iniziare un week end insieme ad Anna Maria?

Titolo: Due vite, un destino.

Autrice: Elizabeth Rose.

Genere: Romance Contemporaneo.

Pagine: 212. Edito: Self Publishing, maggio 2020. Formati disponibili: Kindle 1,99€

Kindle Unlimited 0,00€.

Trama:

https://www.amazon.it/Due-vite-destino-Elizabeth-Rose-ebook/dp/B088QMZR3W/ref=mp_s_a_1_1?dchild=1&keywords=due+vite+un+destino&qid=1597579717&sr=8-1

Amy Ascott è una giovane dottoressa con un’infanzia difficile e una mente brillante, un figlio in adozione e poco tempo per se stessa. Mike Warren è un detective di poche parole, rimasto vedovo con due figli adolescenti. Non hanno niente in comune, a parte una reciproca e inspiegabile attrazione. Amy è insicura e titubante, non sa cosa significhi essere parte di una famiglia. Mike è pratico e solido e tiene unito quel che è rimasto della sua insieme all’inseparabile padre Hank. Mike e Amy si arrendono l’uno all’altra ma le loro vite, così diverse, chiedono il conto , costringendo Mike a una cieca corsa contro il tempo.

Giudizio:

Due vite, un destino è il titolo del romanzo di esordio di Elizabeth Rose ed in esso è racchiuso il senso dell’intera storia che andremo a leggere. Le due vite sono quelle di Amy Ascott e Mike Warren: primario di traumatologia lei e detective di polizia lui. Cosa mai potrebbero avere in comune questi due personaggi dalle vite così diverse? E se oltre a questo aggiungiamo una differenza di 15 anni a dividerli e la paura reciproca di non essere all’altezza l’uno dall’altra, la questione appare alquanto complessa, ma entrambi non hanno fatto i conti con il volere supremo del destino, il quale, da abile stratega, ha deciso di farli incontrare e di certo ha le sue lungimiranti ragioni. Il Destino non fa mai nulla per caso! Forse è arrivato il momento per Amy e Mike di voltare pagina, di provare ad archiviare un passato doloroso e difficile e correre il rischio di lasciarsi travolgere dalle emozioni che entrambi innegabilmente provano. Elizabeth Rose ha scelto, come suoi protagonisti, due personaggi alquanto trasparenti nelle loro emozioni e paure: tutti e due appaiono forti ma anche fragili. Amy ha solo 29 anni, ma, nonostante la sua giovane età e grazie alla sua indiscutibile intelligenza, ha raggiunto nel suo lavoro traguardi invidiabili. Il suo aspetto minuto,giovanile e non appariscente può trarre in inganno e altro suo “handicap” , soprattutto in un mondo maschilista, è il fatto di essere DONNA, e ciò attira su di sé malevoli e inappropriati pensieri. Ma Amy è abituata sul lavoro a farsi valere e rispettare, mentre non dimostra la stessa fermezza in campo sentimentale. La sua vita è fatta da lavoro, casa e il suo piccolo Brian, un ometto di sei anni arrivato nella sua vita in modo del tutto inaspettato, stravolgendo gliela in meglio. La parola AMORE non è contemplata nel vocabolario, seppur forbito, della dottoressa Ascott perché di esso , in passato, non ha mai avuto dimostrazione eloquenti, ma solo negative e tali da lasciarle segni indelebili sul cuore. Ma come reagirà quando nella sua schematica vita sta per piombare un’intera famiglia complicata, ma assolutamente adorabile? Eh sì, perché anche il nostro Mike non ha avuto una vita facile: vedovo con due figli adolescenti da crescere, un padre protettivo e saggio con cui condividere dubbi e dolori, ed un lavoro decisamente non tranquillo. Per Mike Warren non è altrettanto facile aprire il suo cuore nuovamente a qualcuno e permettergli di farsi spazio nella vita sua e dei suoi due figli. Per Mike è inoltre alquanto difficile lasciarsi andare soprattutto se prendono il sopravvento i dubbi e le paure di non essere all’altezza di quella dottoressa troppo giovane, troppo intelligente, troppo per lui, un semplice poliziotto. Ma, come ho già detto, nulla capita per caso. Il loro incontro è voluto dal destino per permettere forse ad Amy di conoscere finalmente la parola AMORE e a Mike di reinserirla nel suo vocabolario, abolendo magari da esso inutili Se e Ma. Il Destino ha le sue imperscrutabili ragioni quando compie una scelta e lo scopriranno sulla loro pelle i nostri protagonisti. In questo romanzo di esordio Elizabeth Rose ha voluto affrontare diversi temi: dalla paura di amare alle difficili e delicate dinamiche familiari; dalla violenza sulle donne al bieco e bigotto maschilismo. Ed ogni argomento è stato trattato in modo delicato ma diretto. “Tira fuori le unghie, combatti e vinci”. Questa frase estrapolata dal romanzo racchiude per me il messaggio che l’autrice ha voluto donare alle sue lettrici. Il monito di non permettere mai ad un uomo di svilirla, di annientarla nel corpo e nella mente e tantomeno di arrogarsi su di essa alcun tipo di diritto. Il NO di una donna va ascoltato e rispettato! Questo differenzia l’ Uomo vero dalla semplice Bestia! Bella e scorrevole lettura!

Stelle: 4 ⭐️⭐️⭐️⭐️

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...