ESSI VENNERO DI RAFFAELE FIORILLO

Oila…. ben rimasti con noi!

Oggi Anna Maria Bisceglie di cosa ci parlerà?

Titolo: Essi vennero.

Scrittore: Raffaele Fiorillo.

Genere: Fantascienza.

Pagine: 116.

Edito: Self Publishing, 1 maggio 2020.

Formati disponibili: Kindle 2,99€

Kindle Unlimited 0,00€

cartaceo copertina flessibile 8,31€.

Trama:

https://www.amazon.it/Essi-vennero-Raffaele-Fiorillo-ebook/dp/B087F3SBRM/ref=mp_s_a_1_1?dchild=1&keywords=essi+vennero+raffaele+fiorillo&qid=1592336326&sprefix=essi+venner&sr=8-1

Una storia di Primo Contatto interamente ambientata in Italia. Siamo soli nell’ Universo? Una tiepida mattina di inizio Maggio del 2042 questa grande domanda riceve finalmente la sua risposta : la razza extraterrestre dei “Grigi” atterra in diversi angoli di un pianeta Terra già martoriato dalla sovrappopolazione e dall’ eccessivo inquinamento, portando distruzione e violenza oltre ogni limite immaginabile. Cadono i governi, la razza umana viene decimata e i pochi esseri umani superstiti sopravvivono qui e lì nascondendosi sottoterra, bollendo acqua piovana e trafugando il cibo dove possibile. Giulia, poco più che ventenne, è l’unica persona conosciuta ad essere scappata dalla prigionia aliena e quando incontrerà Giovanni e il suo gruppo di sopravvissuti in una Napoli orribilmente lacerata penserà di aver trovato la salvezza, ma un grosso segreto è celato dentro di lei.

Giudizio:

” In Italia erano le 19:35 del 9 maggio del 2042 , il giorno che tutta l’ Umanità ricordava come il ” Giorno Zero”. Il giorno in cui Essi vennero.” Una data che segna l’inizio di una fantasia fino ad allora solo immaginata o vista in apocalittici film di fantascienza e che all’improvviso si materializza con prepotenza, come il peggiore degli incubi: l’invasione del Pianeta Terra da parte dei Grigi! Misteriosi ominidi, alti più di tre metri, con braccia lunghe e la pelle di colore grigio e con un viso simile a quello umano, se non per lo sguardo spento e inespressivo. ” Tutti indossavano la stessa uniforme, una sorta di tuta aderente di color blu cobalto con azzurre strisce bianche orizzontali…” Ecco questa la descrizione degli invasori: i Grigi! Nell’immaginario più fantasioso di scienziati o esperti del settore la possibilità di comunicare o di stabilire un Primo Contatto con possibili forme aliene ha da sempre destato curiosità, ha da sempre affascinato e solleticato molte menti, ma nessuno avrebbe mai immaginato un tale evento, un incontro ravvicinato con esseri sconosciuti, assolutamente non intenzionati a comunicare ma solo a distruggere, portare morte, catturare prigionieri per i loro crudeli esperimenti. Lo sa bene Giulia, una giovane ragazza napoletana, una dei fortunati sopravvissuti all’invasione, ma soprattutto l’unica riuscita a fuggire dalla prigionia dei Grigi. Una ragazza che porta sul corpo e nella mente i segni indelebili delle torture subite! Giulia fa parte di un gruppo di coraggiosi disperati che tentano,nascondendosi, di sopravvivere, di trovare un modo per annientare questi esseri sconosciuti e capire cosa vogliono da loro. Napoli, Taranto, Milano, Catania, queste le città dove alcuni di questi superstiti si nascondono, resistono, si ingegnano in mezzo a tanta devastazione, per trovare una soluzione. Ma sarà mai possibile uscire da questo incubo senza fine? I terrestri si dimostreranno ancora una volta più scaltri, più coraggiosi, più intelligenti persino di alieni decisamente superiori in quanto a tecnologia? I Grigi avranno anche loro un tallone d’Achille? Molti di questi interrogativi resteranno sospesi nel vuoto come rimarranno in attesa di una evoluzione o magari di un degno epilogo molte delle storie dei tanti personaggi che incontreremo nel corso della lettura. Il finale aperto lascia però intravedere una fioca luce di speranza! Non mi resta che attendere il seguito per scoprire quale sorte abbia previsto lo scrittore per la sua apocalittica storia. Cosa dire? Confesso che è il primo romanzo di fantascienza che leggo, pertanto ” Essi vennero” di Raffaele Fiorillo può considerarsi il mio “battesimo” in questo genere. Ho apprezzato assolutamente le accurate descrizioni dei luoghi. Immaginare una Milano o una Napoli quasi rase al suolo, immerse in uno spettrale silenzio, un silenzio di morte e di paura, mi ha messo i brividi. Ho altresì apprezzato come lo scrittore abbia caratterizzato la psicologia dei personaggi “chiave” di questo romanzo e di come sia riuscito a descrivere i diversi modi di reagire dell’animo umano ad un evento inimmaginabile. Forse unica cosa che mi ha un po’ spaesata nella lettura, è stato il continuo saltare da un gruppo all’altro, da una città all’altra, lasciando poi ogni situazione in bilico; di sicuro ognuna di esse troverà una soluzione definitiva nel seguito. Per essere stato il mio primo romanzo di fantascienza, non è stata male come prima esperienza, forse, avrei preferito non arrivare alla fine con tanti dubbi e solo qualche certezza ma, questo è solo il mio parere soggettivo. Sopravvivenza è la parola “chiave” di questo romanzo e vale tanto per noi terrestri quanto per i temibili Grigi!

Stelle: 4⭐️⭐️⭐️⭐️

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...