I FIORI NASCONO NEI LIBRI DI SILVIA MONTEMURRO

Cosa ci racconterà oggi Anna Maria Bisceglie?

Pronti?

Titolo: I fiori nascosti nei libri.

Autrice: Silvia Montemurro.

Genere: Narrativa rosa.

Pagine: 304.

Edito: Rizzoli, 28 gennaio 2020.

Formati disponibili: Kindle 9,99€

cartaceo copertina flessibile 15,72€.

Trama:

https://www.amazon.it/I-fiori-nascosti-nei-libri-ebook/dp/B083F9KTCS/ref=mp_s_a_1_1?keywords=i+fiori+nascosti+nei+libri&qid=1581888449&sprefix=i+fiori+n&sr=8-1

“I fiori che nascondiamo nei libri sono i segreti che non riusciamo più a raccontare. Rimangono anni, tra le pagine, in attesa che qualcuno porti alla luce la nostra vera storia.”. Chiara è una giovane e promettente stilista che vive a Firenze. Quando il direttore di un hotel di lusso di Sankt Moritz la invita ad organizzare una sfilata per i suoi ospiti, si sente baciata dalla fortuna. Così si mette in viaggio, ma per una bufera di neve arrivare a destinazione diventa impossibile. Alla dogana le consigliano di fermarsi a Villa Garbald, dove Chiara arriva e incontra prima il vecchio custode, Arold, e poi il figlio, Thomas. Entrambi sembrano turbati dalla sua presenza, forse per via della straordinaria somiglianza tra Chiara e la donna di un ritratto appeso in uno dei corridoi, che misteriosamente notte tempo svanisce. Il dipinto ritrae Irena, una ragazza polacca che , per sfuggire alla seconda guerra mondiale, si è finta cittadina svizzera ed è stata accolta da un’amica della madre a Villa Garbald: lì, insieme ad altre giovani di buona famiglia, impara l’arte della tessitura e conosce Toni , un contrabbandiere. E il loro sarà un incontro che le cambierà per sempre la vita. Silvia Montemurro ci racconta di due donne lontane nel tempo e nello spazio ma legate da un unico destino e completa, tassello dopo tassello, una narrazione appassionante , che ci fa assaporare appieno il potere dei sentimenti, la magia dell’amore , la potenza delle storie.

Giudizio:

“…non c’è fiore che possa appassire, se nascosto, in un luogo sicuro. Bisogna proteggerlo come un amore appena nato.” Queste parole estrapolate dal testo sono significative e racchiudono il significato dell’intero romanzo che io definirei delicato e fragile come i fiori nascosti nei libri, e intenso e struggente come l’amore narrato in queste pagine. Due le protagoniste: Chiara e Irena, due donne divise dal tempo ma legate a doppio filo da un unico destino. Chiara è una giovane trentenne fiorentina che spera di tramutare presto il suo sogno di diventare una stilista, in una realtà concreta. L’occasione propizia le viene offerta su un piatto d’argento: presentare la sua collezione di moda in un lussuoso hotel svizzero ma, il tempo avverso la costringe a trovare riparo in un paese vicino, a Villa Garbald; una sosta che le sconvolgerà la vita. Una antica dimora, custode di dolci ma dolorosi ricordi. Gli sguardi attoniti di Arold il custode e di suo figlio Thomas, alla sua vista. Un quadro raffigurante una giovane donna che pare essere la sua incredibile ed inquietante fotocopia. Una dolce melodia. Alcune lettere ingiallite dal tempo e dei fiori secchi posti accuratamente all’interno di alcuni romanzi. Questi sono i piccoli ma preziosi tasselli di un puzzle che pareva attendere l’arrivo della persona giusta per essere ricomposto e quella persona pare essere proprio Chiara. Assecondando le sue sensazioni, Chiara comincia a leggere alcune vecchie lettere e viene catapultata indietro nel tempo, nei terribili anni della seconda guerra mondiale, in una Svizzera fortunatamente intaccata solo in minima parte dalle atrocità della guerra. Quelle lettere raccontano la storia di Irena, una giovane polacca salvatasi dallo sterminio nazista che, in Svizzera, sotto falsa identità, prova ad andare avanti senza mai dimenticare le sue origini. Per tutti diventa Cinthia Schwabb e proprio a Villa Garbald metterà a frutto il suo dono del disegnare incredibili bozzetti e trasformarli poi in bellissimi abiti. Un dono, a quanto pare in comune con Chiara, sempre più esterrefatta dalle inspiegabili coincidenze e sempre più rapita da quelle pagine che narrano di un amore travolgente ma sfortunato; della caparbietà e coraggio di una donna a non arrendersi dinanzi alle difficoltà della vita. Più si addentra nella vita di Irena e più Chiara vede, dinanzi ai suoi occhi, ricomporsi ad uno ad uno, tutti i tasselli del puzzle. Molti interrogativi troveranno una risposta perché non è solo Chiara ad averne bisogno, ma il passato stesso. Chiara, attraverso quell’immaginario viaggio nel tempo, ha modo di scoprire tanto su di sé: cose di cui era all’oscuro e cose che , per paura di soffrire di nuovo, aveva risposto in un angolino del suo cuore. Che sia arrivato il momento di scrollarsi di dosso la sua pesante corazza e ritornare ad amare?

Era da tempo che volevo leggere un libro di Silvia Montemurro, definita da molti la Riley italiana e, visto che io ho letto quasi tutti i libri di Lucinda Riley, le aspettative erano dunque alte. Dopo aver letto questo romanzo, posso sostenere che tale appellativo le calza a pennello in quanto la Montemurro, come la Riley, ha uno stile elegante e raffinato, è capace di alternare dolcemente presente e passato e, anche lei, ha esaltato la centralità dei ruoli femminili. Chiara e Irena, due donne diverse ma allo stesso tempo simili: la prima insicura e fragile, la seconda caparbia e determinata ma tutte e due dotate di una sensibilità che entrambe esternano nelle loro floreali creazioni sartoriali. E poi ci sono i fiori, come la gardenia, l’iris, il ranuncolo, la violetta che , in questo romanzo, sono i testimoni silenziosi e i custodi preziosi di ricordi dolci e dolorosi di una vita passata che vuole essere ricordata! Una lettura intensa, commovente, struggente. Una lettura semplicemente meravigliosa!

Stelle: 5 ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...