INSEGNAMI A DIRE ADDIO DI DAWN BLACKRIDGE

Ciao a tutti,

Oggi giornata piovosa qui.

Oggi giornata dove ricordiamo i nostri cari che non ci sono più, ma comunque noi li ricordiamo tutti i giorni.

Giornata review party, ce ne parlerà la nostra Anna Maria Bisceglie.

Titolo: Insegnami a dire addio.

Autore: Dawn Blackridge / Donata N. Ferrari. Genere: Romanzo storico MM.

Pagine: 231.

Edito: Self Publishing, 29 ottobre 2019.

Formato disponibile : Kindle 3,49€.

Trama:

https://www.amazon.it/Insegnami-dire-addio-Dawn-Blackridge-ebook/dp/B07YZ9WRWZ/ref=mp_s_a_1_1?keywords=insegnami+a+dire+addio&qid=1572521715&sprefix=insegnamia+&sr=8-1

Isola di Ohau- Hawaii- gennaio 1932. Tanui Wamblee è un nativo hawaiano di origini polinesiane rimasto solo al mondo dopo la morte del padre. Nel giorno del funerale dell’unico genitore rimastogli, prende la decisione di fare il passo che ha rimandato da tempo e diventa socio del suo amico Anapa nella proprietà del locale di quest’ultimo, denominato Etana’ , il dio tatuato. Gennaio 1941. Il tenente Liam Brooks, pilota di caccia, è solito ficcarsi nei guai e, dopo l’ennesima rissa in cui è coinvolto, viene trasferito alla base militare di Pearl Harbor. Tanui incontrerà per caso , nel suo locale, uno dei suoi tanti frequentatori, un soldato in libera uscita. Conoscersi farà scoccare una scintilla tra i due , che si trasformerà in un incendio e darà vita ad un amore totalizzante. Tanui farà conoscere a Liam i luoghi più segreti, noti solo a lui , dell’Isola, le leggende della sua gente e si accorgerà di provare per la prima volta un legame anche spirituale con lui, e lo stesso Liam sperimenterà sensazioni diverse da quelle a cui è stato abituato. Il 7 dicembre 1841 con l’attacco a Pearl Harbor , il destino si accanira’ contro di loro. La vita tuttavia segue strade misteriose e proprio quando ci sembra di non farcela , di non vedere la luce in fondo al tunnel, succede qualcosa di assolutamente inaspettato che ci farà guardare al futuro di nuovo pieni di speranza.

Giudizio:

Insegnami a dire addio è un romanzo che fa compiere al lettore un viaggio nel tempo, nello spazio e anche nelle profondità del cuore! Ambientato nei drammatici anni della seconda guerra mondiale, la storia si snoda su un’isola delle Hawaii: Ohau, un piccolo paradiso terrestre dove il paesaggio incontaminato e la bellezza del suo mare cristallino fanno sembrare ancor più lontana quella guerra che sta invece dilaniando l’Europa. Ohau sembra non poter essere scalfita ma non è così vista la presenza, sull’isola, della base militare americana: Pearl Harbor che ricorda non solo ai suoi militari ma anche agli abitanti come essa sia sempre più vicina. Questo è il teatro, pieno di luci ed ombre, in cui si inserisce in modo discreto la storia d’amore tra il tenente Liam e il barman Tanui. Un amore, il loro, divampato come un colpo di fulmine, sin dal loro primo incontro. Una scintilla e un’ alchimia avvertita immediatamente da entrambi! Un sentimento inaspettato nato all’improvviso perché, com’era solito ripetere suo padre a Tanui: ” è quando non ti aspetti nulla che arriva tutto.” E Tanui , non appena incrocia gli occhi azzurri del bel tenente, SENTE inspiegabilmente che lui è la persona giusta, colui che potrà infondere col suo amore quella serenità interiore che gli manca da tempo. Stesse sensazioni prova anche Liam, persino lui avverte nel cuore e nella mente una magia che lo attrae, che lo fa sentire “legato” a doppio filo al suo irresistibile hawaiano. Sarà la magia dell’isola a fare questo effetto? Una nube grigia e minacciosa incombe però su questi due personaggi i quali non possono amarsi alla luce del sole, devono, soprattutto Liam, indossare la maschera della “normalità”. In un ambiente come quello militare, non sono viste di buon occhio le relazioni omosessuali.

Non sono concepibili! Non sono tollerabili! Un amore vissuto nell’ombra ma nonostante questo goduto intensamente fino a quando quella minaccia che pareva così lontana, piomba su di loro, pronta a stravolgere inesorabilmente le loro vite! Un romanzo che affronta in modo delicato e acuto tematiche differenti come i pregiudizi omosessuali, le atrocità della guerra, l’elaborazione del lutto ma che insegna , allo stesso tempo, come la vita, nonostante i dolori e le difficoltà, ha sempre in serbo per noi qualcosa di meraviglioso e unico. Non bisogna mai smettere di crederci! Questo mi hanno insegnato Liam e Tanui. Occorre sempre sperare in una seconda occasione per essere felici! Ho apprezzato di questo romanzo non solo le emozioni intense descritte in modo delicato e senza mai cadere nel volgare, ma soprattutto l’inserimento di descrizioni dettagliate dei luoghi e anche informazioni e leggende di una cultura, quella hawaiana, che, attraverso le parole dell’anziano tatuatore Aitu, si dimostra saggia e affascinante!

Stelle: 4 ⭐️⭐️⭐️⭐️

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...