AMAMI PRIMA CHE VENGANO A PRENDERMI DI GIULIA AMARANTO

Ed eccoci finalmente a sabato…

Siete al mare o in piscina?

Con noi invece c’è la nostra Anna Maria Bisceglie che ci parlerà del prossimo libro.

Titolo:Amami prima che vengano a prendermi: Un intensa storia d’amore gay ai tempi della Seconda Guerra Mondiale.

Scrittrice: Giulia Amaranto.

Genere: romanzo erotico-contemporaneo.

Pagine: 62.

Edito: Self Publishing,1 luglio 2019.

Prezzo kindle: 1,29 €

Gratis con Kindle Unlimited

Prezzo cartaceo: 4,99 €

Trama:

https://www.amazon.it/Amami-prima-che-vengano-prendermi-ebook/dp/B07TJZS6LW/ref=mp_s_a_1_4?keywords=giulia+amaranto&qid=1564153192&s=gateway&sprefix=giulia+amara&sr=8-4

Potrebbero venirmi a prendere da un momento all’altro ,Francesco..Se non posso averti neanche per una notte,la mia vita non è stata degna di essere vissuta! Tanto vale che vengano subito….. Una notte,nel pieno della Seconda Guerra Mondiale,il giovane maestro elementare Francesco viene svegliato da qualcuno che chiede aiuto,picchiando alla porta .Agitato,corre ad aprire: quasi non lo riconosce,perché sono passati alcuni anni,ma è Michele ,amico d’infanzia,che è scappato dal fronte e lo supplica di nasconderlo in casa sua. Francesco ,turbato,sente di nuovo nascere dentro di sé il sentimento che aveva cercato di sopprimere.Decide di aiutarlo ,anche se nascondere un disertore è un reato grave,e lo ospita in casa sua.Francesco scopre che anche Michele è da tempo innamorato di lui,ma come può vivere il rapporto con un altro uomo ,cosa che la società dell’epoca ostacolava e disprezzava? Mentre fuori imperversa la guerra più devastante della storia,e la popolazione è sconvolta dalla fame e dalla paura .Francesco e Michele trovano la loro dimensione per amarsi….Ma cosa riserverà loro il destino?

Giudizio:

Mi hanno molto colpita le parole scritte dall’autrice nella prefazione su come fosse nata l’idea di questo racconto,guardando una foto ingiallita dal tempo che ritraeva due ragazzini.E a quei due ragazzini Giulia Amaranto ha pensato di attribuire due nomi Francesco e Michele e di immaginare quale potesse essere la loro vita,i loro sogni e le loro paure in quel periodo così difficile come quello della Seconda Guerra Mondiale. Francesco e Michele ,cresciuti insieme,separati dalla vita ma,poi,proprio un evento così doloroso come la guerra consente loro di ritrovarsi e di mettere a nudo quei sentimenti celati da tempo.Michele ,dopo essersi arruolato come tutti i ragazzi della sua età e aver visto le atrocità e l’inutilità della guerra ,decide di fuggire diventando per tutti un vile disertore.E a chi poteva chiedere aiuto se non a quell’amico con il quale aveva ,da ragazzino,condiviso momenti spensierati e verso cui nutre da sempre un sentimento profondo ma proibito? E Francesco, pur consapevole del rischio che corre,non può negare aiuto e nascondiglio a Michele il ragazzo per il quale ,anche lui,prova sentimenti che turbano da sempre il suo cuore e la sua mente.Un sentimento ,il loro,che non può essere vissuto alla luce del sole ma solo di nascosto,con la costante paura di essere scoperti.

Riuscirà il loro amore in apparenza impossibile a sfidare la guerra,la società e anche il beffardo destino? Bella l’idea della scrittrice di contestualizzare questa storia d’amore gay in un preciso e delicato periodo storico,mettendo in luce le difficoltà di questi due ragazzi impossibilati a vivere liberamente il loro sentimento considerato,a quel tempo,un tabù o addirittura una vergogna.Tanti gli ostacoli che si frappongono al loro Amore:il periodo bellico,la condizione di disertore di Michele ma soprattutto i giudizi bigotti e retrogradi della società che non accettava e riteneva inconcepibile l’idea dell’omosessualità.Da allora molte cose sono cambiate e oggi,nel 2019, l’omosessualità non è più un tabù ma la semplice dimostrazione di come l’amore abbia tante e meravigliose sfumature.Oggi forse,la storia di quei due ragazzi ,impauriti ma allo stesso tempo coraggiosi,avrebbe incontrato meno ostacoli nel loro percorso.Ma Michele e Francesco grazie alla penna di Giulia Amaranto hanno dimostrato come l’Amore anche quello più impossibile,è capace di sfidare ogni muro soprattutto quello dell’ignoranza ,dell’odio e della paura del cosiddetto “diverso”. Un racconto apprezzabile per l’idea di fondo ,l’unica critica che mi sento di muovere alla scrittrice riguarda il finale “aperto” che mi ha lasciata insoddisfatta.Bella l’idea dunque,lettura piacevole ma,a mio modesto parere,manca quel “quid” per rendere questo racconto ancora più avvincente!

Stelle: 3🏖🏖🏖

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...