UNA SPERANZA NEL CUORE DI GIUSTINA PNISHI

Ciao a tutti e ben tornati con noi.

Oggi la nostra Anna Maria Bisceglie vi parlerà di una scrittrice di cui non vi avevamo mai parlato prima.

Pronti???

Titolo: Una speranza nel cuore: l’amore prima di tutto. Scrittrice:Giustina Pnishi

Genere:narrativa.

Pagine:438.

Edito: Book Sprint Edizioni,16 aprile 2019.

Prezzo kindle: 3,99 €

Gratis con Kindle Unlimited

Trama:

Veronica è nata in un paese in cui la donna è considerata di priorità maschile:contro la sua volontà viene data in sposa giovanissima ad un uomo che si rivela fin da subito violento.Ferita nel corpo e nell’anima ,subisce la vita convinta di non possedere gli strumenti per cambiarla. È l’incontro con Glauco a darle la forza di reagire e ribellarsi al suo destino.Grazie a lui conosce finalmente l’amore,quello vero,intenso e passionale,ma anche tormentato.E poi c’è l’amore per Andrea ,un sentimento tenero e affettuoso,quasi fraterno,che le dà stabilità.Nel mezzo l’amore più grande ,quello per la figlia Giulia.Ma è possibile amare due uomini contemporaneamente? La vita di Veronica scorre velocemente tra gioia e dolore,segreti e bugie e un incubo che ritorna da un passato che sembrava ormai sepolto.

Giudizio:

Nel titolo di questo romanzo è racchiuso ,a mio avviso,il messaggio che l’autrice,Giustina Pnushi dona ai suoi lettori e in particolare alle sue lettrici.Perché questo è un romanzo scritto per le donne,per tutte quelle donne che,nonostante il dolore,la violenza le delusioni e umiliazioni subite,coltivano sempre e comunque “una speranza nel cuore”.La speranza che dopo la tempesta,possa sorgere nuovamente il sole! La speranza in un nuovo Amore! La speranza in un futuro diverso! Ed è proprio questo il sentimento che accompagna la protagonista di questo romanzo Veronica,una donna che soffre,lotta,cade,si rialza e rinasce! La vita con Veronica non è stata molto benevola,le ha posto dinanzi muri enormi da scavalcare,decisioni e scelte difficile da prendere,tanti dolori da sopportare.

Ma Veronica,come tutte le donne,ogni volta,dinanzi ad ogni nuova sfida che la vita le pone ,l’affronta,a volte sbagliando,a volte cadendo;a volte chiedendo aiuto per rialzarsi ma,tutte le volte,mettendoci il Cuore!! Tre sono gli uomini che segnano,influenzano la vita di Veronica e che sono,nel bene e nel male,fondamentali per il suo percorso di rinascita.Il primo “uomo” ,difficile definirlo tale,è il suo primo marito ,un uomo che Veronica non ha scelto non ha mai amato,un uomo che le è stato imposto! Un uomo che concepisce l’amore come possesso,dominio e sottomissione e che usa,per ottenere i suoi scopi,l’arma più abietta,quella della violenza.Veronica subisce in silenzio,china il capo tante e troppe volte ma poi,finalmente,trova il coraggio di reagire,di fuggire dalla sua prigione e di iniziare la sua vita! Ed è in questo momento che compaiono sulla scena gli altri due uomini della sua vita: Glauco,l’uomo che le fa battere il cuore e che la fa sentire “Donna” e Andrea,l’uomo che,con la sua presenza e dolcezza,la fa sentire al sicuro,protetta.Un eterno conflitto tra Cuore e Ragione è quello che vive Veronica,dilaniata spesso da dubbi ,sensi di colpa e rimorsi e un passato che non vuole abbandonarla ,che non vuole smettere di tormentarla.Veronica,alla fine del suo percorso,impara che,per essere felice,la prima persona che occorre Amare e mettere al primo posto è se stessa ,solo così può poi donare Amore anche agli altri! Un romanzo,questo di Giustina Pnishi che,per l’intensità degli argomenti trattati,non lascia indifferente come la sua protagonista con la quale ho instaurato un rapporto di Odio e di Amore.Ho sofferto e gioito con lei.Ho spesso avuto la tentazione di scuoterla dal suo torpore o di tenderle la mano per aiutarla a rialzarsi o in altri momenti ,avevo voglia di rimproverarla per la sua indecisione e insicurezza,sue cattive consigliere.Un romanzo ben scritto e coinvolgente.L’unico neo che mi permetto di far notare alla scrittrice è che,a mio avviso,si è dilungata troppo sulla narrazione di alcuni eventi,non essenziali al fine della comprensione della storia.Questo suo troppo indugiare può portare come conseguenza,un calo nella concentrazione e nell’interesse del lettore.A parte questo,le faccio i complimenti per il modo in cui ha affrontato un tema così delicato e per il suo messaggio di speranza.

Stelle: 3 stelle.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...